Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

CNA, PARTE IL 30/11 IL BANDO START UP

START_UP

Riceviamo e pubblichiamo la seguente nota informativa:

CNA

Il 30 ottobre è stato riaperto il Bando “START UP” e a partire dal 30 novembre prossimo, e senza termini finali, si potranno inviare le domande per ottenere  i benefici: il bando è a sportello e rimarrà aperto fino all’esaurimento delle risorse.

L'Avviso, che ha una dotazione di 43 milioni in tutto (16 già utilizzati per la prima fase, 27 a disposizione di questa) mette a disposizione a fondo perduto fino a 400mila euro per ogni microazienda, di cui 150mila euro possono essere spesi per investimenti, acquisto di locali, suoli, strumenti e attrezzature e 250mila per i costi di gestione, dunque stipendi, affitti e leasing di attrezzature, bollette. Il tutto per tre anni di esercizio.

Ci sono alcune differenze rispetto al bando precedente, chi fa domanda per un'impresa artigiana avrà la possibilità di ricevere l'incentivo anche se succede all'azienda paterna o di un parente entro il secondo grado (padre, nonno, fratello). Una novità, questa, di notevole impatto perché permette di perpetuare la tradizione del passaggio dell'attività dai genitori ai figli, incentivando allo stesso tempo il rinnovo degli ambienti o delle attrezzature, l'incremento del personale, le spese di gestione. Così si agevola il ricambio generazionale nelle imprese artigiane favorendo l'innovazione, ma c'è una condizione: l'azienda deve acquistare l'intera impresa artigiana esistente o un suo ramo organico e funzionale.

L'altra novità riguarda i "Principi attivi". L'Avviso Start up solo per questi progetti viene esteso anche alle imprese già costituite il cui piano di attività però sia stato approvato dalla Regione. Un atto di coerenza per permettere a proposte innovative e coraggiose come quelle di "Principi attivi" di essere incentivate per implementare lo sviluppo e trasformarsi in vere attività imprenditoriali.

Agevola disoccupati e precari, si lega alle politiche di imprenditorialità femminile e giovanile, permette il sostegno dei cassaintegrati intenzionati ad uscire dall'azienda, valorizza i giovani di Bollenti Spiriti perché mettano in piedi un'attività propria e i ragazzi dei "Principi attivi" perché le proseguano. Inoltre gli aiuti previsti per il commercio sono destinati alle aree eleggibili quali Zone Franche urbane per situazioni di disagio.

 

Per informazioni rivolgersi alla CNA di Acquaviva delle Fonti

Via Francesco Pepe, 59

Tel/Fax 080 769491

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI