Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

GIOVANE ITALIA: "STUPORE PER L'INIZIATIVA DI PARADISO"

logo-giovane-italia

 

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato stampa:

La Giovane Italia di Acquaviva apprende con vivo stupore l’iniziativa personale (pur lodevole) dell’iscritto Michele Paradiso, il quale nella sua interessante intervista parla a nome della “base dei giovani del PDL e della GI”.
Ne la base giovanile della GI di Acquaviva, ne il suo Segretario sono stati informati di questa iniziativa unilaterale. Ne tantomeno l’iscritto Paradiso ha coinvolto in questa lodevolissima iniziativa (e/o discusso in pubblica riunione) la nostra base.
La Giovane Italia dunque non essendo al corrente di questa iniziativa ne tantomeno invitata dagli organi direttivi dei Giovani Democratici, resta davvero basita dinanzi ad un atteggiamento poco trasparente e poco democratico nei confronti dei tanti iscritti del movimento.
Cogliamo qui l’occasione per rivolgere comunque i nostri più sinceri e calorosi auguri al nuovo segretario dei GD di Acquaviva Stefano Bianco per le nuove e stimolanti sfide che lo attendono da domani.
Tanti, troppi sono i problemi che attanagliano noi giovani a partire dalla mancanza cronica di spazi pubblici di aggregazione e socializzazione. Mancano purtroppo nel nostro paese contenitori culturali atti a far crescere e migliorare la nostra cittadina e i nostri giovani.
La GI è pronta in qualsiasi momento alla collaborazione proficua con tutti i movimenti giovanili presenti sul territorio che abbiano come unico fine la crescita economico-sociale e culturale di Acquaviva.
Siamo convinti che solo insieme, mettendo da parte vecchi modelli politici del passato che non ci appartengono, il nostro paese potrà tornare a risplendere come un tempo.
Noi giovani siamo il Futuro. È ora che insieme tutti i ragazzi e le ragazze di Acquaviva tornino davvero protagonisti.

Il Segretario della Giovane Italia Acquaviva delle Fonti
Dott. Mario Radogna

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI