Venerdì 21 Settembre 2018
   
Text Size

LETTERA APERTA AL SINDACO SQUICCIARINI (e non solo)

d0fab11b7e1cd55cb613a5d540503f1015025839_320x150

 

Riceviamo e pubblicchiamo:

Egr. sig. Sindaco,

 

nell'ultimo consiglio comunale del 7 luglio 2011 abbiamo assistito ad una specie di farsa rappresentata dalla discussione  e  approvazione del Programma Triennale dei LLPP  2011/13 che si è conclusa con la lettura delle nostre OSSERVAZIONI al detto Programma, acquisite al protocollo generale dell'Ente in data 27 dicembre 2010 e pervenute, a Suo dire, all'attenzione del Dirigente UTC solo in data 28 giugno 2011, giustificando un ritardo tanto assurdo quanto improbabile.

 

Lei Sindaco (e non il Dirigente) ha letto sia le nostre OSSERVAZIONI (che erano state dimenticate in qualche cassetto del Comune) sia le controdeduzioni del Dirigente UTC, che lungi dal chiarire il contenuto delle OSSERVAZIONI, hanno in realtà fuorviato i consiglieri laddove si afferma che i contenziosi giudiziari sono stati tutti vinti dal Comune, senza specificare invece che molti di quei contenziosi, in particolare quelli relativi al titolo di proprietà, sono tuttora pendenti.

 

Ulteriore aspetto, quasi comico, è dato dal fatto che lei Sindaco, leggendo la relazione dell'Ing. Didonna, ha detto che le nostre OSSERVAZIONI sono state respinte, mentre invece è evidente che dal Pr. Tr. LLPP 2011/13 sono stati eliminati tutti i LLPP del 2011 che sono stati spostati all'anno 2012, accogliendo, sia pur parzialmente, le  richieste formulate con le nostre  OSSERVAZIONI (peraltro con effetti strettamente connessi al Bilancio di previsione 2011, eliminando rispetto allo schema dei LLPP approvato con delib. GC n. 36 del 15.10.2010 la previsione di incasso di € 4.154.665,60 riveniente dalla vendita delle aree zona 167,  ufficialmente esclusa per l'anno 2011).

 

Lo stesso ing  Didonna incalzato da qualche consigliere ha dovuto, obtorto collo, ammettere che ci sono ancora dei giudizi pendenti e solo con la loro definizione sarà acclarato a chi appartiene la proprietà di quelle aree, tenuto conto che la P.A. ha anche ammesso che alcuni di quei contenziosi potrebbero concludersi in favore delle ditte espropriate, con quel che ne consegue.

 

Pertanto il deliberato delle “ALIENAZIONI” approvato dal C.C. il 7.07.2011 è un provvedimento illecito e illegittimo almeno nella parte in cui l'ing Didonna afferma che “... terreni e fabbricati … sono sicuramente suscettibili di dismissione...”, che invece avrebbe dovuto correttamente riportare: “ ...i fabbricati sono sicuramente suscettibili di dismissione, mentre i terreni indicati lo diverranno a seguito della definizione delle controversie giudiziarie su di essi pendenti, con sentenza passata in giudicata che dovesse accertare la titolarità della proprietà in capo al Comune di Acquaviva delle Fonti”.

 

Orbene a proposito di “Bilancio partecipato”, noi abbiamo portato il nostro  contributo nel forum del 30 maggio 2011 consegnando, fra l'atro, direttamente nelle mani del neo Assessore al Bilancio prof Caputo, le nostre OSSERVAZIONI con gli ulteriori rilievi.

 

A tale proposito denunciamo l'illogica ed irrazionale volontà della P.A. che da una parte, per esigenze di cassa, intende alienare beni che non può oggettivamente alienare né nel 2011 né nel 2012 né nel 2013, mentre dall'altra irresponsabilmente non prevede e non attiva le procedure per l'immediato incasso di ingenti somme da parte delle Cooperative Edilizie della zona 167 provocando così un duplice danno sia all'erario comunale che alle stesse Cooperative, non potendo dare esecutività all'atto transattivo stipulato nel lontano 31 luglio 2001. Il tutto aggravato dal fatto che da lungo tempo la Procura Regionale della Corte dei Conti ha sollecitato la ripetizione di tali somme con le note allegate (prot. 2331 del 5.02.2010 e prot. 11076 del  14.06.2010) (All.1-2)

 

L'aspetto ancor più paradossale della vicenda, infine, arriva dalle allegate note  prot. 15616 del 18.8.2009 e prot. 4051 del 08.03.2010 (All. 3-4) dello stesso Dirigente ing. Didonna il quale con tono allarmato denuncia l'avvento di un sicuro ed ingentissimo danno erariale di cui nè gli amministratori nè lei Sig. Sindaco sembra abbiate preso coscienza, salvo il Comm. Str. Dott.ssa Dabbicco che alla fine del suo mandato sollecitò la quantificazione delle somme dovute dalle Cooperative, ma senza alcun esito (nota allegata prot. 8309 del 29.4.2010) (All. 5).

 

Anche questo aspetto è stato oggetto di segnalazione durante il forum per il Bilancio partecipato con nota scritta consegnata nelle mani del neo Assessore al Bilancio prof Caputo.

 

Ne consegue che Il Bilancio di previsione 2011 e pluriennale 2011/13 risulta contabilmente incoerente, incongruo ed inattendibile per il bilancio, i programmi e i progetti, pertanto si

 

INVITA

 

la S.V. Ill.ma a voler modificare il Bilancio di previsione 2011 in base a quanto sopra esposto.

 

Dati i disguidi occorsi al Dirigente ing. Didonna, che ha ricevuto le nostre OSSERVAZIONI dopo 6 mesi dall'acquisizione al protocollo generale dell'Ente (27.12.2010/ 28.06.2011) abbiamo scelto il metodo comunicativo della LETTERA APERTA per essere certi che tutti gli organi responsabili, nell'interesse della collettività, prendano atto in tempo reale della presente nota insieme agli importantissimi allegati. 

 

Cordiali saluti

 

*Comitato cittadino

zona 167 annullata

all.1.lett._sindaco.1

 

 all.1.lett.sindaco.2

 

 

 

 

 

All.4-lett_UTC-CoPr_p._4051mar_2010jpg

Commenti  

 
#7 comitato167 2011-07-20 09:15
Hanno tentato di diventare miliardari con la 167 diversi sindaci e amministratori di questo comune adottando delibere illecite, illegittime e truffaldine con l'aiuto di sindaci, segretari comunali e assessori direttamente interessati ed altri assessori che sapevano e tacevano. Per esempio ad una di queste delibere truffaldine, sarà un caso, ma hanno preso parte Vitantonio,Dome nico,Giovanni e Achille.
 
 
#6 achille 2011-07-17 00:17
Il sedicente comitato cittadino è un solo personaggio che aspira a diventare miliardario con la 167....
 
 
#5 comitato167 2011-07-16 23:30
Per Domus: Il Comitato è composto da alcune famiglie che sono state ingiustamente espropriate e da alcune famiglie di soci assegnatari delle cooperative che sono stati truffati nel luglio 2001, quando sono stati indotti ad accettare una transazione che non poteva essere sottoscritta. Purtroppo altre famiglie di espropriati, si sono fatti convincere dall'Amm. Pistilli, hanno già chiuso la partita ricevendo quattro soldi.
Il Comitato persegue l'interesse di ottenere giustizia dalla magistratura nei tribunali ed in parte l'ha già ottenuta. Purtroppo la maggior parte degli amministratori locali finora si è dimostrata irresponsabile.
 
 
#4 domus 2011-07-16 19:08
Da chi è composto questo misterioso "comitato cittadino"?
e quali interessi persegue?
 
 
#3 deluso 2011-07-15 16:35
quindi il bilancio è falso?
 
 
#2 CELESTINO Q. 2011-07-15 13:30
MA A CHI LA SCRIVI LA LETTERA! IL SINDACO SI E' GIA' DIMESSO
 
 
#1 Biancolillo 2011-07-15 11:14
‎...e così la 167, invece di essere un'occasione per la povera gente di farsi una casa, continua ad essere la mammella da succhiare per fannulloni e speculatori di ogni specie...grazie a quegli amministratori (sic!) che, dopo la sentenza di... annullamento del Consiglio di Stato (1992), non hanno voluto riadottare il Piano con le opportune riduzioni come richiesto dai Giudici amministrativi. ..consegnan​do ai potentati economici il coltello dalla parte del manico...e adesso ecco i ricatti e le minacce...io chiamerei la Giunta D'Ambrosio, le Giunte Pistilli e i loro accondiscendent i funzionari a pagare di tasca propria...e non capisco perchè la Corte dei Conti ancora non intervenga...fo rse perchè di mezzo ci andrebbe anche qualche Commissario prefettizio.... ..
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI