Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

PD, il punto del Consigliere Giuseppe Luisi

80c475b51f153807b9ca6e8c91ee4864106567ad 320x150_Q75

AcquavivaNet- La Voce del Paese propone ai suoi lettori l'intervista al consigliere comunale Giuseppe Luisi (Partito Democratico).

Qual’ è la sua analisi in merito alla presente parentesi temporale che vive il governo cittadino?

“È innegabile che, dal momento del suo insediamento, questa amministrazione stia attraversando la sua fase più critica. Credo che il Sindaco, così come l’intera cittadinanza, si sia reso conto che una nuova fase, che in più occasioni ha definito “seconda” – anche se io l’avrei definita “ultima” – fosse ormai inderogabile e al contempo imprescindibile per ridare credibilità ad un’azione amministrativa che, per diversi motivi, non è riuscita a fornire molte di quelle risposte che i nostri cittadini attendevano. E lasciatemelo dire: meritavano.”

Fosse lei il Primo Cittadino, procederebbe con un rimpasto o con un azzeramento?

"Non essendo il Primo Cittadino sarebbe fin troppo facile eludere questa domanda, ma ritengo che, al di là di quello che possa ritenersi un rimpasto o una sostituzione o addirittura un azzeramento, siano semplicemente due i fini da perseguire: uno sicuramente è rappresentato dalla miglior giunta, l’altro dalla giusta stabilità amministrativa e politica. Sono fermamente convinto che questi siano i due criteri che adotterà il nostro Sindaco: se lo conosco bene. Il mio auspicio è che, qualunque decisione riguardante la sua Giunta alla fine il Primo Cittadino riterrà opportuno prendere, venga rispettata, e condivisa in maniera responsabile, da tutti i partiti per il bene della nostra città. A volte con la parola azzeramento intendiamo solo una “semplice” sostituzione di nomi, ma credo sia più importante porre l’accento sulla distribuzione, o riordino, delle deleghe: e non solo sulla cosiddetta persona fisica. Nulla osta che alcune deleghe possano addirittura essere affidate ai Consiglieri comunali, rimanendo tali. Ma questo è solo il mio pensiero. Se la memoria non mi tradisce, anche la giunta Vendola ha attraversato una fase simile alla nostra, definendola azzeramento. Ma ciò non gli ha comunque vietato di riconfermare alcuni assessori. Pertanto, sottolineo che non mi stupirebbe alcuna scelta da parte del Sindaco.”

 L’eventuale ingresso di SEL renderebbe ancora più eterogenea la presente maggioranza?

“Mi piace questa cautela nel definire “eventuale” l’ingresso di SEL in questa maggioranza. Come ho ribadito in altre interviste, ho sempre definito SEL l’interlocutore naturale del PD e non credo che renderebbe più eterogenea la presente maggioranza, anzi rappresenterebbe un valore aggiunto. A titolo esemplificativo, nel seguire le diverse amministrative che si terranno tra poche settimane, non ho potuto non notare come diverse coalizioni vedono la presenza di SEL con quello che viene definito Terzo Polo. Come ricordava un vecchio segretario del P.C.I., “le alleanze si formano sui programmi”. Pertanto, in diversi momenti accantonare l’ideologia – che credo non esista più – per dare vita ad un progetto di più ampio respiro, per il bene collettivo, deve rappresentare una priorità.”

Quale forza politica, in seno alla maggioranza, ritiene più eterogenea e meno incline a una collaborazione col PD?

“Come ho già dichiarato nella precedente domanda, ribadisco che quando si condivide un “progetto” per la città non si possono sottolineare differenze di “ideali” che alla fine poco hanno a che fare con la realizzazione di un programma unitario. Questo non significa che non vi siano più delle differenze tra i diversi partiti e che secondo il pensiero qualunquista oramai sono tutti uguali, ma che non è proibitivo ripartire da punti comuni. D’altro canto, il PD è nato proprio da questo principio. Così come sono altrettanto convinto che non vi siano partiti meno inclini ad una collaborazione con il nostro partito, anche perché parliamo del partito che ha la maggior rappresentanza consiliare: l’unico partito che, a differenza di altri, malgrado le diverse vicissitudini che lo hanno attraversato, ha un gruppo consiliare che, oltre a non aver perso pezzi, non è dovuto ricorrere a nessun “mercato di riparazione”. Dobbiamo sempre distinguere chi ostenta una certa forza da chi in realtà la possiede. Il gruppo consiliare del PD rimane e rimarrà il perno di questa maggioranza. Ed è l’unico partito che può decretare la sorte di questa amministrazione. Per tutti questi motivi, credo che a nessuno convenga essere meno inclini alla nostra collaborazione.”

 Quale futuro per Biciviva, antenna Wind, PRG? 

“Per quanto riguarda Biciviva, credo sia oramai ufficiale che la sua inaugurazione si terrà il 5 maggio di quest’anno. Sulla vicenda che riguarda l’istallazione dell’antenna WIND si sta lavorando a stretto contatto con la minoranza: vista l’importanza che questa problematica riveste. Infatti, insieme abbiamo incontrato l’avvocato che rappresenta il nostro Comune e stiamo cercando di risolvere il problema dell’istallazione già avvenuta nel centro storico e cercare di individuare siti alternativi che possano quanto meno ridurre l’impatto sul territorio: ben consci che comunque l’istallazione dell’antenna rientra in quelli che vengono definiti servizi primari. Su questo punto faremo tutto quanto sarà possibile per tutelare oltre la salute dei nostri cittadini, il decoro del nostro paese. Il futuro del nostro PRG è racchiuso nel ricorso che il Comune ha fatto al Consiglio di Stato chiedendo la sospensiva. Con l’auspicio che questa vicenda possa chiudersi in tempi molto stretti ed in maniera positiva, vista l’importanza che questo strumento urbanistico riveste per il nostro paese. Che lo ha atteso per molto tempo.”

Commenti  

 
#3 michele g. 2012-04-27 12:15
La mia visione è basata su fatti, accadimenti, documenti, atti, le visioni costantemente ed unicamente denigratorie sono patrimonio di altre persone, di quelle mosse da interessi ben lontani dal bene collettivo.Se ad altri piace vestirsi di ipocrisia e negare l'evidenza che lo facciano pure.
 
 
#2 cittadinoacquavivese 2012-04-23 19:09
michele g...cosa ti muove? cosa ti spinge ad avere questa visione unicamente e costantemente denigratoria... ? chissà. rimane il fatto che il consigliere Luisi si impegna costantemente e svolge seriamente il suo ruolo di consigliere comunale. il riferimento al trota lo trovo fuori luogo...Michele , possibile che tu non sappia fare altro che sputare veleno?
 
 
#1 michele g. 2012-04-22 18:01
Abbiamo scoperto leggendo questa intervista che anche il Partito Democratico di Acquaviva ha il suo trota, purtroppo non l'unico.Povera Acquaviva....co me stiamo combinati male!!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI