Mercoledì 14 Novembre 2018
   
Text Size

SEL iN PIAZZA IL 2 GIUGNO PER INFORMARE SUL REFERENDUM

LOCANDINA_SEL_REFERENDUM 

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato stampa:

 

Si informa la cittadinanza che giovedì 2 giugno 2011, in occasione della Festa della Repubblica, le compagne ed i compagni della locale sezione di Sinistra Ecologia Libertà saranno presenti in pubblica piazza per incontrare i cittadini acquavivesi e per diffondere materiale informativo relativo ai quattro quesiti referendari del 12 e 13 giugno. A questo proposito divulghiamo il seguente comunicato stampa esplicativo:

 

“Il quesito referendario sul nucleare chiede di abrogare le norme in base alle quali, ignorando il verdetto del referendum del 1987, il governo si apprestava a costruire nuove centrali nucleari in siti decise in totale autonomia e segretezza, senza nemmeno chiedere il parere delle popolazioni che abitano quelle località. Di fronte al rischio di essere battuto nelle urne, il governo ha varato una legge truffa che congela per uno o due anni la situazione lasciandosi però le mani libere per poter riprendere senza colpo ferire la costruzione delle centrali una volta finita la moratoria.

 

Il quesito sul legittimo impedimento chiede di abrogare completamente la legge, eliminando quindi anche le parti che erano state “salvate” dalla sentenza della corte costituzionale. In base a quella sentenza, il presidente del consiglio e i ministri possono infatti impugnare per non presentarsi alle udienze, e chiederne pertanto il rinvio, non solo gli impegni correlati al loro ruolo istituzionale ma anche la preparazione e le conseguenze di quegli stessi impegni. In questa maniera, per il presidente del consiglio resta comunque molto agevole rallentare i processi sino a rendere certa la prescrizione facile.

 

Il primo dei due quesiti referendari sull’acqua chiede di abrogare le norme che affidano a soggetti privati scelti attraverso gara, oppure a società miste in cui il soggetto privato detenga almeno il 40%, la gestione del servizio idrico. Il secondo chiede di abrogare la norma che consente ai gestori privati di aumentare le bollette del 7% al solo scopo di recuperare il capitale investito.

Il primo referendum prende di mira quella che a tutti gli effetti si configura come la privatizzazione formalmente della gestione dei servizi idrici, ma sostanzialmente dell'acqua pubblica. Il secondo si concentra sul "cavallo di Troia" che, introducendo la logica del profitto nella gestione dell'acqua, ha aperto la strada alla sua privatizzazione.”

 

 *Sinistra Ecologia Libertà – Acquaviva delle Fonti

 

250268_2093442298830_1328478256_2379059_5144171_n

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI