Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

U.D.C.:"IL PRG, PER COSTRUIRE UN'ALTRA ACQUAVIVA, INSIEME"

logo_udc

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato stampa:

Il partito dell’Unione di Centro esprime il proprio ringraziamento al Sindaco, Ing. Francesco Squicciarini, per aver lavorato con ininterrotto impegno, unitamente alla maggioranza di governo, al rispetto di quanto previsto dal programma elettorale “Un’altra Acquaviva, insieme”, circa la definitiva approvazione del tanto atteso Piano Regolatore Regionale (P.R.G.) da parte della Regione Puglia.

Finalmente la Città di Acquaviva delle Fonti avrà uno strumento urbanistico su cui poter programmare il futuro assetto del territorio urbano ed extraurbano.

L’ U.D.C., insieme a tutte le forze politiche cha hanno a cuore il bene comune di questo Paese, continueranno a lavorare affinché il Piano Regolatore Generale possa rappresentare il punto di partenza del rinnovato sviluppo economico di Acquaviva delle Fonti a vantaggio dell’intera comunità.

Pertanto, l’ U.D.C. si opporrà con decisione ad ogni tentativo di ostacolare il benessere collettivo con azioni poste al fine di portare avanti gli interessi di pochi a danno del bene comune.

Dopo decenni in cui il territorio di Acquaviva delle Fonti è stato oggetto di continue controversie giudiziarie e denunce, ci auguriamo che la Città possa trovare una comunione di intenti finalizzata al progresso generale.

In questa direzione, a nostro avviso, il Piano Regolatore Generale può rappresentare il punto fermo su cui costruire “Un’altra Acquaviva, insieme”.

 

*U.D.C. - Acquaviva delle Fonti

 

 

 

 

 

Commenti  

 
#3 il plebeo 2011-05-14 17:35
Il PRG stabilisce le regole per lo sviluppo urbanistico del paese, perciò i cittadini sono contenti per la sua approvazione da parte della Regione. Uno sparuto gruppo di cittadini si è visto danneggiato per lo stralcio della zona di Collone, perchè legittimamente avevano investito su quelle aree un bel pò di quattrini, hanno pagato l'ICI per tanti anni e pensavano di avere un ritorno importante.Ovvi amente lo scorno è pesante.Ora il Sindaco deve incontrare questi cittadini, spiegare che il PRG non può non rispettare i vincoli presenti per le aree di Collone, come giustamente fatto dalla Regione con lo stralcio di quelle aree. L'IDV è contrario alla separazione delle aree in questione dal PRG.Quanti sono gli iscritti e simpatizzanti dell'IDV che condividono questa tesi? Sicuramente pochissimi. L'IDV è o non è per il rispetto delle regole?,è o non è per l'interesse della comunità che riceverà un sicuro giovamento dalla presenza del principale strumento urbanistico quale è il PRG? In tutto questo abbaiare manca la voce del PD che ancora una volta si dimostra un partito senza anima. Che fine ha fatto il Programma Elettorale? Quali sono le proposte del PD per il futuro del paese? La percezione dei cittadini è di una assenza della Politica e di un deterioramento delle condizioni economiche, sociali, urbanistiche. Si è vero, adesso abbiamo il PRG che potrebbe riavviare lo sviluppo in un paese come Acquaviva che è fermo da decenni, ma quando mancano le idee, iniziativa, decisione, responsabilità, concretezza, tutto diventa più difficile. I cittadini nel frattempo perdono la speranza e si adagiano all'indifferenz a.
 
 
#2 sedotti/abbandonati 2011-05-13 08:56
Non capisco se l'UDC afferma "il Sindaco, Ing. Francesco Squicciarini, ha lavorato con ininterrotto impegno, unitamente alla maggioranza di governo, per la definitiva approvazione del PRG" e l'IDV propone un ricorso, l'UDC a quale maggioranza di governo si riferisce?
Ma il PD e IOSUD (Tisci) in merito ai comunicati dell'IDV e dell'UDC che ne pensa?
 
 
#1 giovannigiorgio 2011-05-12 23:50
Il comunicato dell'UDC mi piace perchè prima ancora di dire che cosa bisogna fare, dice con chiarezza che bisogna non fare. Non bisogna seguire ciò che propone l'IDV che fra l'altro oltre che inutile sarebbe anche illogico ed irrazionale. Perchè l'Ente dopo essere stato inerme per tanti anni, dovrebbe oggi intraprendere azioni giudiziarie nei confronti della Regione? per avantaggiare chi? Questo è il PRG che ha chiesto e questo è il PRG che ha ottenuto. Lo stralcio delle zone di Collone era già stato sancito nel 2006, quindi oggi qual'è il problema?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI