Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

"Il T. A. R. mette KO tecnico al P.R.G."

prg

 

Dopo un lungo e travagliato iter il Comune di Acquaviva ha trasmesso il PRG alla Regione con nota del 3 luglio 2008. 
Da allora è iniziata una atipica corrispondenza tra il Comune e la Regione che ha trasmesso esposti di privati su situazioni di incompatibilità di alcuni amministratori Squicciarini e la sua maggioranza, d’intesa con la Regione, hanno deciso di verificare i casi di presunta incompatibilità, accertandone, secondo la loro ricognizione, solo una.
Alla ritenuta illegittimità della partecipazione, l’Amministrazione Squicciarini ha voluto porre rimedio, in autotutela, con la sospensione delle aree in questione con la delibera di Consiglio Comunale n° 29 del 29 novembre 2010.
Prima di entrare nel merito della discussione, il Consigliere Pistilli chiese il parere di legittimità sul provvedimento perché convinto che la soluzione prospettata non avrebbe risolto il problema ma causato conseguenze nefaste quali la invalidazione del PRG.
Difatti la Regione non poteva prendere in considerazione le denunce anonime perché ha competenza solo per l’aspetto urbanistico e
tantomeno può sostituirsi al TAR per presunte illegittimità.

Neanche il Comune poteva fare ciò che ha fatto con la delibera di C.C. n° 29 del 29 novembre 2010.
Il Comune doveva sollecitare l’approvazione del PRG e comunicare alla Regione che eventuali incompatibilità sarebbero state accertate dal Tar se interessato il giudice amministrativo.Questa era l’unica via da seguire con la logica ed il buonsenso perché il comune non può sospendere nulla e tantomeno cercare eventuali incompatibilità.
Solo il tribunale amministrativo può farlo con una sentenza passata in giudicato.
La delibera approvata dall’Amministrazione Squicciarini nel novembre 2010 è illegittima ed il Consigliere Pistilli, prima  dell’approvazione, ha sollecitato più volte il parere del Segretario Generale che non ha mai ricevuto. Nel suo intervento, (è tutto riportato) ha dichiarato che l’approvazione di quella delibera avrebbe causato l’annullamento del PRG perché avrebbe riaperto i termini per eventuali ricorsi. Ma caparbiamente l’Amministratore Squicciarini prima con la commissione interistituzionale, dopo con questa delibera ha inficiato l’approvazione del PRG.
Su Palazzo de Mari a causa di una gestione scriteriata il caos regna sovrano.
Questa classe dirigente incompetente ha portato il paese in asfissia.

Mandiamoli a casa!


Acquaviva delle Fonti, 30.03.2012

*Francesco PISTILLI

Commenti  

 
#3 ad2011 2012-04-03 09:52
Cittadino attento solo pistilli può salvare Acquaviva dallo sfascio....rico rdatelo
 
 
#2 nice 2012-04-02 12:19
Franco ci manchi!
 
 
#1 Cittadino Attento 2012-04-02 11:59
Caro Dottor Pistilli, ancora una volta ci troviamo a leggere un suo scritto che è probabilmente il frutto di farneticanti ricerche di aggrapparsi agli specchi, infatti è a tutti noto che l'incongruenza nata perchè il PRG sia giunto a questo punto è dovuto esclusivamente ad un vizio inziale, causato dalla presenza di un Consigliere della Sua Maggioranza, che ha partecipato con il suo consenso, intento ad ottenere l'approvazione del PRG, ad una votazione alla quale non doveva partecipare. Oggi recriminare è un atto di sciacallaggio è una barbarie che cerca di buttare fumo negli occhi dei cittadini per fuorviarli dalla verità, verità che è una e una sola, quella che Lei e la sua giunta hanno approvato un PRG con l'ausilio dell'allora minoranza che oggi è maggioranza che altro non è che Lei prima ha voluto mettersi la coccarda del salvatore del PRG, con una delibera viziata, oggi Lei ci dice che la colpa di questa maggioranza, con tutti i suoi bla bla bla, il tutto con poca onestà intellettuale e presa in giro di noi cittadini. Siamo stufi della sua politica, della sua arroganza e di questa politica di cui lei da 20 anni è attore che ha mandato allo sbando la nostra comunità.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI