Martedì 20 Novembre 2018
   
Text Size

Azzeramento della Giunta "già rimandato" all'appello di venerdì

palazzo de_mari

In questi giorni, come già noto, a Palazzo De Mari si sta parlando di un eventuale azzeramento della Giunta: azzeramento praticamente sotto esame. Esame delicato: che, praticamente, non è stato ancora ben preparato.

Due riunioni dei segretari di partito di maggioranza non sono bastate: e servirà un terzo appuntamento, già prefissato per il prossimo venerdì e alle ore 15.

AcquavivaNet ha sondato il terreno per raccogliere le ulteriori informazioni. Quelle possibili: dato che ormai è calato non solo un velo di silenzio, ma un muro di riservatezza. Assoluta o relativa.

Ciò che emerge è che il Primo Cittadino sta portando avanti un compito comprensibilmente delicato: come quello di promuovere un eventuale progetto di azzeramento. È anche vero che tale progetto non è esattamente facile: poiché si cercherà poi chirurgicamente di non scontentare gli equilibri interni di una coalizione che si è rivelata col tempo eterogenea. Prescindendo dai simboli e dalle ideologie.

Ma ribadendo la realtà dei fatti, è ancora presto per trarre un giusto profilo: anche se c’è chi sospetta, in qualità di voce già non entusiasta, che, “in quel del De Mari”, non si parlerebbe più di azzeramento…

Secondo questa ricostruzione (cui fonte resta certa: anche se abbiamo chiesto il parere ad altre fonti e queste hanno preferito non pronunciarsi – scelta che comunque e religiosamente rispettiamo…), verranno ridistribuite quasi le stesse deleghe agli stessi partiti; fatte salve alcune possibili varianti.

Ergo, il lato più a destra della maggioranza pare che rischi un discutibile ridimensionamento, mentre alcuni nomi PD e IDV resteranno pressoché invariati.

La partita resta ancora aperta, apertissima: ma qualora fossero riconfermate quasi le stesse nomine, non si parlerebbe più di azzeramento, ma, opportunamente, di rimpasto.

E qualcuno parla di un possibile ridimensionamento “provocatorio” di una certa forza politica: è anche vero che non stiamo parlando degli accadimenti di un Consiglio Comunale, ma solo di semplici riunioni di segretari di maggioranza.

Ma è proprio in queste riunioni che si deciderà il futuro delle restanti adunanze consiliari, “folgorati-sulla-via-di-Damasco” permettendo.

In termini puramente calcistici, quella di venerdì sarà la madre di tutte le partite: e ciò lo si confermerebbe proprio nel pomeriggio di oggi, dove saranno previste riunioni urgenti di partito. O meglio: dei singoli partiti che compongono l’attuale maggioranza.

In particolare: Futuro e Libertà, per iniziativa del suo Segretario locale, radunerà i suoi presso lo Studio Leoncini alle ore 19. Esige un’ampia partecipazione di presenti al dibattito.

Salvo opinioni contrarie (quelle che abbiamo già evidenziato), si tiene ancora in banco il progetto di una Giunta 2.0: già ben conservata sin dalle scosse di terremoto dello scorso metà luglio: quando lo stesso Sindaco Squicciarini era in procinto di dover presentare le proprie dimissioni. Poi ritirate.

Oggi il 15 luglio è palesemente lontano: sono trascorsi diversi mesi e ciò resta solo un dato di fatto. Ma le decisioni del prossimo venerdì, ovviamente, o rafforzeranno la maggioranza in maniera più consona o alimenteranno un altro 15 luglio.

Commenti  

 
#4 il plebeo 2012-04-05 18:16
L'Amministrazio ne Squicciarini in 2 anni non ha realizzato alcunchè di progetti,di provvedimenti importanti. E' deplorevole lasciar trascorrere 2 anni inutilmente, senza alcun giovamento per i cittadini. Questo non è mai accaduto in tutte le Amministrazioni che in un arco temporale di 30 anni si sono avvicendate al governo del nostro paese. Mai visto tanta incapacità e tanta sfrontatezza. Sindaco, che significato può avere l'azzeramento dell'esecutivo? Quali risultati pensa di ottenere dal confronto con i partiti che la sostengono? Io ritengo nessun risultato, dal momento che le posizioni dei partiti sono ormai cristallizzate, e nessuno di essi rinuncerà alla propria posizione ed al proprio tornaconto.Gli schemi sono rigidi, chiusi ed incapaci di progresso. Alcuni assessori sono intoccabili, vedi Mastrorocco, Capozzo?, Casucci?,perchè le loro deleghe sono di sostanza non per l'Amministrazio ne, ma per i propri partiti, sicuramente per l'IDV, un pò meno per FLI.L'UDC è in difficoltà per l'assessore Casucci, mi riferiscono che ci sono mal di pancia all'interno del partito, ma i malpancisti sanno che Casucci è sostenuto fortemente dal consigliere comunale dell'UDC e non solo, perciò sono in difficoltà. Mi riferiscono ancora che il PD vuole due assessorati per i discepoli del Padre padrone del PD. Detto questo quale sarà il restyling della giunta? Con quali risultati? Io ritengo che è giunto il momento di gridare a piena gola: Signori si scende dal Palazzo Comunale.E' arrivato il momento della raccolta delle firme per sfiduciare il Sindaco, perchè questa Amministrazione è motivo di obbrobrio, di vergogna.Questa è la percezione di quasi tutti i cittadini di Acquaviva.
 
 
#3 Cittadino Attento 2012-04-04 19:01
A proposito, si vocifera di una parte assunta dall'Avv. Leoncini che parla a nome di chi? Non si sa, forse solo del proprio?
 
 
#2 Cittadino Attento 2012-04-04 18:59
Quanto lerciume etico e morale si nasconde dietro quedto pseudoazzeramen to. E' questo il bene della comunità? E' questo il modo di ricambiare il lavoro fatto da alcuni assessori che hanno mostrato notevole disponibilità e competenza, buttato forse fuori, secondo i si dice che vorrebbero riconfermati l'ottimo assessore Caputo, il Vice Sindaco Dino Mastrorocco e l'Assessore Francesca Pietroforte, premiata anche, secondo i si dice con l'accorpamento ulteriore dell'assessorat o ai servizi sociali fino ad oggi affidato a Carmela Capozzo, che rimarrebbe fuori, pare per punire il Consigliere Tisci.
Se questa è la politica, se questo è amministrare siamo nella follia più assoluta. Più volte ho cercato di dire che c'è bisogno di coesione, anche delle forze di opposizione per risollevare questa città, ma dimenticavo che siamo amministrati da oltre 20 anni da mediocri mestieranti della politica, politica con la p minuscola, politica fatta di bassa etica. Mi spiace tutto ciò, mi spiace vedere calpestate le dignità degli assessori Casucci e Capozzo con un azzeramento farsa fatto solo per combattere qualcuno, utile però al momento delle votazioni per attrarre consenso e far vincere questa coalizione e il suo sindaco. La speranza è che possa esserci un ripensamento oppure che se azzeramento sia, sia definitivo, di tutti questi 20 consiglieri senza onore e senza gloria e del loro inglorioso sindaco.
 
 
#1 pirata 2012-04-04 12:51
TUTTI A CASA!!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI