Martedì 13 Novembre 2018
   
Text Size

La ciliegia di Terra di Bari incontra la grande distribuzione

logo gal_sud_est_barese

  

Importante traguardo è stato raggiunto venerdì scorso presso la Sala Consiglio della Provincia di Bari: un incontro che ha visto la Ciliegia made in Puglia protagonista di un nuovo progetto di valorizzazione e promozione.

La Provincia di Bari, in collaborazione con la Provincia di Barletta-Andria-Trani e d’intesa con i Gruppi di Azione Locale Ponte Lama, Le città di Castel del Monte, Sud Est Barese e Trulli e Barsento hanno dato avvio ad una nuova strategia promozionale.

Ad aprire l’incontro, l’Assessore alle attività produttive della provincia di Bari, Onofrio Resta, a seguire i saluti dei rappresentanti della Provincia BT l’Assessore alle attività produttive, Antonia Spina, e l’Assessore alle Politiche agricole, Domenico Campana. A chiudere gli interventi istituzionali il dirigente regionale Nicola Laricchia. Molto importante la disponibilità accordata dalla Regione Puglia, nel mettere a disposizione del Progetto e di tutti i produttori cerasicoli coinvolti il marchio “Prodotti di Puglia” al fine di garantire la qualità. Il marchio d’area “Prodotti di Puglia”, costituisce infatti una significativa base di inizio rispetto a tutte le azioni previste dal progetto, è un marchio collettivo comunitario che darà garantirà ai consumatori finali rispetto all’origine territoriale delle nostre ciliegie. La garanzia delle ciliegie made in Puglia sarà fornita attraverso un sistema di tracciabilità informatizzato, di cui le aziende dovranno dotarsi e che consentirà di risalire con certezza dal prodotto al produttore iniziale.

Ha preso poi la parola il Prof. Roberto Dalla Casa dell’Università di Bologna, che ha riportato l’attenzione della platea sulle opportunità date al territorio attraverso la valorizzazione di uno specifico prodotto agroalimentare e, quindi, quanto la ciliegia per i nostri produttori e per l’intero territorio regionale costituisca un vero e proprio giacimento locale. È stata poi la volta dei Gruppi di Azione Locale, il direttore del GAL Ponte Lama, Gianni Porcelli, e il vicepresidente del GAL Sud Est Barese, Donato Fanelli, che hanno illustrato contenuti e obiettivi del Progetto ed infine il ruolo giocato dalla Distribuzione Organizzata nell’intera iniziativa promozionale.

Infine, è stata la volta di due attori della commercializzazione nazionale presenti all’incontro concertativo, Marco Eleutiri della Cooperativa AOP Armonia e Gianmarco Guarnelli della nota catena distributiva CONAD. Il primo ha descritto l’esperienza, ormai consolidata, di una Organizzazione di Produttori (OP), descrivendone dettagli operativi e opportunità. Mentre dalla GDO è arrivato un importante segnale: la piena disponibilità ad interloquire con la parte a monte della filiera. I tempi sono maturi, infatti, Conad promuove da tempo iniziative ad hoc come il Progetto Sapori&Dintorni, attraverso il quale proprio le tipicità locali e tradizionali trovano spazio nei punti vendita della Grande Distribuzione italiana. Ma anche in un altro aspetto la GDO ha bisogno di maggiore impegno da parte dei produttori locali, infatti, oltre alla provenienza anche i meccanismi di commercializzazione sono garanzia di qualità e professionalità. Quest’ultimo punto di discussione fa riflettere ulteriormente su come l’intero comparto cerasicolo pugliese abbia bisogno di una riorganizzazione di filiera, perché finalmente emerga che il 50% delle ciliegie commercializzate da Conad sono Made in Puglia.

 


Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI