Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

IL S. U. A. P. AD ACQUAVIVA

DSC02701  

Lo Sportello Unico Attività Produttive (S.U.A.P.) è il punto di contatto tra imprese e pubblica amministrazione. È stato questo il tema del I seminario di approfondimento tra imprenditori, professionisti, tecnici e amministratori, avente ad oggetto la riforma dello sportello unico delle attività produttive (DPR 160/10).

Il Comune di Acquaviva fa parte, insieme ad altri dodici comuni dell’Alta Murgia, dello sportello Unico del Patto Territoriale Sistema Murgiano.

A condurre la serata di ieri, Vincenzo Casucci, Assessore alle attività produttive del Comune di Acquaviva.

Ospiti nonché relatori, dell’ala nord di Palazzo de’ Mari, l’ing. Michele Martinelli, Responsabile del servizio SUAP centrale Murgia Sviluppo S.p.a., il dott. Francesco Capurso, Dirigente attività produttive del Comune, l’ing. Giovanni Didonna, Dirigente dell’ U.T.C. e il dott. Giovanni Centrone, Comandante della Polizia Municipale.

Nell’occasione sono state presentate le nuove procedure relative al S.U.A.P., infatti dal 29 marzo scorso, in base al nuovo decreto del Presidente della Repubblica n.160/2010, ogni richiesta e comunicazione riguardante tutte le pratiche amministrative e tecniche attinenti le imprese deve essere presentate in modalità telematica.

Ma, per capire meglio, S.U.A.P. viene definito dalla legge di riforma “unico punto di accesso per il richiedente in relazione a tutte le vicende amministrative riguardanti la sua attività produttiva … che fornisce una risposta unica e tempestiva in luogo in tutte le pubbliche amministrazioni comunque coinvolte nel procedimento”.

In parole povere è uno strumento di semplificazione amministrativa che utilizza a sua volta altri strumenti di semplificazione tipo la SCIA, il silenzio assenso, le conferenze di servizi, ecc…

Insomma, è uno sportello unico per le imprese, per agevolare e accelerare le procedure, è l’interlocutore per tutti gli adempimenti ed informazioni che riguardano le attività produttive.

Le imprese dovranno rivolgersi al S.U.A.P. per ottenere tutti i certificati, le licenze, le autorizzazioni necessarie per costituire, ampliare e modificare le proprie attività. Un solo ufficio per gestire tante pratiche burocratiche.

Nonostante lo snellimento delle procedure, però, alcune competenze sono ancora direttamente della Regione o della Provincia, come per esempio l’approvvigionamento idrico, le autorizzazioni in zone con vincolo paesaggistico e quelle per l’edilizia sismica.  

In questi casi si necessita di autorizzazioni particolari e specifiche che non posso essere rilasciate da qualunque ufficio, ma da tecnici specializzati e pertanto competenze non ancora delegabili ai comuni.

Ci si auspica pertanto, quello che il Testo Unico sugli enti locali suggerisce, e cioè che le Unioni dei comuni diano i suoi frutti garantendo la gestioni in materie di particolare complessità e su territori più ampi.

 

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI