Mercoledì 14 Novembre 2018
   
Text Size

DALL'ULTIMO CONSIGLIO COMUNALE...

DSC02686

Si è svolta ieri pomeriggio nella sala consiliare di Palazzo De Mari la seduta comunale di aggiornamento, che ricordiamo essere stata la quarta nell’arco degli ultimi venti giorni. Un copione che sembra ripetersi, uguale a se stesso, preannunciato dal consueto ritardo dell’inizio dei lavori avviati intorno alle ore 17,00. Una seduta caratterizzata da toni accesi, da lunghe sospensioni e assenze dall’aula, da sterili e infruttuose polemiche su chi doveva appuntarsi al petto la medaglia al merito per l’approvazione definitiva del tanto atteso P.R.G da parte della Giunta Regionale. Assenti il cons. T. Montenegro, l’assessore esterno al Bilancio Caputo e l’ass. Casucci impegnato in ala nord per il 1° seminario di formazione sulla riforma delle Sportello Unico delle Attività Produttive.

Aprendo i lavori il sindaco Squicciarini ha comunicato l’approvazione del P.R.G. di Acquaviva delle Fonti presentando con una punta di orgoglio questo risultato come un merito dell’Amministrazione in carica. Un’affermazione che ha scatenato una serie di interventi, un rimbalzo tra maggioranza e opposizione che ha coinvolto ben presto le tutte le forze politiche. Un impegno e una paternità si è puntualizzato certamente non esclusivo, bensì trasversale, frutto di un lavoro in sordina, il P.R.G. rappresenta ad ogni modo un traguardo, uno strumento urbanistico importante, atteso da ormai trent’anni, che potrà dare attraverso l’edilizia nuovo impulso allo sviluppo sociale e progresso economico della città. Il consigliere Cassano (Compagnia delle Arti) ha precisato nel suo intervento che il P.R.G. di Acquaviva è “nato vecchio, con grossi problemi e tante questioni irrisolte, è necessario rimboccarsi le maniche in maniera seria, responsabile e partecipata per arrivare ad uno strumento che per essere al passo con i tempi andrebbe adeguato al PUG”.

DSC02694

Esauriti tutti gli interventi si è poi passati al quinto punto all’OdG, relativo l’approvazione del progetto definitivo e l’adozione della variante al vigente strumento urbanistico per la realizzazione da parte dell’Amministrazione Provinciale della Circonvallazione di Acquaviva di collegamento con le S.P. per Adelfia e Casamassima. L’ass. Mastrorocco ha proposto di “ritirare il provvedimento rimandarlo all’U. T. per rifare le valutazioni, rideterminare eventualmente l’indennità di esproprio o previo accordo con i proprietari acquisire queste aree gratis, e portarlo in  consiglio comunale”.

È seguito il sesto punto all’OdG. L’avv. Maurizio ha invitato il consigliere Solazzo a leggere la relazione finale della Commissione Speciale istituita ex art. 57 del Regolamento per il funzionamento del Consiglio Comunale – per l’“Accertamento delle condizioni igienico sanitarie del canile comunale e livelli essenziali di tutela e benessere degli animali”. Dalla dettagliata analisi frutto dei sopraluogo fatto dalla Commissione impegnata dal 13 al 29 ottobre 2010 emerge che non è stato rilevato alcun segno di maltrattamento evidente sugli animali, distribuiti nel canile-rifugio in box e recinti in maniera ordinata e non pregiudizievole nei liberi movimenti; i cani apparivano nutriti a sufficienza e in buone condizioni igieniche e di salute. “Le condizioni della struttura apparivano pertanto -  ha poi concluso Solazzo - nella globalità più che sufficienti e tali da garantire un buon livello di tutela e benessere degli animali”.

Nei successivi interventi è stato dato atto alla Commissione di “aver operato in maniera corretta” (Carucci, SeL) e a Solazzo di “aver svolto il suo ruolo in modo egregio” (Morano, PD). Una cosa certa è che la relazione portata da Solazzo all’attenzione del consiglio fotografa la situazione del canile comunale al mese di ottobre, “ci auguriamo – ha riferito Carucci-  che la struttura sia costantemente monitorata, sono soddisfatto sul piano formale, perplesso per gli aspetti sostanziali”. Allo stato attuale il canile in contrada La Campana resta comunque a detta del prof. Carucci “una struttura sovraffollata rispetto alla sua reale capienza”, e il randagismo non completamente risolto. “L’Amministrazione Comunale ha l’obbligo giuridico di microcippare i cani, sverminarli, sterilizzarli e provvedere al reinserimento in comunità degli esemplari non pericolosi”. L’ass. Mastrorocco prendendo la parola ha riferito i dati relativi la situazione del canile aggiornati al 31 marzo scorso. Attualmente il Comune verserebbe 16 mila euro come canone mensile per 397 cani, la convenzione fatta con l’associazione Legalo al Cuore avrebbe consentito l’adozione di 13 cani da parte di alcune famiglie; “abbiamo provveduto ad alzare ulteriormente le recinzioni e realizzate coperture per riparare gli animali da pioggia e sole. Ogni dieci giorni effettuiamo il monitoraggio della situazione con l’U. T. e i Vigili Urbani”.  

DSC02693

 Il cons. Colangiulo ha dato poi lettura del Regolamento Comunale elaborato dalla I Commissione, relativo al settimo punto all’OdG e chiesto ai consiglieri di procedere alla “Approvazione delle spese di rappresentanza”.

F. Montenegro (PdL) ha chiesto di "procedere alla eliminazione dell’art. 4 lettera b) e c) da lui ritenuto una forzatura inaccettabile che andrebbe in contrasto con quanto dice la Corte dei Conti". La proposta viene accolta, e votata, ottiene 17 voti favorevoli. Segue poi l’approvazione dell’intero Regolamento che passa invece con 18 voti favorevoli.

È seguito il rinvio delle due lottizzazioni, punto 8 e 9 all’OdG, da parte Sindaco Squicciarini all’Ufficio Tecnico “per verificare la compatibilità con il P.R.G. approvato questo pomeriggio”. Il cons. Tisci ha poi chiesto intorno alle 21:15 dieci minuti di sospensione per discutere in maggioranza sui contenuti del decimo punto all'OdG relativo la Variante n° 7 al Piano per gli insediamenti produttivi.

Dopo la pausa durata più di mezz'ora il punto 10 è stato ritirato, esaurite le interrogazioni i lavori consiliari si sono poi conclusi alle 21: 50.

Commenti  

 
#2 deluso 2011-05-05 16:44
tisci..fatti rispettare!!
 
 
#1 giovannigiorgio 2011-05-05 15:44
Un plauso all'Assessore Mastrorocco che ha colto al volo l'invito del consigliere Giorgio. La proposta di delibera esproprio x il prolungamento circonvallazion e Adelfia-Casamas sima è stata ritirata. Il prezzo è troppo basso, quasi quasi è più facile averli gratis quei suoli. Nello stesso tempo l'amministrazio ne puo' contare su un voto di riserva. Capisc a me
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI