Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

I PRELIMINARI POLITICI DELL'ULTIMO CONS. COMUNALE

cons._comunale_del_23_settembre_2011

E’ stato celebrato venerdì 23 settembre 2011 a partire dalle ore 16: 49 il Consiglio Comunale di Acquaviva delle Fonti. Tre i consiglieri che all’appello sono risultati assenti: T. Montenegro, R. Tisci e R. Borreggine (questi ultimi due entrati poi in aula dopo le 18 circa). La seduta, in aggiornamento della 2^ convocazione del cons. comunale del 20.09.2011 (per saperne di più: http://www.acquavivanet.it/politica/2278-consiglio-comunale-2-punti-su-sette.html), ha visto la trattazione degli argomenti posti all’o.d.g. prot. 18298 del 16 settembre scorso.

Il consiglio comunale è stato caratterizzato da una lunga Fase di Preliminari che si è protratta fino alle 20: 10, a cui è seguita la trattazione dei 4 punti su 5 posti all’OdG (Lettura e approvazione dei verbali delle precedenti sedute, Interrogazioni, interpellanza, Mozione, 1° e 2° Lottizzazione. Rimandato in aggiornamento al prossimo C.C. il 7° Punto relativo il conferimento della civica benemerenza al prof. Cesare Colafemmina). All’apertura dei lavori ciascun consigliere comunale è stato invitato dal presidente del cons. avv. Maurizio a intervenire (10 minuti di tempo a testa) per manifestare le proprie riflessioni sulla crisi politica dell’Amministrazione Squicciarini.

A rompere il ghiaccio è stato il cons. Demarinis V. (Pistilli per Claudio Giorgio sindaco) che chiedendo la parola ha manifestato la sua incondizionata solidarietà politica e personale al suo predecessore (F. Pistilli) recentemente condannato (la Cassazione qualche giorno fa ha confermato la sentenza della Corte d’Appello per il reato ex art. 321 e 319 bis c.p.). Nel suo intervento ha poi annunciato: “abbandono il gruppo politico a cui appartengo per passare al Gruppo Misto. Questo Paese pullula di sciacalli politici.[…] Non posso pensare di frequentare persone che appartengono solo al mio schieramento politico, per me è una cosa insopportabile”.

Alle 16: 56 il cons. Colangiulo dopo aver comunicato ai presenti che intorno alle 14,30 è avvenuto sulla S.P. Acquaviva-Santeramo nei pressi del Miulli l’ennesimo incidente stradale che ha visto il coinvolgimento di quattro auto (per saperne di più: http://www.acquavivanet.it/cronaca/2293-sei-feriti-sulla-acquaviva-santeramo-coinvolti-4-veicoli.html) ha esortato il sindaco ad attivarsi immediatamente nei confronti della Provincia di Bari affinché i lavori per l’ammodernamento inizino il più velocemente possibile.

Il cons. Cassano (CdA) ha ribadito con fermezza la sua ‘ protesta e dissenso’ per la mancata integrazione della mozione da lui presentata il 19/9/2011, che ai sensi dell'articolo 32 comma 2 del regolamento comunale, si sarebbe dovuta inserire nell’OdG dell’odierna seduta (per saperne di più: http://www.acquavivanet.it/politica/2283-cda-qmozione-compositaq-ultimo-accorato-appello.html). “L’inserimento di una mozione nell’OdG – ha detto il pres. Del cons. Maurizio- è un’eccezione non una regola”, giustificazione questa che non ha soddisfatto affatto l’Ing. che prontamente ha detto: “ci si arrampica sugli specchi, la gestione amministrativa di questo consiglio comunale mi lascia ancora una volta perplesso”.

Alle 17: 05 il cons. Paradiso rivolgendosi al Segretario Generale ha chiesto di sapere se le Delibere di Giunta n° 95, 96, 97, 98 del 20 maggio 2011, siano state pubblicate in Albo pretorio sia fatta una verifica immediata. È seguito poi l’intervento del cons. Attollino che rivolgendosi al pres. del consiglio Maurizio ha chiesto una ricapitolazione sull’attuale conformazione dei gruppi consiliari e dei rispettivi capogruppo di riferimento per evitare la confusione.

Ho ascoltato le dichiarazioni del cons. Demarinis – riferisce Carucci (SeL, capogruppo del Gruppo Misto) gli do il benvenuto nel mio gruppo ho difficoltà però nel comprendere le ragioni, questo è un fatto grave. Il Gruppo Misto è come il porto di Gibilterra, è aperto. Chiedo al cons, Demarinis di essere più chiaro sulle sue dichiarazioni se lo ritiene opportuno”. Alle 17: 12 F. Montenegro rivolgendosi all’assessore alla Viabilità Avv. Casucci ha chiesto di prestare maggiore attenzione al rifacimento del manto stradale, in modo particolare ai passaggi dei disabili e alle strisce pedonali per evitare di continuare a sbagliare.

Alle 17: 15 il sindaco Squicciarini facendo riferimento alla crisi politica coincisa con il periodo delle sue dimissioni ha posto l’accento sulla necessità di “recuperare le ragioni del proprio mandato”. Nel suo intervento ha parlato di una “ricerca di serenità che ha aperto ad un confronto serrato all'interno della maggioranza per garantire un’azione di governo decisamente più incisiva capace di ottenere più risultati e dare risposte concrete alla città”. Dopo aver ammesso i suoi errori ha detto che il mandato affidato dagli elettori non può essere tradito, “i temi sono tanti, le urgenze ancor di più”. Riferisce di aver individuato due necessità: -Riorganizzare la macchina organizzativa (Uffici) per dare una nuova forma alla Giunta Comunale; -Prestare attenzione agli aspetti programmatici (PRG approvato qualche mese, fa strumento urbanistico che si augura possa dare una svolta alla nostra economia; il Bilancio di Previsione approvato; e i lavori che avranno presto attuazione a Scappagrano, quelli relativi la pubblica illuminazione, e gli impianti fotovoltaici che verranno posti sugli edifici pubblici avranno presto una piena attuazione). Proseguendo il suo intervento, Squicciarini ha poi precisato che la sua Amministrazione nelle prossime settimane (al di là dei tempi previsti dal cronoprogramma) sarà impegnata per “il servizio di igiene urbana, la questione 167, il trasferimento del Tribunale presso l’ex Miulli in via Gioia, e il progetto di l’allargamento della Zona PIP; acquisiremo professionalità che saranno in grado di provvedere alle prescrizioni, avremo un Ufficio di Piano”. Ha poi anticipato che darà una nuova forma alla Giunta, si avrà una riorganizzazione delle deleghe e verranno nominati due nuovi assessori (URBANISTICA affinché il PRG trovi immediata e rapida attuazione; POLIZIA MUNICIPALE E VIABILITA’). “Ci siamo dati nuovi tempi, daremo risposte concrete alla cittadinanza nelle prossime settimane”. Entro il 31/12 partirà l’attività di monitoraggio continuo rispetto agli obiettivi programmatici, “sarà mio compito darne informazione ai cittadini, tempi e obiettivi saranno oggetto di confronto. Nei prossimi giorni ci sarà un faccia a faccia con cittadini”, una conferenza stampa pubblica senza alcuna riserva. Il sindaco ha ammesso di aver avuto “difficoltà di comunicazione, abbiamo ora superato questo limite, ci sarà a breve una nuova organizzazione della Segreteria”.

Alle 17: 33 il cons. Giorgio ha augurato all’Ing. Demarinis “un proficuo lavoro, spero che rimanga da questa parte del consiglio comunale, il vocio di piazza non si spegne certo andando in un altro Gruppo Consiliare, anzi! Il 12 settembre scorso il segretario del PD (Vito Caroli) nell’articolo (per saperne di più: http://www.acquavivanet.it/politica/2247-nuovo-assessore-per-il-pd-per-rilanciare-lazione-di-governo.html) ha fatto riferimento precisa l’ing. Giorgio, al bisogno di maggiore visibilità, “può darsi che io capisca male, il PD vuole un ulteriore assessore, le dichiarazioni del sindaco sono il sintomo di fallimento di un anno e mezzo, nulla è stato fatto (Variante Modifica al Regolamento della Z. I.). Mi auguro che professionalità competenti risolvano i problemi di Acquaviva”.

Il prof. Carucci (SEL) prendendo la parola ha annunciato che questa sera alle ore 19,30 terrà un pubblico comizio (per saperne di più: http://www.acquavivanet.it/politica/2285-domenica-25-settembre-pubblico-comizio-di-sel.html). Questi in sintesi i 4 punti che apprendiamo da una nota verranno presi in esame:

1) Preoccupazioni intatte, il disastro perdura il paese è in agonia, il sindaco stesso ammette stasera l’estrema modestia dei risultati, cioè il fallimento della sua Giunta.

2) La Maggioranza assume o tende ad assumere una più marcata caratterizzazione moderata, se non addirittura di destra, in una quadro preoccupante di trasformismo crescente.

3) Le dimissioni tra le lacrime si sono trasformate in una ridicola farsa di baraccone che giudichiamo con severità

4) SEL sta e resterà all’opposizione di un’amministrazione comunale rispetto alla quale siamo alternativi; SeL continuerà la sua attività politica tra i lavoratori, i giovani, le donne, i precari cioè le componenti sociali estranee agli intrighi delle oligarchie trasversali e lavorerà nel breve e medio termine per realizzare con le forze, tradizionali ed eventualmente trasversali, che saranno d’accordo con noi la caduta di quelli che giudichiamo con serenità l’amministrazione comunale più incapace della storia acquavivese degli ultimi quarant’anni.

Alle 17: 50 il cons Solazzo ha poi dichiarato “dal vostro insediamento constatiamo una disorganizzazione totale. Gli assessori che verranno nominati di quale appartenenza politica sono? Al momento risposte certe e concrete non ne abbiamo, mi auguro che siano soggetti non estranei alla nostra città”. […] Forte con l’espressione ‘Do Ut Des’ l’accusa mossa al sindaco per le due nuove nomine, “speriamo che a fine settembre ci siano assessori competenti, nel PD si notano lacerazioni. […] Il gruppo consiliare di maggioranza relativa in consiglio comunale è il gruppo MISTO!

Alle 18:04 Cassano ha chiesto poi di poter intervenire nella discussione politica per esprimere la sua riflessione, l’ing. Ha ribadito la mancanza di chiarezza e il non rispetto del cronoprogramma. “Niente è stato fatto! […] questa è la peggiore amministrazione degli ultimi decenni. Spero che chi di doveri controlli ciò che accade in questa città […], Compagnia delle Arti denuncia le inadempienze di questa Amministrazione Comunale che persevera, spero che qualcosa di positivo si verifichi”. Petruzzellis nel suo intervento ha detto “la vostra impreparazione amministrativa è evidente! (riferendosi al prossimo OdG del 30/9 ‘Rendiconto ed Equilibri di bilancio). Al prossimo comizio proporremo soluzioni alternative senza prendere soldi dalle tasche dei cittadini e provvedimenti di portata ampia, a lungo termine nell’interesse della popolazione e dei giovani, ci aspettiamo che l’amministrazione Comunale partecipi. C’è bisogno di operatività”. Attollino contesta al sindaco Squicciarini di aver sottratto la sua persona al confronto politico, mettendolo alla porta, “come sempre ho fatto continuerò a fare proposte. […] mi auguro che questi due assessori fuoriclasse riescano in tre mesi a fare ciò che finora. Qual è la sua maggioranza? La confusione regna sovrana, quali sono i consiglieri comunali che la sostengono? E gli assessori? Mi auguro che i prossimi consigli comunali siano seri e corposi per evitare di presentare interrogazioni e mozioni”.

Alle 18: 36 il cons. Colangiulo ha precisato che con la consegna del Documento Programmatico al sindaco è stata rilanciare la fiducia da parte del PD in previsione di una maggiore collaborazione da parte di tutti gli altri partiti per risolvere i problemi “rinunciando ad atteggiamenti ostruzionistici e deleteri privilegiando una coesione che va oltre le barriere ideologiche”. F. Montenegro che messo in evidenza che attualmente il “PD è senza capogruppo”, […] “quando si sale su Palazzo De Mari il programma elettorale diventa carta stracci”. Alle 19: 01 il cons. Caporusso ha chiesto di giustificare la sua assenza nello scorso consiglio comunale “per motivi di lavoro”. Il progetto iniziale – ha precisato- deve essere portato avanti e rispettato”. La Morano, Capogruppo dimissionario del PD, nel suo intervento ha posto invece l’accento sulla necessità di cambiare metodo per venire incontro alle necessità della città, a breve invierò una nota alle testate giornalistiche”. Luisi giustifica la sua assenza per motivi di salute. Ore 19: 22 Paradiso comunica che non interverrà per l’interrogazione n° 5 posta all’OdG per non far perdere tempo alla macchina organizzativa. “Quale è la geografia dei gruppi politici di questa Amministrazione Comunale?”.

Il cons. Tria ha precisato “è doveroso dare chiarimenti alla città, prenderci le dovute responsabilità oggi la maggioranza conferma al sindaco Squicciarini la sua fiducia e la volontà di andare avanti”. Ha poi condannato con fermezza le dichiarazioni dell'opposizione definendole “sibilline, false e strumentali” e ribadito la volontà del PD di sostenere il programma elettorale e questa maggioranza che governa la città. “La crisi- prosegue- ha raggiunto l’apice con le dimissioni del sindaco Squicciarini, la città ci chiede ora il perché. È siglato oggi un nuovo Accordo, il documento è la volontà di un partito, il PD che ha cuore le sorti della città e che sarà il primo a verificare e a fare chiarezza!”.

Alle 19: 39 è seguito l’intervento del sindaco Squicciarini: “Non ritengo si sia fatto un passo indietro, non abbiamo nascosto ai cittadini le difficoltà, ora dobbiamo dare slancio e rilanciare le attività amministrative”. Facendo riferimento alla nomina dei nuovi assessori (intervento di Solazzo) ha detto: “le scelte che si fanno sugli uomini sono sulle competenze, si va oltre la territorialità!”. In riferimento ai ‘Poteri Forti che ostacolano i provvedimenti e alla presenza della censura su alcuni atti, rivolgendosi al cons. Cassano gli ha detto: “faccia nomi e cognomi, definendo le circostanze. Lei che è stato a lavorare con noi ha potuto vedere che le proposte che erano in sintonia con il programma sono state sempre oggetto di attenzione; le dinamiche amministrative devono essere ora accelerate, le illazioni non favorisco un clima di lavoro sereno nell’interesse della città, se ha qualche elemento la prego di chiarirlo!” Rivolgendosi poi ad Attollino “io non l’ho messa alla porta!”. Accettiamo critiche positive per il rilancio dell’azione amministrativa”.

Alle ore 19: 54 si è conclusa la prima parte del consiglio comunale (Fase dei Preliminari).

A breve la seconda parte con il resoconto dei 4 punti all’OdG.

Commenti  

 
#1 ciccio 2011-09-25 15:07
Il Documento programmatico di cui parla Colangiulo, che cosa è ? è un nuovo programma elettorale? significa che quello per cui hanno votato i cittadini un anno e mezzo fa, non vale più niente? vuol dire che quel programma per il quale è stato eletto Squicciarini non esiste più? o addirittura che non è mai esistito? cioè quel programma era una bufala, scritto tanto per carpire il voto degli acquavivesi ? Queste domande le rivolgiamo in primis alla Compagnia delle Arti ... rispondano Cassano, Lombardi e Della Corte: la loro presenza nella coalizione era un valore aggiunto per migliorare la città o per ingannarla?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI