Martedì 13 Novembre 2018
   
Text Size

IL BILANCIO PARTECIPATIVO ENTRA NELLA FASE OPERATIVA

Bilancio Partecipativo

 

Il Sindaco, Ing. Francesco Squicciarini, invita la cittadinanza a sottoporre all’attenzione dell’Amministrazione Comunale proposte ed iniziative nella prospettiva di predisporre il bilancio di previsione per l’anno 2012.

Al fine di agevolare il confronto con i cittadini ed incentivarne la partecipazione, l’Amministrazione Comunale ha inteso organizzare una prima fase di incontri nei diversi quartieri della Città a contatto con le loro realtà quotidiane.

Per semplicità organizzativa si è pensato di individuare, quale riferimento geografico sul territorio, le parrocchie ed i propri quartieri di riferimento.

Le proposte dei cittadini verranno suddivise in tre categorie: “segnalazioni”, proposte di interesse del quartiere e proposte di rilevanza cittadina e verranno valutate in base al proprio grado di fattibilità e compatibilità con le risorse finanziarie disponibili, definendo un elenco di priorità.

Le proposte potranno anche essere presentate utilizzando l’apposita scheda predisposta e disponibile sul sito internet del Comune (www.comune.acquaviva.ba.it) .

Successivamente a questo primo ciclo di incontri di quartiere, si procederà ad un secondo ciclo di incontri nel corso dei quali si affronteranno tematiche di carattere generale (lavori pubblici, cultura, sport, socialità, attività produttive, mobilità, ecc.). Il calendario di questi incontri sarà reso noto nei prossimi giorni.

Acquaviva delle Fonti, lì 09 febbraio 2012

Di seguito il programma degli incontri nei vari quartieri.

DATA INCONTRO

QUARTIERE DI RIFERIMENTO

LUOGO

Lunedì 13 febbraio

Ore 18,30

Centro storico; Sant’Eustachio; Santa Lucia; Sant’Agostino

Sala conferenze ALA NORD –

Palazzo De Mari

Martedì 14 febbraio

Ore 19,00

San Domenico

Oratorio San Domenico

Mercoledì 15 febbraio

Ore 18,30

Santa Maria Maggiore

Oratorio Santa Maria Maggiore

Venerdì 17 febbraio

Ore 18,30

Sacro Cuore

Oratorio Sacro Cuore

Giovedì 23 febbraio

Ore 19,00

San Francesco

Oratorio San Francesco

Commenti  

 
#5 Democratico 2012-02-13 17:27
Perchè ti è vietato entrare nell'Ala Nord del Palazzo??
Se vuoi veniamo a casa tua!!
 
 
#4 natmi 2012-02-13 10:41
sono gli stessi: noi cattolici siamo accoglienti e pronti al dialogo con tutti, soprattutto quando si tratta della nostra città e dei beni che sono di tutti...se poi conosci altri luoghi riscaldati, ampi che possano accogliere numerose persone, falle presenti. Smettiamola di fare i detrattori di tutto e diamoci una mano a vicenda per fare qualcosa di buono...
 
 
#3 CITTADINO ATTENTO 2012-02-13 10:10
L'Ala nord non è una sede religiosa, la divisione in quartieri presumo sia stata fatta solo per identificare aree geografiche omogenee per servizi e bisogni, non perchè gli incontri siano riservati ai soli cattolici. E' stata presumo una scelta legata anche alla necessità di andare incontro ai cittadini e quindi anche ad anziani e disabili, che in locali più vicini alla loro residenza avrebbero la possibilità di partecipare personalmente, anche perchè in questa maniera la disponibilità di posti è più elevata. Mi dispiace che si colga l'occasione per fare sempre polemica sterile, inutile, insulsa, che va contro l'interesse dei cittadini.
 
 
#2 Antonio Girardi 2012-02-12 19:41
L'utilizzo della suddivisione secondo i territori parrocchiali è solo "per semplicità organizzativa", e non un invito esclusivo a quelli che "vanno a Messa": se io sono agnostico, ateo, evangelista, protestante, islamico o quant'altro ed abito su via Leone XIII, parteciperò pertanto all'incontro del 23 febbraio... se poi si vuol polemizzare e lamentarsi a prescindere...
 
 
#1 non credente 2012-02-11 21:01
Per gli evangelisti i protestanti e gli atei, dove sono i punti di raccolta?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI