Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

INTERROGAZIONI E MOZIONE: 2° PARTE DEL CONSIGLIO

DSC000208  

I lavori consiliari sono ripresi intorno alle ore 21,00 dopo una breve sospensione.

La seconda parte, caratterizzata da momenti di ‘discussioni idiote’, polemiche improduttive sfociate in battibecchi da copione tra maggioranza e opposizione, ha preso in esame unicamente il 3° punto all’ordine del giorno. I consiglieri di minoranza firmatari delle diverse interrogazioni hanno chiesto delucidazioni e risposte chiare.

Il cons. Carucci ha comunicato di aver ricevuto risposta scritta per le sue due interrogazioni n° 17 e 19, puntualizzando che alla n° 18 sul ‘Contenzioso con l’Ospedale Miulli’ non ha avuto alcuna risposta. “Non voglio aggredire nessuno – ha detto il professore- ma dal 7 Ottobre credo i tempi siano venuti a maturazione per ricevere una risposta”. A rispondere sul 'Centro Polivalente Anziani' l’Assessore ai Servizi Sociali, Carmela Capozzo, “dichiaro di essere soddisfatto della sua risposta- ha continuato Carucci, come I° Commissione provvederemo a redigere uno Statuto che risponda alle esigenze dei più di seicento iscritti che aggiorni il precedente del 1995, ora inadeguato, scritto allora per un gruppo di 20 componenti”.

Per l’interrogazione n° 19, avanzata sempre da SEL, ha risposto il Sindaco Squicciarini. All’excursus di sentenze e ricorsi fatto da Carucci, è seguita la domanda secca su quali iniziative ha intrapreso il Comune per far fronte alla situazione del ‘Ricovero di Mendicità Umberto I’ sito in via Martiri di via Fani?L’edificio, affidato all’Ente Opere Laiche Palatine Pugliesi con sede di Bari, non di proprietà dell’Ente, è attualmente in stato di degrado, completo abbandono e presenta lesioni strutturali.

Di seguito riportiamo l’intervento del Sindaco Francesco Squicciarini:

Atteso che come già affermato nella premessa dell’interrogazione pende presso il Consiglio di Stato l’appello proposto dal Comune di Acquaviva delle Fonti avverso la sentenza n° 59 del 2007 del T.A.R. Puglia, l’Amministrazione Comunale ha effettuato nel mese di luglio un sopraluogo al Ricovero con gli amministratori e i tecnici dell’Ente Opere Laiche Palatine. Da tale sopraluogo si rilevavano considerazioni decisamente diverse da quelle descritte nella premessa  dell’interrogazione, perché l’’immobile era stato oggetto di importanti lavori di ristrutturazione interna e riconsolidamento della struttura nella prospettiva di realizzare un Centro Polifunzionale. Ad oggi i lavori sono interrotti ma risulta che saranno ripresi a breve. In estate sono stati realizzati lavori di manutenzione del verde con interventi particolari, tesi alla conservazione della vegetazione arborea presente e alla messa in sicurezza dell’area circostante.

L’Amministrazione Comunale ha avviato con gli amministratori dell’Ente un tavolo di confronto sia in ordine ai tempi di completamento dei lavori sia in ordine alle progettualità  e alla destinazione prevista per l’immobile ex Ricovero di Mendicità. Si ritiene fuori luogo il giudizio espresso dall’interrogante in merito ai comportamento dell’amministratore dell’Ente Opere Laiche Palatine, atteso che tale Ente è in attesa di vedere la trasformazione della sua natura giuridica e che tale indeterminatezza limita la gestione. Durante la gestione commissariale la dott. ssa Dabbicco venne sensibilizzata dal Gruppo del PD affichè sensibilizzasse gli organi competenti ad accelerare i tempi di trasformazione della natura giuridica dell’Ente Opere Laiche Palatine”.

“Risposta molto vaga e generica- ha riferito l'esponente di SEL- se l’Ente non è di aiuto ma di ostacolo esterno tutta la delusione per una situazione che langue”.

DSC000222

All’interrogazione n° 20 sul Bilancio partecipato redatto in tempi brevi, firmata dal cons. F. Montenegro è seguita, la n° 21 dei cons. Solazzo e T. Montenegro inerente i disagi dei pendolari, e la fermata degli autobus SITA in piazza Kennedy a cui ha risposto l’ass. Vincenzo Casucci. “Quali sono le soluzioni che si intendono adottare?”

“Nel luglio scorso alcuni cittadini lamentavano l’assenza di fermate in ore notturne presso piazza Kennedy e chiedevano all’Amministrazione di impegnarsi a promuovere un incontro con i vertici della Sita affinché quest’ultima, istituisse nuove fermate in detti orari presso la menzionata p. Kennedy. L’Amministrazione immediatamente si adoperava e con il comandante dei vigili urbani incontrava i rappresentanti Sita che si impegnavano ad istituire nuove fermate a piazza Kennedy così come richiesto dai cittadini, a condizione che si risolvessero i problemi di viabilità dell’intera piazza, e che si istituisse il senso unico in via Monteschiavo ora via Saturno. Istituito in pochi giorni il senso unico in via Saturno con il comandante dei Vigili Urbani mi sono attivato con i vertici Sita a trovare una soluzione su piazza Kennedy.

I lavori termineranno alla fine di Dicembre, apprendevo che alcune fermate sono state soppresse in orari serali da parte della Sita. Immediatamente ho provveduto a contestare e stigmatizzare questa iniziativa invitandoli a non reiterare questa iniziativa e a ripristinare le fermate soppresse nel più breve tempo possibile. Si è provveduto a chiedere un incontro con i vertici Sita per chiarire il loro assurdo e ingiustificato atteggiamento”.

A conclusione del consiglio del 14 Dicembre scorso, la mozione  n° 12 a firma del cons. Carucci inerente la trasparenza e l’accesso agli atti attraverso il sito web istituzionale del  Comune di Acquaviva delle Fonti. Una scommessa condivisa da tutti i consiglieri per accorciare le distanza tra l’Amministrazione Comunale e i cittadini, per la quale si provvederà all’aggiornamento costante dei contenuti.

L’aggiornamento della seduta del Consiglio Comunale si terrà Lunedì 20 Dicembre prossimo alle ore 16,30.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI