Martedì 20 Novembre 2018
   
Text Size

PRG: il Consiglio di Stato accoglie la sospensiva

palazzo de mari

Incoraggiante notizia per il Comune di Acquaviva delle Fonti. In data 15 Giugno 2012 il Presidente della Quarta Sezione del Consiglio di Stato ha decretato l'accoglimento dell'istanza di misure cautelari provvisorie proposte dal Comune di Acquaviva delle Fonti. "E' un passo importante verso la difesa del diritto della gente di Acquaviva" ha commentato soddisfatto ed ottimista il neo Assessore all'Urbanistica Felice De Marinis.

In data 13 Giugno 2012 era stata depositata, dal legale difensore del Comune di Acquaviva, infatti agli atti del Consiglio di Stato della Repubblica Italiana ( la massima Assise della giustizia amministrativa nazionale) il ricorso in appello contro la sentenza n. 580 del 20 Marzo 2012 del TAR Puglia di Bari (sezione II), il quale aveva accolto il precedente ricorso di Giovanni D’Ambrosio, annullando de facto lo strumento urbanistico generale di Acquaviva delle Fonti. Il legale difensore dell’Ente acquavivese, Franco Gagliardi La Gala , aveva pertanto chiesto una istanza di sospensiva per "sospendere" appunto gli effetti giuridici della sentenza emessa da parte del Tribunale Amministrativo di primo grado. Effetti che hanno portano la regolamentazione del nostro assetto urbanistico alla preistoria. Di fatto oggi gli operatori del settore edilizio devono operare seguendo le indicazioni del vecchio Piano di Fabbricazione datato 1978. Il Consiglio di Stato ha pertanto accolto l'istanza di sospensiva richiesta dal legale dell'Ente acquavivese. La discussione in merito al ricorso, che avverrà in Camera di Consiglio, è stata dunque fissata per il giorno del 10 Luglio 2012. La comunità acquavivese è pertanto appesa al filo della pronuncia della massima assise amministrativa.

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI