Lunedì 25 Giugno 2018
   
Text Size

“Resto al Sud, nuovi incentivi per Under 35 del Mezzogiorno”

resto a_sud.2

Giornata di approfondimento sulla misura di autoimprenditorialità

rivolta ai giovani tra i 18 e i 35 anni del Mezzogiorno

Lunedì 29 gennaio, alle ore 10.00, nella sala consiliare del Palazzo della Città metropolitana di Bari, si svolgerà il convegno “Resto al Sud, nuovi incentivi per Under 35 del Mezzogiorno”, organizzato dall’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Bari e dalla Città metropolitana.

L’iniziativa si propone come un momento di approfondimento della misura di autoimprenditorialità denominata “Resto al Sud”, promossa dal Ministero per la Coesione territoriale ed il Mezzogiorno, che mira a incentivare la nascita di nuove attività sostenendo i giovani imprenditori operanti nelle regioni Puglia, Calabria, Molise, Sicilia, Basilicata, Abruzzo, Campania e Sardegna.  L’agevolazione, concessa agli imprenditori tra i 18 e i 35 anni, ha un dotazione finanziaria di 1,25 milioni di euro.

Interverranno il sindaco metropolitano Antonio Decaro, il vice-sindaco metropolitano Michele Abbaticchio, il consigliere della Citta Metropolitana di Bari delegato alle Politiche Comunitarie Pasquale Longobardi, Giuseppe Coco, consigliere economico del ministro per la Coesione Territoriale e il Mezzogiorno, Claudio De Vincenti,  Raffaele Lagravinese docente di Economia Politica presso l’Università degli Studi di Bari, Vincenzo Durante responsabile occupazione incentivi e innovazione di Invitalia, Elbano De Nuccio, presidente dell'Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Bari e Michele Locuratolo, consigliere Ordine dei Dottori Commercialisti con delega alla Finanza e all’internazionalizzazione.

 La partecipazione all'iniziativa consente l'acquisizione di tre crediti formativi riconosciuti dall’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Bari.

 

Resta a_Sud_-_locandina

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI