Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

PRESENTAZIONE DEL PRG: "ECCO ORA COSA FARE"

Lass. Vendola_in_un_momento_dellincontro_pubblico

 

“P.R.G. Nuove prospettive di sviluppo per Acquaviva” è questo il titolo dell’incontro di presentazione del Piano approvato che si è svolto martedì 25 ottobre nella sala conferenze dell’ala Nord di Palazzo De Mari.
Tra gli elaborati del PRG acquavivese compare la “perequazione (distribuire qualcosa a soggetti diversi in base a criteri di equità, può essere parziale o generalizzata in un comparto unico o ad arcipelago) sintetizzabile nell’uguale trattamento delle proprietà immobiliari rispetto alle scelte del piano; nell’acquisizione non onerosa di aree, risorse finanziarie e/o manufatti destinati alle opere pubbliche; nell’incentivazione della realizzazione di iniziative di interesse collettivo da parte dei privati; nella riduzione del contenzioso tra la Pubblica Amministrazione e i proprietari degli immobili da espropriare”.
Dalla presentazione pubblica emerge chiara la linea di indirizzo dell’Amministrazione Squicciarini che guarda al PRG per il suo futuro piuttosto che allo strumento “più flessibile e moderno del PUG che a detta di Vendola avrebbe un iter lungo”. Sviscerata anche la questione del SIC (Sito di Interesse Comunitario) le cui zone non permetterebbero al nostro paese la realizzazione di residenze stagionali, argomento delicato che vedrà l’UTC e Amministrazione impegnate nei numerosi ricorsi arrivati in questi mesi.


Ulteriori approfondimenti nel terzo numero della Voce del Paese domani in tutte le edicole del paese!

 

Commenti  

 
#2 ciccio 2011-10-30 09:55
Ma Squicciarini quando gli fanno domande imbarazzanti fa sempre la tosse ?
 
 
#1 giusy 2011-10-28 09:40
La presentazione del PRG del nuovo Assessore: ... una mezza delusione. Corre voce in paese che la vera ragione per cui c'è stato questo incontro pubblico con la città era quella di fare un po' di fumo (e niente arrosto). D'altra parte ieri in Tv abbiamo visto l'ing. Cassano che è stato chiaro... più chiaro di così. Se poi si tiene conto che certe affermazioni vengono oltre che da un tecnico anche da un consigliere comunale, allora il quadro è completo. Adesso mi spiego perché Squicciarini quella sera ha fatto di tutto per evitare di scendere nei dettagli... era in forte imbarazzo (come sempre). Inoltre poi sembrava che ci fosse un accordo implicito fra la P.A. e la categoria dei tecnici. Domanda: possibile che di tutti i tecnici che abbiamo ad Acquaviva, è intervenuto soltanto l'ing. Cassano? come mai questo silenzio? chi tace acconsente?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI