Mercoledì 14 Novembre 2018
   
Text Size

ATTOLLINO, "QUANTIFICARE I DEBITI DEL COMUNE"

061220103142  

Nello scorso Consiglio Comunale, tenutosi il 29 Novembre 2010, il Consigliere di maggioranza Francesco Attollino (UDC) con un vero e proprio   coupe de theatre, ha interrotto la discussione consiliare chiedendo una sospensione dei lavori “in seguito a quanto emerso dagli interventi precedenti”. “UDC MINE VAGANTI”:

http://www.acquavivanet.it/politica/1232-consiglio-comunale-udc-mina-vaganteallinterno-della-maggioranza.html

AcquavivaNet ha deciso di incontrarlo al fine di farci spiegare le motivazioni latenti che hanno spinto il gruppo consiliare dei “casiniani” ad agire in tale modo.

Ha destato stupore e non solo, “l’ingenua” decisione adottata dai due partiti della maggioranza PD e IDV, i quali hanno scelto di non assecondare le richieste del consigliere Attollino.

Ingenua perché cosi facendo la coalizione di Squicciarini ha prestato il fianco ad ogni sorta di strumentalizzazione da parte delle opposizioni. Di questo avviso sembrerebbe essere anche l’esponente dell’UDC, il quale si dice “dispiaciuto” non perché una parte della sua maggioranza ha respinto la sua richiesta di sospensione ma perché cosi facendo è venuto meno lo spirito democratico fatto di confronti dialoghi e discussioni.

I nostri principi e valori sono quelli di impostare le nostra azione amministrativa in piena democrazia e trasparenza, quindi nel momento in cui qualsiasi forza politica sentisse la necessità di richiedere un momento di riflessione e quindi una sospensione dei lavori consiliari, tale volontà è da rispettare e concedere poiché nel pieno principio di legittimità; anche lo stesso Presidente del Consiglio dovrebbe a tal fine tutelare maggiormente chiunque faccia tali richieste che sia una forza di maggioranza o di opposizione”.

È fin chiaro e lapalissiano che questa presa di posizione da parte del partito di Casini è in totale coerenza con la famosa e discussa assenza, nel consiglio Comunale di Luglio, della parte centrista della coalizione che ha portato Squicciarini alla vittoria (appunto Udc e Io Sud).

http://www.acquavivanet.it/politica/789-dal-terzo-consiglio-comunale.html

Come tiene a precisare lo stesso Francesco Attollino “noi ci siamo assentati da quel famoso discusso consiglio in cui si approvava il Consuntivo 2009, che poi si riallaccia inevitabilmente all’assestamento di bilancio 2010, proprio in virtù delle perplessità che abbiamo avanzato nello scorso consiglio comunale; i nostri dubbi non vertevano specificamente in ordine al mero provvedimento che ci accingevamo ad approvare bensì erano inerenti ad alcune note redatte dai Dirigenti Comunali e poi coadiuvate dalle prescrizioni dei Revisori dei Conti; i revisori dei conti già dal provvedimento di approvazione del consuntivo 2009 avevano presentato alcune perplessità in merito alla gestione finanziaria dell’ente, (es. pretese creditorie avanzate da alcune ditte, in particolar modo la Lombardi Ecologia, le quali dovrebbero essere certificate e poi riconosciute come debiti fuori bilancio)”.

In una di queste note dirigenziali il dott. Capurso (Direttore di Ragioneria del Comune) ha posto l’accento su eventuali “disavanzi di amministrazione, squilibri di competenza e una gestione alquanto incerta dei residui passivi”.

Allineandosi quindi alle posizioni, denunciate in primis dal consigliere di minoranza Michele Petruzzellis e poi sostenute dal consigliere Filippo Cassano della Compagnia delle Arti, il gruppo consiliare dell’UDC ha chiesto al Sindaco e alla sua Giunta “che si faccia chiarezza sui crediti e ancor di più sui debiti del nostro Comune, ai fini di poter gestire al meglio le risorse finanziarie per poter indirizzare in maniera ottimale l’azione amministrativa a partire dal bilancio di previsione 2011”.

E a proposito del preventivo 2011, il quale sancirà davvero l’inizio dell’era Squicciarini, Attollino è molto fermo sulle sue richieste in linea con le denunce e le perplessità sinora espletate.

Ai fini di poter rispettare il programma elettorale presentato alla cittadinanza dobbiamo risolvere questi numerosi problemi, anzitutto quantificare e riconoscere l’ammontare dei debiti, e poi in base alle risorse finanziarie disponibili dopo tale analisi contabile, attuare le nostre linee programmatiche per innescare lo sviluppo economico-sociale del nostro paese”.

Poi una stoccata anche al comportamento di alcuni dirigenti comunali i quali fanno da scarica barile e a volte sembrano essere immuni e indipendenti dalle volontà politiche di questa amministrazione. “Noi come gruppo dell’UDC non possiamo più sopportare situazioni paradossali in cui i funzionari dirigenziali di un Comune si scarichino le colpe e le responsabilità l’un l’altro; la burocrazia acquavivese si deve sentire partecipe di un progetto unitario per il benessere della nostra cittadina”-ha affermato con fermezza il consigliere comunale.

Infine un pensiero in merito alla scelta politica di mettere la parola fine al duro e continuato testa a testa nell’ intricata controversia tra Ente Ecclesiastico e Comune di Acquaviva.

La nostra scelta- ci ha raccontato Attollino- tende verso un dialogo costruttivo nei confronti del Vescovo-Governatore del Ospedale Miulli, che ha già portato a vantaggiosi risultati come quello di procedere al trasferimento del Tribunale e della Asl, senza alcun costo gravante sulle tasche dei cittadini acquavivesi, poiché tale canone affittuario è finanziato dai ministeri preposti (per il Tribunale il Ministero di Grazia e Giustizia e per le Asl il Ministero per la Salute); nello stesso tempo la decisione dell'Amministrazione Comunale di non appellare la sentenza di 1° grado della Commissione Tributaria di Bari non pregiudica eventuali diritti ed interessi dello stesso Comune sugli immobili per cui la dirigenza dell'Ospedale Miulli ha chiesto la voltura catastale; l'oggetto della controversia, infatti, non riguardava il diritto di proprietà sugli stessi per cui è deputata la conservatoria dei registri immobiliari. Ciò posto l'UDC, insieme alle altre forze politiche di maggioranza, continuerà il lavoro di approfondimento della questione al fine di salvaguardare nel miglior modo possibile e nel rispetto della legge, i legittimi interessi della comunità acquavivese".

 

Commenti  

 
#1 Guerrini 2010-12-11 00:05
Attollino, ai voglia a parlare di residui passivi, debiti, risanamento del bilancio e quant'altro, mi pare che qui nessuno ti sente !!!!!! Sul Comune di Acquaviva è come sul Titanic, si balla e si canta.... facciamo 2 lottizzazioni ... chi ha avuto ha avuto, chi ha dato ha dato .... chi se ne frega della giustizia, della eguaglianza ecc. ecc. ... e buona notte al secchio.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI