Mercoledì 14 Novembre 2018
   
Text Size

1 milione di euro per la Moviter Sud Spa

Consiglio Comunale

La Corte di Appello di Bari ha sentenziato circa 1 milione di euro di risarcimento danni per la ditta Moviter Sud Spa. Una storia che risale a venti anni fa e che nessuna amministrazione ha mai preso di petto. Una storia di mala gestione della res pubblica. Ed oggi la collettività acquavivese è chiamata a pagare pegno. Il 5 Giugno scorso si è discusso un importante consiglio comunale straordinario e monotematico. La maggioranza ha deliberato il riconoscimento del debito fuori bilancio secondo l’art.194 del TUEL.

La Minoranza ha scaricato tutta la responsabilità politica della deliberazione del debito sulle fragili spalle della maggioranza di centro sinistra abbandonando l’aula. A votare i provvedimenti esecutivi sono rimasti solo i consiglieri Morano, Luisi, Colangiulo e Tria (per il Partito Democratico), Benevento e De Marinis (per l’IDV) Caporusso (UDC), Tisci e Borregine (per FLI). I futuristi però hanno votato contro il riconoscimento del debito e quindi contro la linea della propria maggioranza. Se avessero abbandonato l’aula avrebbero fatto mancare il numero legale.

“Io ho la coscienza a posto- ha affermato laconicamente il Consigliere Comunale Roberto Tisci- può venire la magistratura, la Corte dei Conti, i carabinieri a casa, ma io sono in pace con me stesso, non ho nessuna responsabilità in questa vicenda”.

A fine seduta il Consigliere Raffaele Borreggine ha rilasciato ai nostri microfoni una dichiarazione a caldo: "il nostro NO echeggiante nell'aula e dirompente nei confronti di un atteggiamento impaurito della maggioranza e di una minoranza sperduta e nascosta - ha detto Borreggine - non voleva essere soltanto un segnale politico, che passa in secondo piano in questa questione, ma abbiamo voluto attirare l'attenzione sulle omissioni e sulle responsabilità che tecnicie amministratori locali all'epoca dei fatti hanno avuto in questa vicenda. Quando tale provvedimento giungerà alla Corte dei Conti per essere ratificato, forse qualcuno avrà interesse ad indagare in maniera più attenta sulle originie sulla storia processuale che ha portato alla formazione di questo abnorme debito fuori bilancio".

Il futurista ha infine chiosato che “tutte queste motivazioni, i consiglieri di Fli non hanno potuto esporle in modo esplicito e puntuale in una riunione di maggioranza, convocata solamente mezz'ora prima del consiglio comunale e che certamente non può essere giustificata dall'urgenza e dalla straordinarietà del caso. Anzi, proprio per questo, tale argomento andava approfondito, magari alla presenza dei legali che hanno seguito tale annosa vicenda processuale”.

A chi era rivolto questomessaggio? Chi ha le responsabilità per questo macigno che graverà sulle casse della nostra comunità? I cittadini con chi dovranno prendersela per questa dissennata e mala gestione della cosa pubblica? Il tempo come sempre è galantuomo. Non c’è che da aspettare.

 

 

Commenti  

 
#4 ciccio 2012-06-10 09:25
Purtroppo per "ad2011" anche in questa storia le responsabilità di Pistilli sono assai gravi. Pistilli ha governato per 2 legislature di seguito e quindi non può chiamarsi fuori da questa storia che è iniziata nel 1985 o giù di li. Siccome a Pistilli piace parlare molto, sarebbe interessante sentire da lui direttamente come la pensa sulla Moviter. Ma non vorrei sbagliare, Pistilli inizia a tremare !
 
 
#3 ad2011 2012-06-09 17:45
ora dite pure che e' colpa di pistilli.....
 
 
#2 lettore1 2012-06-07 17:11
per curiosità, non si potrebbe leggere il testo della sentenza, oppure una vostra ricostruzione della vicenda? qual'era l'oggetto del giudizio?
 
 
#1 ciccio 2012-06-07 14:28
troppo comodo, per alcuni, approvare il debito fuori bilancio, facendo finta di niente e poi dire "tanto se la vede la Corte dei Conti" ed infine sperare che sotto sotto la Corte dei Conti , siccome ha cose più importanti a cui pensare, non si accorga di questo bubbone del Comune di Acquaviva.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI