Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

NUOVO ASSESSORE PER IL PD PER RILANCIARE L’AZIONE DI GOVERNO

logo_PD_big

A poco più di un mese dalle dimissioni (poi ritirate) del Sindaco Francesco Squicciarini, la verifica politica attuata in seguito a tale accadimento è ancora in corso tra le forze di maggioranza e pare non sia ancora arrivata ad una concordia tra le parti. In piena estate si è parlato della probabile nomina di un Assessore all’Urbanistica (un super tecnico come Caputo) poi tutto, è rientrato. Insomma mettere armonia tra le parti è davvero un opera complicatissima, che richiede molta pazienza e lungimiranza. Questa mattina il Partito Democratico (il primo partito di Acquaviva) ha consegnato nelle mani del Sindaco un documento programmatico che mira a rilanciare al più presto e con qualità l’azione di governo finora del tutto invisibile.

vitocaroli Questa mattina abbiamo consegnato al Sindaco un documento sottoscritto dall’intero PD in cui confermiamo la fiducia al Sindaco e l’appartenenza a questa maggioranza. Entrambe le posizioni però sono subordinate ad una serie di misure che il partito vorrebbe che il Primo Cittadino faccia proprie assieme all’intera maggioranza. Si tratta ne più ne meno di quello che abbiamo sottoscritto nel programma elettorale e che per una serie di motivi anche esterni alla maggioranza si sono persi per strada. Intendiamo dare nuovo vigore alla maggioranza e lo abbiamo fatto con un documento ufficiale che ripeto abbiamo affidato nelle mani del Sindaco Squicciarini”-queste le dichiarazioni rilasciate ad Acquavivanet dal Segretario del Partito Democratico Vito Caroli.

Dal documento è possibile leggere: “il PD confermerà fiducia e sostegno politico subordinatamente al puntuale e utile epilogo della verifica e all’individuazione di regole, metodo e organizzazione in grado di segnare realmente e concretamente il tanto agognato rilancio del’azione politica-oltre che amministrativa-finora poco incisiva e quasi del tutto impercettibile”.

Ricordiamo ai lettori che nel penultimo consiglio comunale la maggioranza, ma soprattutto il Partito Democratico perse pezzi importanti. Tutti ricordano infatti l’intervento del consigliere Imma Morano con il quale sanciva la propria indipendenza dal gruppo consiliare del PD, dimettendosi da consigliere capogruppo. Tale decisione assieme poi alla precedente decisione del consigliere Francesco Attollino di abbandonare anche egli la carica di consigliere capogruppo dell’UDC apri la crisi politica che poi portò alle inevitabili dimissioni del Sindaco.

La Morano con la sua dichiarazione in consiglio comunale allo stato attuale non è più capogruppo del PD però fa parte ovviamente del partito sia pure con dei distinguo e in una posizione di indipendenza che lei ha formalizzato nello stesso consiglio comunale in cui ha ratificato le stesse dimissioni. Io da segretario politico dopo l’ultimo consiglio comunale sto compiendo tutti gli sforzi possibili per riportare il consigliere sulle posizioni del PD. È un percorso a volte tortuoso ma non dispero sul fatto che la lieve frattura si possa sanare al più presto. È chiaro che anche il consigliere dovrà compiere quei passi ufficiali e visibili che possano suggellare il risanamento di questa rottura”-ha cosi commentato il Segretario del PD.

Il partito con più peso politico all’interno della maggioranza, finalmente dopo un anno di “stasi” e di divergenze interne ha deciso di far sentire la propria autorevole voce.

Il PD si renderà protagonista di iniziative utili, da un lato a riallacciare i rapporti politici di coalizione con il partito Io Sud e con gli esponenti della lista civica Insieme per Acquaviva, che hanno indiscutibilmente contribuito alla vittoria elettorale e dall’altro a recepire ogni utile possibilità di allargamento dell’attuale maggioranza confrontandosi con quelle forze politiche che pur non facendo parte della maggioranza condividono anche solo alcuni degli argomenti contemplati dal programma elettorale premiato dagli elettori”.

Ecco di seguito la lista delle richieste dei democratici al proprio Sindaco:

· Necessità di un confronto periodico e sistematico (auspicalmente settimanale) del Sindaco con la giunta per realizzare un efficace programmazione dell’attività amministrativa, oltre che per la verifica ed il coordinamento di quella precedentemente programmata e deliberata;

· Necessità di disporre con congruo e ragionevole anticipo di tutta la documentazione amministrativa afferente ai provvedimenti da discutere adottare e approvare;

· Necessità di garantire ai partiti e ai movimenti della colazione tempi utili per o propedeutici dibattiti interni ai propri organi decisionali;

· quorum sufficienti per l’approvazione dei provvedimenti- nell’ambito della maggioranza (possibilmente a maggioranza assoluta dei consiglieri) e contestualmente le conseguenze per coloro che non intendono adeguarsi;

· Razionalizzazione delle deleghe attribuite a ciascun Assessore, con la definizione puntuale e precisa delle relative competenze e il riconoscimento al PD –anche in ragione del mutamento degli assetti numerici che hanno riguardato alcuni partiti della colazione –di una maggiore presenza nella giunta di propri esponenti cui attribuire incarichi di altrettanta maggiore visibilità;

Emerge chiara dunque la posizione del Partito Democratico che rivendica, dato il suo maggior peso politico, una visibilità maggiore all’interno della coalizione governativa. Un nuovo Assessore per i democratici. La domanda è una sola. Chi sacrificare tra gli altri componenti della Giunta senza creare ulteriori e dannose lacerazioni all’interno della coalizione stessa?

Il Sindaco Squicciarini in queste settimane avrà di certo il suo bel da fare.

Commenti  

 
#18 il Generale Lee 2011-09-16 17:32
il "generale" inizia ha fare i soliti discorsetti da "mal comune mezzo gaudio" che non tireranno mai fuori acquaviva dal guado e "il Plebeo" bene fa a tirargli le orecchie.
Ma aldilà di questo, tornando alla questione politica acuavivese, sic stantibus rebus (Cit "il Plebeo"), data:
- la manifesta incapacità dell'attuale maggioranza di attuare il piano concordato con gli elettori, vittima di sole pretese della sua maggioranza;
- vista la totale impossibilità dimostrata in questo periodo, di poter instaurare un dialogo (non oso nemmeno dire dialogo costruttivo,il cui utilizzo sarebbe azzardato, ahimè) all'interno della attuale configurazione di maggioranza;
- visto IDV acquavivese sul quale non spendo parole ma reinvio ad altri commenti, anche solo di questo stesso articolo;
- viste le "infiltrazioni liturgiche";

la soluzione, a mio modesto parere è solo una : RESET ---- A CASA ----
 
 
#17 il plebeo 2011-09-15 20:37
Mister Generale, lei, obtorto collo, fa una difesa d'ufficio,dimos trando nel contempo alla cittadinanza di non voler dire la verità sulle divisioni, ormai insanabili presenti nella maggioranza governativa, e sui mal di pancia numerosi presenti nel PD. Questa Amministrazione sin dalla sua nascita non è composta degli elementi necessari nelle giuste proporzioni: l'IDV è stato premiato nettamente al di sopra dei propri meriti elettorali e di competenza perchè?; l'IDV sin dall'inizio ha preteso ed ottenuto l'agenda politico-ammini strativa, peraltro con pessimi risultati, perchè?; la trasparenza interna ed esterna di questa Amministrazione è garantita?; ritiene che il Sindaco debba rispondere all'intera cittadinanza e non solo ad una parte di essa?; dov'è il cambiamento e la discontinuità rispetto al passato? Quali sono i motivi delle dimissioni del Sindaco? Queste sono domande non di un quaquaraqua ma di tanti cittadini che hanno votato per questa maggioranza e lei Mister Generale con i paraocchi deve avere l'onestà intellettuale di rispondere. Un anno e mezzo di amministrazione è trascorso con quali risultati? I problemi annosi del paese sono ancora tutti lì irrisolti: raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani per la quale nonostante il pessimo servizio ci sarà un aumento della tassa, si continua con le proroghe infinite come nel passato e la gara di appalto è rimandata alle calende greche; la 167 la cui soluzione anche questa arriverà chi sa quando; il PRG praticamente bloccato; la riqualificazion e della zona industriale diventata zona degradata; il recupero del centro storico; il teatro comunale; manca un piano per la viabilità. Tutto ciò inserito in un momento di crisi economica che colpisce drammaticamente molte famiglie di Acquaviva e che sicuramente aumenta a dismisura i problemi.Richia mo alla sua mente faziosa questi problemi perchè ai cittadini non interessano le vicende interne ai partiti, essi vogliono che vengono affrontati e portati a soluzione i problemi del paese. Questa Amministrazione è nata male e le divisioni presenti nella maggioranza precludono la nascita di un progetto di sviluppo ed una prospettiva per il futuro. Si naviga a vista. Lei Mister Generale ritiene che si possa andare avanti in queste precarie condizioni? Auguri!!!
 
 
#16 scandaloso 2011-09-14 17:34
E qual' era il grosso segnale di crescita? leadership di quale partito? del suo e del marito, forse!Dov'era la consigliera Morano quando si mandò a casa Pistilli? Io c'ero, lei no!!rileggetevi la storia ragazzi.
 
 
#15 Generale 2011-09-14 14:04
La politica è sinonimo di movimento,ma la coerenza è un valore indiscutibile. Caro plebeo non si dimette Berlusconi dopo 15 anni di scempio e degrado culturale,perch è deve andare a casa questa amministrazione ? Hanno il dovere di continuare e a fine legislatura saranno gli elettori a decidere.I partiti svolgono una funzione di controllo e nel PD, primo partito di Acquaviva, organizzato in base a Statuto e Codice Etico, tutto è regolamentato. Il segretario e il coordinamento che si riunisce frequentemente a differenza degli altri partiti di destra e sinistra,hanno il dovere di applicare le norme statutarie così come fatto fino ad oggi.Vi invito a leggerle e capirete il perchè di tante cose.Credo sia arrivato il tempo di criticare alcune scelte con delle proposte serie, piuttosto che affidarci ai commenti dei soliti quaquaraqua.
 
 
#14 boomboom 2011-09-14 12:45
@ramos2 : spero tu stia skerzando!!!ci manca solo l'aureola e il vangelo in mano e facciamo della morano una santa!!!!!ma quale segnale di crescita ha dato in questi anni???quello di badare solo ai propri interessi personali...for se solo tu nn conosci i suoi continui mal di pancia che a volte comprendono quelli del marito!comunque il segretario vito caroli ha avuto coraggio cn queste dichiarazioni,v ediamo ora cosa succederà!!
 
 
#13 deluso 2011-09-14 12:34
occorre solo un briciolo di dignità per rassegnare le dimissioni, ammettere i propri errori e chiedere scusa al paese.
 
 
#12 Fuori la verità 2011-09-14 10:14
Coraggio segretario dica la verità: "quello che abbiamo sottoscritto nel programma elettorale e che per una serie di motivi anche esterni alla maggioranza si sono persi per strada" quali motivi? E spieghi perchè "l’azione politica-oltre che amministrativa- finora poco incisiva e quasi del tutto impercettibile” .. Se non ci sono spiegazioni la gente che ha votato un sindaco, un programma e una coalizione si convincerà che il programma era fasullo e che è solo una questione di potere, interessi e di poltrone!!!
 
 
#11 ramos2 2011-09-13 19:46
Peccato per la Morano, aveva dato un grosso segnale di crescita con i suoi interventi in consiglio nelle sedute per la Alienazione immobili e per la Rigenerazione Urbana, ma poi si è sciolta come neve al sole. molti avevano addirittura creduto che avesse acquisito la leadership del partito, magari con la benedizione degli organi superiori. Niente da fare invece, un'altra delusione. E' destino la sinistra d Acquaviva non ha ancora trovato l'uomo (o la donna) che lascerà il segno in questa città. Finora solo mezze cartucce.
 
 
#10 il plebeo 2011-09-13 18:51
Tanti mesi di galleggiamento politico-ammini strativo sono ormai trascorsi senza alcun beneficio per la collettività acquavivese ed in un paese in grave degrado economico, urbanistico, sociale.Il Segretario del PD Vito Caroli arriva con notevole ritardo a capire che nella attuale Amministrazione e nella maggioranza governativa, di cui il PD fa parte, mancano regole, metodo ed organizzazione. Come a dire che mancano i fondamentali connotati perchè una Amministrazione cittadina possa chiamarsi tale. Mi viene da pensare: in quali mani siamo finiti!!! Il Segretario del PD evidentemente vive su un'altro pianeta per non accorgersi che questa Amministrazione ha una giunta incapace, nonostante l'esperienza politica-ammini strativa di alcuni componenti presenti in maggioranza,cui evidentemente il passato non ha insegnato niente, e nonostante qualche spiccata intelligenza presente in giunta la quale poverina scompare nel grigiore generale. Il Sindaco sembra smarrito, indeciso, non sa cosa fare. Sic stantibus rebus è meglio andare tutti a casa e pensare a nuove elezioni.
 
 
#9 ivanvir 2011-09-13 16:11
Ma diteci piuttosto, che progetto avete per questo paese? Siete o no il partito di maggioranza relativa? Volete o no fare da pungolo a questa amministrazione che fa dell'immobilism o la sua ragion d'essere? O volete ancora farci sprofondare nel baratro? Preparatevi per il futuro che attende il centrosinistra: non sarà un appalto sicuro, un posto da cassiera, un incarico legale a farvi vincere le prossime elezioni. Vanta più voti chi da anni cura le pratiche e conta sui suoi circa 500 sostenitori, ed è lui che ci aspetta al suo posto sicuro. Del centrosinistra che resta? Il drammatico rampantismo delle nuove generazioni, la speranza che il futuro possa essere ricercato in un posto da consigliere, e per futuro si intende la cosiddetta "sistemazione" lavorativa. Abbiamo ancora risorse valide, ripartiamo da quelle, diamogli fiducia, altrimenti ritiriamoci a casa e non facciamoci del male con questi comunicati stampa. Spero che non sia stato tutto il PD a sottoscriverlo, spero che qualcuno si sia dissociato. Detto questo, in bocca al lupo a questo paese.
 
 
#8 cittadino attento 2011-09-13 14:17
E' per placare la richiesta del Consigliere Magistro e quindi nominare Ciccio Grulli Assessore che riassesterebbe una parte del mal contento di questo consigliere?
 
 
#7 siamo alla frutta 2011-09-13 12:10
Caro Vito Caroli, hai fegato a denunciare il lassismo di questa amministrazione , e coraggio nel rilanciare con rinnovato vigore "... un'azione ... finora poco incisiva e del tutto impercettibile".
Ma perché non ci spieghi come mai dopo quasi un anno mezzo si è arrivati a tanto?
Forse perché, come spiega in fondo lo stesso articolista, il PD non ha mai ritenuto di avere la visibitità che ha preteso e continua a pretendere come primo partito?
 
 
#6 ramos 2011-09-13 11:02
ma chi sarebbe il supertecnico demarinis?
 
 
#5 chiara 2011-09-13 09:53
e chi sarebbe il supertecnico ?! ma se avevate Della Corte?
 
 
#4 deluso 2011-09-13 09:42
ritorniamo al punto di partenza! ora i mal di pancia vengono anche al PD! perfetto..ma la pazienza della cittadinanza avrà anche un limite?
 
 
#3 ciccio 2011-09-13 08:10
Questo significa parlar chiaro: ci sarà l'aumento della tassa sulla spazzatura del 20-30 %, la città è sporca fino all'inverosimil e, la crisi economica attanaglia Acquaviva, le imprese, salvo alcune, languono, il PRG fa acqua da tutte le parti, gravi problemi atavici vengono ignorati, i contenziosi con l'ente aumentano invece di diminuire e INVECE IL PD PENSA ALLE POLTRONE, MENO MALE CHE C'E' IL PD CHE TIENE SALDO IL SENSO DEGLI AFFARI ... CHI SE NE FREGA SE ACQUAVIVA MUORE ... COMPAGNI PENSIAMO A NOI
 
 
#2 nectar 2011-09-12 20:51
quindi adesso se il sindaco darà un nuovo assessore al pd quale partito dovrà scontentare? UDC? IDV? credo proprio che quelli la siano intoccabili..al momento da sacrificare ci sarebbe solo la capozzo, anche se questo farebbe andare su tutte le furie robertino....sq uicciarini la tua prossima mossa sarà decisiva per il continuo della tua permanenza a palazzo de mari !!!!
 
 
#1 Celestinov 2011-09-12 19:02
La pappa è poca è il PD scalcia e batte cassa.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI