Martedì 20 Novembre 2018
   
Text Size

ALL’ EX MACELLO…FACCIAMO IL MACELLO!!!

invito_MACELLO_2

E’ notizia delle ultime settimane. Il Comune non ha soldi è ha deciso di (s)vendere i beni di famiglia. Come un qualsiasi individuo che sull’orlo del lastrico, decide di vendere oro, argento e suppellettili della propria casa, cosi anche l’Amministrazione Squicciarini per finanziare le nuove opere pubbliche, ha deciso di alienare tre immobili di proprietà del comune. Solo che in questo caso, la proprietà dei beni in questione non è privata, ma pubblica, quindi dell’intera comunità.

Eppure credevamo che, per la pseudo sinistra cittadina il bene pubblico fosse inalienabile (almeno cosi ci avevano fatto intendere dall’enfasi e dai trionfalismi da campagna elettorale sui due referendum sull’Acqua come bene Comune), evidentemente ci siamo sbagliati.

Si vende, è l’unica soluzione ci dicono. Lo ha ribadito in consiglio comunale l’ingegnere capo dell’UTC Giovanni Di Donna:” i tempi sono cambiati e i Comuni non possono più finanziarsi con le vecchie logiche, bisognerà inventarsi nuove soluzioni per trovare nuovi fondi, e una di queste resta l'alienazione di alcuni vecchi immobili”. Siamo d’accordo con il fatto che queste strutture vertono in condizioni di degrado assoluto, ma quale sarebbe il beneficio pubblico ricavato dall’alienazione di queste strutture?

I beni comunali in questione sono l’ex Macello Comunale sito in Via De Gasperi (zona San Domenico), la scuola materna di Via Vittime di Via Fani (nelle vicinanze della stazione ferroviaria) e l’ex immobile Racanelli (nei plessi del centro storico in piazza Zirioni).

La cosa assurda in questa storia però sta nel fatto che oltre a vendere al privato, pare che per alcuni immobili sia in corso una variazione alla destinazione d’uso. Il neo arrivato PRG tipizza tali immobili come zone di interesse pubblico e sociale, la nuova variante li tipizzerà come zona di completamento B2 (palazzi e appartamenti). Sarebbe futile dire che evidentemente con queste varianti il prezzo degli immobili schizzerà alle stelle.

Dunque è solo questa la strada da percorrere? Eppure sono molteplici i programmi regionali finanziati dai famosi Fondi Europei messi a disposizione degli enti locali. Le informazioni fluttuano nell’area, basta essere bravi nel saperle acchiappare.

Ad esempio data la scarsità strutturale di luoghi e spazi pubblici (magari verdi) nel nostro paese si potrebbe ipotizzare il recupero e la rigenerazione di questi immobili ad uso socio-culturale (in attesa magari della riapertura del Teatro Comunale). Del resto gli ingenti finanziamenti regionali messi a disposizione dal Programma Bollenti Spiriti potrebbe esserci d’aiuto.

All’interno del Programma Bollenti Spiriti, la Regione Puglia ha finanziato la nascita dei “Laboratori Urbani”, ad Acquaviva ad esempio abbiamo già recuperato un immobile dismesso, in via Pozzo Lepenne dove da circa un anno sono al lavoro giovani talenti della musica e dell’arte locale, i quali nell’ambito del programma Officine Culturali, hanno appena realizzato un Festival dell’Arte nel nostro paese che ha riscosso molto successo e partecipazione.

Del resto è questa la politica attiva e creativa, che contraddistingue una classe dirigente da un'altra. Un grande statista ed Europeista della Prima Repubblica, il Democristiano Alcide De Gasperi aveva un motto: “ Un politico guarda alle prossime elezioni. Uno statista guarda alla prossima generazione". L’intera classe politica (?) di Acquaviva dovrebbe far tesoro di queste parole.

Ad esempio sempre nell’ambito dei Bollenti Spiriti, a Putignano l’ex macello comunale è stato recuperato e riconvertito in parte in un laboratorio urbano messo a disposizione dei giovani. Gli stessi ragazzi del paese hanno avviato un percorso di progettazione partecipato (attraverso il Progetto C.A.S.T. cittadini e amministrazioni per lo sviluppo dei territori, programma finalizzato a diffondere la partecipazione alla costruzione delle politiche pubbliche in nome della cittadinanza attiva) e attraverso un Open Space Tecnology (una grande assemblea giovanile e non solo, in cui i partecipanti sono stati invitati a partecipare attivamente e a lasciare il proprio contributo progettuale) hanno avviato un percorso progettuale denominato Facciamo il Macello!!

Perché non proporre questo anche ad Acquaviva? Si incentiverebbero centinaia di giovani a sviluppare centinaia di idee virtuose (dall’arte alla scienza, al cinema al teatro, alla letteratura) creando una fucina di nuovi talenti emergenti e dando la possibilità a giovani laureati, purtroppo ancora disoccupati, di mettere a servizio della comunità il proprio know how mettendo le proprie capacità e competenze alla prova, invece di esser costretti all’esodo verso il Nord.

È questa la Politica che ci piacerebbe ci fosse anche ad Acquaviva. Potrebbe essere pura follia? Chissà! Del resto “solo coloro che sono abbastanza folli da pensare di poter cambiare il mondo, lo cambiano davvero” (Mahatma Ghandi).

Commenti  

 
#7 Eustachio 2011-07-07 22:35
Un gran bel articolo, complimenti a Roberto Petruzzellis.
Per quanto riguardo i difensori delle vendite "come unica soluzione" vorrei dire che questo è il vecchio modo di pensare e non solo per il bene comune. Non è certo la vendita che può risollevare le casse di Acquaviva. La rivalutazione di quei immobili come altre strutture presenti ad Acquaviva possono essere risorsa pecuniaria avendo una sapiente gestione degli stessi... Achille riponi le difese nell'astuccio, che non serve difendere l'indifendibile , per cortesia!
Qual'è la politica creativa tanto declamata in campagna elettorale?
Vendere a saldi per favorire qualcuno?
Viva la fantasia!
 
 
#6 rocco 2011-07-06 19:27
achille forse è giunto il momento di stare a casa e non cercare di difendere ciò che è evidente...
 
 
#5 DELUSO 2011-07-05 17:42
achille achille..rimett i la sciabola nel fodero e evita di fare il paladino di questa amministrazione . è stato sufficiente lo spettacolo andato in onda ieri sera? SEL è un movimento serio e concreto! la demagogia la lasciamo fare al circo squicciarini: al posto del mangiafuoco e dei giocolieri ci sono consiglieri e assessori! aimè pistilli almeno le leggi le studiava! ..aspettando petruzzellis..
 
 
#4 franco 2011-07-05 16:42
achille...mi sa che a questo giro beppeSEL ti ha lasciato senza parole...risult a difficile negare la realtà!!!
 
 
#3 beppeSEL 2011-07-05 13:08
Sia ben inteso, l'articolo non l'ha scritto SEL. comunque, qualora ci volessero ascoltare, un paio di proposte per recuperare quei milioni di euro necessari al rifacimento strade, fogne e similari ce le abbiamo pronte e non passano per la vendita degli immobili. tutto ciò, caro achille, lo facciamo dall'opposizion e. il punto vero però è: perchè non lo fanno i partiti, i consiglieri e soprattutto la giunta che compongono la maggioranza?gli assessori sono perfino pagati da noi cittadini per farlo!Sel non fa demagogia, Sel è un movimento serio, preciso, puntuale e onesto.Sel è un movimento politico che è stato tenuto fuori dalla maggioranza proprio per queste ragioni.E infatti la grande e solida coalizione di Squicciarini ieri contava in consiglio ben 8 consiglieri!il resto sono chiacchiere Achille!
 
 
#2 achille 2011-07-04 12:29
Benissimo. Però, adesso, SEL deve indicare da dove l'amministrazio ne deve prendere i soldi per ristrutturare e sistemare l'ex macello e gli altri immobili per la cui vendita SEL finge di stracciarsi le vesti, facendo della demagogia spicciola.
Quanto a DELUSO, si capisce da dove viene la lagna: da uno che ha sopportato e supportato per otto anni le spese pazze e le malefatte di Pistilli e ora pretende in un anno i miracoli da Squicciarini! Toh! proprio come fa SEL! ...Parce sepulto!
 
 
#1 DELUSO 2011-07-04 09:59
abbiamo ingaggiato il miglior assessore al bilancio per arrivare alla conclusione che dobbiamo vendere i beni dell ente per finanziare le nuove opere pubbliche? e la finanza innovativa del programma elettorale di squicciarini che fine ha fatto? e siamo ancora al secondo anno..l' anno prossimo venderemo il giardino vecchio e palazzo de mari!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI