Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

"Acquaviva necessita di persone che creino opportunità progettuali"

solazzo eustachio_claudio_01

 

AcquavivaNet è in compagnia del Consigliere di opposizione Eustachio Claudio Solazzo, in quota Popolo della Libertà.

Partendo da un particolare parallelismo, quanto, secondo lei, è coesa la coalizione dell’attuale maggioranza, e quanto è altrettanto coesa l’opposizione? In particolare: in questa fase di stasi?

“La domanda è pertinente, soprattutto nel periodo storico cui noi stiamo vivendo. Ritengo, in linea generale, che è difficile trovare uno schieramento del tutto coeso, anche se Acquaviva necessita di persone con un senso di responsabilità e con una volontà personale che li deve contraddistinguere: che deve creare quelle opportunità progettuali per la nostra città. Opportunità progettuali che, al momento, sono completamente abbandonate. Guardate: a me questo fa rabbia. Perché sono quasi venti i giorni senza amministrazione in questa città. Noi dell’opposizione non che stiamo facendo finta di niente. Il sottoscritto ha deciso di non intervenire in precedenza sull’attuale vacatio per dare la possibilità, magari, di far giungere anche ad accordi che non vadano a pietrificare qualsiasi situazione che andrebbe a scapito degli interessi della cittadinanza. Ho lasciato fare, senza polemizzare. Ho lasciato fare, in silenzio, questa maggioranza. Però, nella realtà dei fatti, noi siamo un po’ stanchi. Come opposizioni e come cittadini. Sono proprio stufo di questo modo di lavorare, che per oltre due anni ha garantito immobilismo assoluto, occasioni sprecate, inettitudine amministrativa, brutte figure. La scelta di azzerare l’amministrazione? Magari. Penso che sia stata la cosa più saggia di questa amministrazione. Una cosa saggia. Ma cosa sta succedendo nella realtà dei fatti? Sta succedendo che dall’azzeramento si parla di rimpasto. Sta succedendo che i partiti della maggioranza non si accordano fra loro per gli assessori. E giunti a questo, direi che, a momenti, è stomachevole la situazione. E io già mi vergogno di far parte di questo modello di amministrazione. Mi vergognerei di essere un amministratore comunale. E più di me, dovrebbero vergognarsi gli amministratori della maggioranza. Qui si sta solo giocando sulla pelle dei cittadini: giocando le proprie ambizioni. E da quando il Sindaco aveva simulato di dare le dimissioni, che cosa è cambiato in questi sette mesi? Qualcuno lo sa? Rispondo io: nulla. Soltanto una presa in giro per la cittadinanza. E ogni assessore ha pensato solo, ed esclusivamente, alla corsa alla medaglia. Ci sono state diatribe, non solo all’interno della maggioranza, ma anche all’interno degli stessi gruppi consiliari: con capogruppo che si sono dimessi e che poi hanno ritirato le loro dimissioni. Tutta questa vicenda è “fantozziana”: ora cosa evocherebbe un comunicato stampa di tutte le forze di maggioranza per spiegarci che tutto va bene e che l’azzeramento è realmente in atto? O da qui a poco il nuovo ciclo? Ma voi pensate veramente di prendere in giro qualcuno? Dovete essere responsabili, la situazione locale, come quella degli altri enti a livello nazionale, è veramente catastrofica. Io, a livello cittadino, non faccio guerre fra destra e sinistra, però prendo in considerazione la volontà, la determinazione, della gente. Tante volte, durante precedenti interviste, interrogazioni durante i consigli, ho anche lodato alcuni esponenti della maggioranza: oggi ho anche difficoltà a tessere nuove lodi. Ci si litiga per una ripartizione delle poltrone. Sapete cosa vi dico: Acquaviva, con questo giovane Sindaco, doveva voltare pagina: ciò non è stato. E sono peggio di quanto ci si poteva aspettare. Da occhio esterno, credo che questa maggioranza abbia tanti problemi e non si litiga sui progetti o su una sana competizione fra diverse azioni politiche, o sui programmi. Noi, opposizione, siamo decisamente coesi. A prescindere il caso De Marinis.”

Ma per quanto riguarda SEL sarebbe un gesto incoerente l’eventuale suo reintegro nel contesto di centrosinistra?

“Guarda, in tutta onestà, dico che la situazione politica di SEL è chiara e limpida. SEL ha detto che non ha condiviso il programma elettorale della maggioranza. È una posizione che rispetto, perché parliamo di persone serie. Di coscienze critiche, capaci di discutere anche di bene comune. Non sarebbe neanche un’assurdità che la stessa SEL entrasse a far parte della giunta, perché sarebbe proprio quella la sua collocazione naturale.”

Il centrodestra, ad Acquaviva, è eguale PDL? Oppure è una dimensione fatta di diverse anime ancora tutta da definire?

“Sebbene il mondo del centrodestra sia coeso, viviamo una situazione ancora da chiarire. Ma ci sono anomalie ancor più particolari. Dove esiste un partito fondato a centrodestra nel centrosinistra. Dove ci sono espressioni di centrosinistra nel rappresentare la volontà politica di un Consigliere Regionale già eletto nelle liste del PDL, per poi uscirne.”

La sua questione in merito all’antenna Wind: qual’ è la sua analisi?

“Su quella, io sono stato chiaro sin dal primo momento: nei mesi scorsi, ho già detto che la soluzione era solo quella momentanea di spostare l’antenna nelle zone consentite dalle leggi e dai regolamenti. Dal punto di vista giuridico, si poteva soltanto scegliere di evitare. Piazzare l’antenna sul Castello resterebbe una soluzione improbabile, ma per come stanno andando veramente le cose resterebbe finanche una soluzione da non trascurare.”

 

Commenti  

 
#2 michele g. 2012-04-28 10:43
Però!!Solazzo c'è da dire che non è stato il solo ad andarsene dal PD per sostenere schittulli!! Solo che il PD fa fare i segretari a quelli che si sono schierati dall'altra parte..che strana la "politica" della presunta sinistra in questo paese!!
 
 
#1 cittadinoacquavivese 2012-04-23 18:58
consigliere solazzo, ma proprio lei parla di coerenza?? lei che che dal partito democratico è passato al centrodestra solo per avere una candidatura alla provincia?? dal pd a schittulli al pdl... queste erano le sue progettualità?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI