Martedì 21 Novembre 2017
   
Text Size

Teatro in Comunità, ViviTeatro Acquaviva in "Così si fa!!!"

cos si_fa_9_nov._2017

 

assessore Bruno_e_sindaco_Carlucci_Buona la prima! ViviTeatro Acquaviva ha presentato ieri sera presso l’Oratorio Santa Maria Maggiore la commedia brillante “Così si fa!!!” realizzata nell’ambito dell’iniziativa ‘Teatro a domicilio’ promossa dalla Fratres di Acquaviva e dall’Amministrazione Comunale.

Un trio vincente quello composto dall’instancabile capocomico Franco Zito (in Arturo, il marito, un tipo tranquillo), da Rosaria Campanale (in Anna, sua moglie, una donna carina, premurosa, con un carattere forte) e Vincenzo Marotti (in Michele, l’amico americano) che con l’ausilio dei rimanenti componenti del gruppo teatrale, è riuscito a regalare al pubblico presente sorrisi.

Lo spettacolo, durato circa una mezz’oretta, ha visto la partecipazione del sindaco Carlucci e dell’assessore ai Servizi Sociali e vicesindaco Milena Bruno.

“Ho imparato a conoscere questa compagnia nel corso della nostra amministrazione, l’ho apprezzata da quando sono sindaco: fanno un ottimo lavoro, tengono sempre in allegria in maniera simpatica, hanno un repertorio in dialetto che mantiene viva questa nostra lingua” ha detto il primo cittadino dal palco complimentandosi con il gruppo ViviTeatro e ringraziando la Fratres di Acquaviva coo partners di questo progetto.

SDC14898.21

“Questa iniziativa ‘Teatro in Comunità Noi e voi Teatralmente insieme per donare un sorriso e non solo...’ – ha precisato il vicesindaco Milena Bruno- è nata da un’idea che io ho trovato in Amministrazione prima della mia nomina ufficiale e che ho accolto con favore perché unisce tante cose che insieme diventano molto apprezzabili: la cultura del dialetto, il teatro e il sociale. Ho fortemente voluto che fosse una associazione di volontariato ad essere coo partners di questa cosa: abbiamo trovato la Fratres molto disponibile.

Unisce la finalità sociale di donare un sorriso che è il sottotitolo del manifesto che pubblicizza i tre eventi che caratterizzano questa iniziativa. Questo è il primo appuntamento, il secondo è giovedì 16 novembre alle ore 19.00 in sala anagrafe e il terzo giovedì 23 novembre alle ore 19.00 presso la Parrocchia San Francesco. Abbiamo voluto pensare a tre distinti ambiti della città: questa zona un po’ più periferica, una centrale giovedì prossimo, e zona San Francesco a nord della città.

L’idea è coinvolgere le fasce più deboli, trovare un modo per socializzare. Fatevi portavoce alle persone più sole: questa deve essere un’iniziativa per coinvolgere, socializzare e donare un sorriso. Colgo l’occasione per ringraziare in primis la Parrocchia di Santa Maria Maggiore che ci ha permesso di poter stare qui la prima edizione. Allo stesso livello ringrazio gli amici di ViviTeatro e la Fratres, e tutti voi per essere intervenuti. Ribadisco l’invito a portarci le persone, fatevi portavoce di questa iniziativa. L’abbiamo voluta fare assolutamente gratuita, ci siamo battuti, perché non ci devono essere scuse, sorridere è un diritto, divertirsi anche e perché no trovare un modo per ricordare la cultura del nostro vernacolo”.

SDC14900.2

 Ecco la locandina con i prossimi appuntamenti:

noi e_voi_definitivissima

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI