Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

RESOCONTO DEL 2° FORUM "SERVIZIO IGIENE URBANA"

DSC01775   

Si è svolto ieri sera nella sala conferenze dell’ala nord di Palazzo De Mari il 2° Forum cittadino per il nuovo servizio di Igiene Urbana. Un momento tecnico partecipativo, quello promosso dal Comune di Acquaviva delle Fonti, durato quasi due ore e mezze che ha registrato grande risposta e partecipazione di pubblico.

I professionisti dello ‘Studio Cinvavalli-De Pascali’, moderati dal sindaco Squicciarini, hanno illustrato nel loro intervento il progetto elaborato per il nuovo servizio di igiene urbana e ambientale, in relazione al territorio comunale e alle tipologie di utenze domestiche; un progetto che prevede inoltre, l’analisi dei prezzi e quantificazione dei costi del nuovo servizio, la redazione del ‘Regolamento Comunale di Igiene Urbana e Ambientale’, e quella del Capitolato Speciale di Appalto, del bando di gara e dello schema di contratto. L’ing. Cincavalli ha precisato che in fase di progettazione si è dovuto mediare tenendo conto della normativa vigente relativa ai servizi di raccolta e igiene urbana, dei contratti collettivi di lavoro, del budget a disposizione e delle considerazioni emerse durante il 1° Forum (21 febbraio scorso).

Ciò che fa riflettere –ha comunicato l’ingegnere- è certamente il raggiungimento di una percentuale di raccolta differenziata di gran lunga superiore a quelle attualmente raggiunta dal Comune di Acquaviva che si attesta al 16, 84%. La normativa di settore parla invece di 65%, appare evidente che il 40% di differenza e questa esigenza ci ha imposto di rivedere totalmente il servizio attuale in proroga ormai da diversi anni. Un ulteriore vincolo di legge disciplinerà inoltre il passaggio dalla tassazione (attuale T.A.R.S.U.) al sistema tariffario. La volontà del legislatore è quella di far pagare in proporzione a quanto il cittadino produce in termini di rifiuti”.

DSC01776

È stata offerta a tutti i presenti attraverso il supporto di slide un’analisi dettagliata del servizio attuale sintetizzabile in un costo di 2.130.000 €, raccolta indifferenziata espletata 7 giorni su 7, e differenziata di carta, plastica, vetro; un servizio caratterizzato da: 1. Raccolta stradale con contenitori di grande volumetria dislocati su tutto il territorio comunale, 2.Anomimato del rifiuto conferito (impossibilità quindi del passaggio a TIA), 3. Possibile degrado urbano (Dati % ufficiali provenienti dall’ATO BA 5).

Una raccolta che con il nuovo servizio di igiene urbana, rivolto a utenze domestiche (sistema “porta a porta di prossimità” per tutte le frazioni: Secco, Organico, Carta e cartone, Plastica e Lattine; sistema “stradale” per la frazione vetro) e non domestiche (sistema “porta a porta di prossimità” per tutte le frazioni) sarà così organizzata:

-RACCOLTA STRADALE con contenitori stradali di grande volumetria;

-DOMICILIARE PORTA A PORTA con sacchetto (utenze da monofamiliari fino a 4 famiglie per n° civico) e con contenitore (condomini plurifamiliari) e frequenze modulate in base alla frazione merceologica;

-SERVIZIO MISTO servizio integrato, in parte stradale (bassa densità, area vasta, zone perimetrali, agro) in parte domiciliare (alta densità, zona centrale), a seconda delle peculiarità urbanistiche del tessuto urbano. Le frequenze di raccolta dipendono dalla esigenze igieniche e dalla volumetria dei rifiuti, per quelli ingombranti sarà attivo un servizio a chiamata presso il civico di appartenenza chiamando il numero verde dell’azienda appaltante.

È seguito il pro e contro del servizio di raccolta porta a porta che se da un lato responsabilizza l’utente, evita il conferimento anonimo, consente di raggiungere di percentuali più elevate di differenziata, e ricavi da essi derivati comporta però l’aumento dei costi del servizio.

 DSC01778

 L’Ing. Dario De Pascali prendendo la parola ha preso in esame i servizi di “Igiene Urbana” (spazzamento, pulizia dei mercati, fiere, feste e sagre, lavaggio strade, raccolta foglie e diserbo stradale, lavaggio dei contenitori, disinfezione, disinfestazione e derattizzazione, cancellazione scritte murarie, pulizia caditoie e tombini, rimozione rifiuti abbandonati, carogne animali). Continuando l’analisi ha posto poi l’accento sulla ‘Progettazione Partecipata e Sostenibile’ attraverso momenti di FORMAZIONE, campagne di sensibilizzazione e Comunicazione interagendo con l’opinione pubblica attraverso Forum Cittadini.

 

A breve la seconda parte del resoconto del Forum Cittadino con le domande emerse durante in dibattito.

 

Pubblichiamo di seguito il documento preso in esame:

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI