Atletico Acquaviva 0-0 A.C. Virtus Locorotondo

13 gennaio_2019

I rossoblu tornano a guadagnare punti importanti per la salvezza


La comunità acquavivese avrebbe voluto sicuramente incominciare il nuovo anno col botto, assistendo ad uno dei derby più importanti degli ultimi due anni. Sfortunatamente, il gelo artico e le precipitazioni nevose hanno portato il match ad essere ufficialmente rinviato al 17 Gennaio. Ad una settimana dal rinvio, la neve si è sciolta, il Giammaria abbandona il gelo e riaccoglie il calore dei tifosi rossoblu, desiderosi di lasciarsi alle spalle un 2018 da dimenticare e di cominciare questo 2019 con risultati utili.
Tornano a giocare sul campo del Giammaria l’Atletico Acquaviva, e la Virtus Locorotondo, che è stata l’unica squadra del campionato che ha subito una sconfitta contro i rossoblu acquavivesi.

Inizia il match. I blaugrana del Locorotondo sono aggressivi già dai primi minuti e attaccano incessantemente nella metà campo dell’Atletico Acquaviva, ma senze vere e proprie occasioni da gol. In questi primi quindici minuti di gara, nonostante un possesso palla a favore degli ospiti, i rossoblu tentano alcuni timidi contropiedi,ma senza riuscire a finalizzarli. Dopo venti giri d’orologio, la terra battuta del Giammaria non è ancora stata testimone di serie occasioni da gol. Al 22’, arriva la prima occasione da gol: a seguito di un lancio lungo da parte della retroguardia difensiva ospite, la Virtus Locorotondo sfiora il gol quando il suo numero 9 colpisce il pallone di testa al volo, tentando un gol con pallonetto al portiere, che non si concretizza quando il pallone andrà a sbattere contro il palo. Al 34’, arriva anche la seconda occasione del match, e la prima per i padroni di casa, che non si capitalizza dopo un tiro al volo di Buttiglione da fuori area, che colpisce la traversa. A seguito della notizia del vantaggio del Manduria, diretta concorrente dell’Atletico per la corsa salvezza, i ragazzi di Mister Roca iniziano una fase offensiva del match, che proseguirà fino alla fine della prima frazione di gara.
Il primo tempo non entusiasma, ma spinge le squadre a cercare sempre di più la vittoria nel secondo tempo.

Al rientro dagli spogliatoi, inizia la seconda frazione di gara. L’Atletico riprende ad attaccare incessantemente come negli ultimi minuti del primo tempo ma senza mettere in ampia difficoltà la difesa del Locorotondo. Al 66’, non viene assegnato un rigore a favore dell’Atletico, a seguito di un tocco di mani nell’area di rigore ospite. Al 67’, Colaianni riesce a mantenere la sua porta inviolata quando, trovandosi solo contro due attaccanti del Locorotondo, compie due parate che salvano la pelle ai ragazzi di Mister Roca. Un minuto più tardi, sugli sviluppi di un calcio di punizione, Mileto sfiora il vantaggio per i rossoblu. A partire dal 70’, fino a fine gara, inizierà una situazione di stallo, dove nessuno dei 22 uomini in campo riuscirà a mandare la palla in rete, che oggi sembra stregata sia per i padroni di casa, che per gli ospiti. La stanchezza dei giocatori influisce ulteriormente sulla possibilità di creare serie occasioni da gol, e ciò fa capire le sorti del match. Dopo 5 giri delle lancette del recupero, triplice fischio dell’arbitro. Al Giammaria il match finisce a reti inviolate.
L’Atletico ottiene il primo risultato utile dopo sei match e mantiene la sua posizione in classifica ,allungando sul Manduria, che si fa rimontare dal Brindisi.