Domenica 23 Settembre 2018
   
Text Size

Dal Trentino alla Puglia: il gruppo Melinda in visita nel sud est barese

20150121 193639_resized.2

Per il loro viaggio annuale i soci del Consorzio Melinda, uno dei più grandi e rinomati in Italia, hanno scelto la Puglia: in questi giorni saranno nel sud est barese dove visiteranno non solo le località più suggestive come Alberobello, Ostuni, Castellana, ma anche alcune tra le più importanti realtà imprenditoriali legate all’agricoltura, sono infatti attesi anche a Rutigliano, dove viene prodotta la maggior parte dell’uva da tavola nazionale.

E’ lo stesso Presidente del Consorzio, Michele Odorizzi, ad aver espresso questa volontà, a fargli eco il direttore generale Luca Granata, che è già stato in Puglia in occasione del convegno organizzato dal GAL a Noicattaro lo scorso 21 gennaio: “Sentiamo che ci sono molte affinità tra il nostro territorio e la Puglia sia dal punto di vista umano che professionale”.

Il tour, dopo una tappa a Bari, prevede una visita all’azienda del Gruppo Didonna, una delle più importanti organizzazioni di produttori in Puglia, tra i principali produttori di uva da tavola, che ha sede proprio a Rutigliano. Un saggio della lavorazione della terracotta con la quale si fanno i famosi fischietti e una visita in un’azienda agricola multifunzionale, completeranno il giro.

Questa visita si può quasi considerare un’anteprima del road show che illustrerà il sud est barese a tour operator e addetti ai lavori durante il mese di aprile. Il tour fa parte delle attività di marketing territoriale che il GAL sta mettendo in campo nell’ambito del progetto “Natural mete nel sud est barese” che è nato con l’individuazione di più di 200 km di itinerari dedicati all’escursionismo slow. Nell’ambito di questo progetto debutta anche il primo b2b destinato agli operatori turistici del sud est barese aderenti alla Rete promossa dal GAL che potranno presentare le loro strutture e i loro servizi direttamente agli operatori che si iscriveranno tramite l’apposito form predisposto sul sito www.galseb.it, dove si può consultare anche il regolamento di partecipazione.

 

Con queste attività il GAL intende lasciare una traccia concreta del lavoro svolto finora, un’azione partita nel 2010 che in questi anni ha visto nascere nell’area compresa tra i comuni di Acquaviva delle Fonti, Casamassima, Conversano, Mola di Bari, Noicattaro e Rutigliano nuovi agriturismi, masserie didattiche, fattorie sociali, servizi connessi con il tempo libero e le produzioni artigianali, per un totale di quasi 10 mln di Euro di investimenti attivati. Interventi che non sono terminati con i finanziamenti, ma che hanno visto un’attività di affiancamento costante da parte dal GAL non solo ai beneficiari, ma anche a tutti gli operatori del territorio mediante attività di informazione, partecipazione a fiere ed eventi, convegni, formazione, che hanno coinvolto la quasi totalità degli operatori.

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI