Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

74° ANNIVERSARIO DALLA MORTE DI ANTONIO GRAMSCI

27_aprile_gramsci

 

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato stampa:

"Celebrazioni Antonio Gramsci"

gramsci-web1-213x300

I Giovani Democratici della Terra di Bari organizzano, il prossimo 27 aprile, una giornata di commemorazione per ricordare il 74° anniversario dalla morte di Antonio Gramsci.

L’iniziativa, che rientra nell’ambito dei numerosi seminari di formazione politica promossi dai GD per celebrare i 150 anni dell’Unità d’Italia, avrà inizio alle ore 16.30 presso il carcere di Turi, all’interno del quale il “detenuto 7.047” fu rinchiuso per attività cospirativa, istigazione alla guerra civile, apologia di reato e incitamento all’odio di classe. Il segretario regionale del Partito Democratico Sergio Blasi e l’on. Dario Ginefra deporranno all’ingresso del carcere una corona di fiori.

I due poi raggiungeranno Acquaviva delle Fonti, dove alle 18.30 è prevista una conferenza a cui parteciperanno assieme a Luigi Masella, professore di Storia Contemporanea dell’Università degli Studi di Bari A. Moro, Pierpaolo Treglia, segretario provinciale dei Giovani Democratici, Francesca Pietroforte, assessore alla Cultura e presidente dei Giovani Democratici di Acquaviva delle Fonti e Vito Caroli, coordinatore del circolo del Partito Democratico di Acquaviva delle Fonti.

Per vent’anni dobbiamo impedire a questo cervello di funzionare”, aveva affermato il pubblico ministero Michele Isgrò in occasione del processo di Antonio Gramsci, ma eventi come questo dimostrano che la storia ha celebrato lo straordinario sforzo dell’intellettuale sardo, morto in nome della libertà e della democrazia del nostro Paese.

Non solo il cervello di Gramsci non ha mai smesso di funzionare fino al momento della sua morte,” sostiene il responsabile provinciale della Formazione Politica dei GD, Pasquale Cotrufo, “ma il suo pensiero e la sua vita sono ancora oggi esempio per le generazioni e stimolo a tutelare la dignità di ciascuno e il rispetto dei diritti di tutti”.

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI