Sabato 31 Ottobre 2020
   
Text Size

ELECTION DAY: oggi e domani urne aperte ad Acquaviva

50362141906 f94c677689_w

 

E’ arrivato l’Election Day: oggi e domani urne aperte per 17.890 elettori acquavivesi per dire si o no al Referendum Costituzionale e per rinnovare il Consiglio Regionale della Puglia.

I seggi sono aperti dalle 7.00 alle 23.00 di oggi e dalle 7.00 alle 15.00 di domani.

Per votare alle elezioni regionali occorre presentarsi al proprio seggio muniti di tessera elettorale e documento di identità in corso di validità.

Chi avesse smarrito la propria tessera elettorale può chiederne il duplicato all’Ufficio Elettorale del Comune, anche attraverso un delegato.

Informazioni

Ulteriori informazioni potranno essere richieste direttamente all’Ufficio Elettorale del Comune - telefono 080/3065256

Indirizzi mail:

  • Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
  • Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
  • Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Modello richiesta

 

ELEZIONI REGIONALI

La scheda elettorale che gli elettori si troveranno davanti è unica in quanto comprende sia i candidati alla presidenza della Regione sia le liste regionali, ciascuna delle quali è collegata ad un candidato presidente.

 Il Consiglio Regionale della Puglia è composto da 50 consiglieri più il presidente.

Anche nel 2020 i pugliesi saranno chiamati a esprimersi attraverso la legge elettorale varata nel 2015 e che ha fatto il proprio esordio durante le scorse elezioni regionali.

Il sistema di voto è di stampo proporzionale a turno unico, con il candidato governatore capace di ottenere anche un solo voto in più rispetto ai suoi avversari che diventa il nuovo presidente.

Dei 50 seggi,  27 vengono suddivisi in base al listino unico regionale e i restanti 23 invece sono ripartiti a livello circoscrizionale. È possibile effettuare un voto disgiunto (ovvero indicare un candidato governatore e poi volendo anche una lista che non lo appoggia) mentre di recente è stata introdotta anche la doppia preferenza di genere. Per poter accedere alla ripartizione dei seggi, una coalizione e una lista che si presenta da sola devono superare la soglia di sbarramento dell’8%. Per una lista facente parte di una coalizione l’asticella da dover oltrepassare è quella del 4%. Con lo scopo di garantire la governabilità al candidato vincitore, viene attribuito anche un premio di maggioranza pari a 29 seggi nel caso si ottenga almeno il 40%, 28 seggi tra il 35% e il 40% e infine 27 seggi sotto il 35%.

 REFERENDUM

Il 20 e 21 settembre gli italiani saranno chiamati a votare anche per il  Referendum Costituzionale sulla riduzione del numero dei Parlamentari. Il popolo sarà chiamato a votare per approvare o respingere il testo di legge dal titolo "Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari". Il testo del quesito referendario è il seguente: "Approvate il testo della legge costituzionale concernente "Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari", approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana - Serie generale - n. 240 del 12 ottobre 2019?".

Quali effetti avrà.

Scendendo più nel dettaglio, in caso di vittoria del si al referendum si darà il via definitivo alla riforma che taglia il numero dei parlamentari. 

Attualmente siedono ai banchi delle due camere 945 deputati complessivamente: proprio in caso di vittoria al referendum il numero di rappresentanti scenderà non poco fino a 600 totali (per l’esattezza 200 senatori e 400 deputati). Ancora, i senatori a vita non potranno essere in numero maggiore di 5 e diminuiranno anche gli eletti all’estero: i deputati saranno 8 e i senatori 4 ( prima, rispettivamente, 12 e 6).

Nessun quorum.

A differenza dei referendum abrogativi, la validità del Referendum non è determinata dal raggiungimento della metà più uno degli elettori aventi diritto. La riforma sottoposta a referendum non è promulgata se non è approvata dalla maggioranza dei voti validi, indipendentemente dal numero di persone che si recherà ai seggi.

 

DIRITTO DI VOTO PER CHI E' A CASA IN QUARANTENA

Il Comune di Acquaviva delle Fonti ha reso noto che i cittadini aventi diritto di voto ma costretti a casa per motivi di salute legati alla quarantena fiduciaria per infezione da Covid-19 possono attivare la seguente procedura:

46b7d0087f7a3242f01926edd9022a695b22c349 640x905_Q75

 

DUPLICATO TESSERA ELETTORALE

L'Ufficio sarà aperto per tutto il tempo delle votazioni ed è quindi possibile in ogni momento richiedere la Tessera Elettorale in caso di smarrimento o esaurimento degli spazi utili al timbro che certifica la presenza al seggio. L’accesso all’Ufficio elettorale sarà consentito esclusivamente da Piazza Maria SS. di Costantinopoli.

SICUREZZA ALL'INTERNO DEI SEGGI

Occorre presentarsi al seggio muniti di mascherina. Ci si dovrà igienizzare le mani prima e dopo il voto. E' vietato qualunque tipo di stanzionamento all'interno dei seggi per evitare assembramenti.

 

Ad Acquaviva sono presenti 5 Circoscrizioni, si vota in 20 Sezioni.

Numero

Circoscrizione

Indirizzo

1

Scuola Elementare E. De Amicis

via Roma

2

Scuola Media Giovanni XXIII

Via A. Palombella

3

Scuola Elementare A. Moro

Via Bari

4

Scuola Materna Statale

Piazza Garibaldi

5

Ospedale Miulli

Contrada Collone

 



 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.