Martedì 16 Luglio 2019
   
Text Size

OMAGGIO A SANTA SCORESE…LA SERVA DI DIO

locandina_Santa_Scorese

“Santa delle Perseguitate” è il titolo della rappresentazione teatrale della Compagnia del Teatro della Fede di Grottaglie (Ta) scritta e diretta da Alfredo Traversa per rendere omaggio a Santa Scorese.

La manifestazione, patrocinata dall’Assessorato al Mediterraneo della Regione Puglia, si svolgerà Sabato 20 Febbraio 2010 alle ore 19,30 presso la Parrocchia di San Francesco d’Assisi di Acquaviva delle Fonti.

Lo spettacolo è un toccate documentario di un’ora e mezza che, intende dar vita, attraverso le pagine del diario, le immagini originali, le testimonianze degli amici e i verbali dell’inchiesta, ad un’opera corale che fa rivivere allo spettatore la vita breve ma intensa di Santa Scorese, una ragazza barese accoltellata all’età di ventitré anni. La sera del 15 marzo del 1991 Santa, per la quale è stata avviata la causa di beatificazione, venne assassinata davanti casa per non essersi concessa dopo anni di molestie, minacce e inutili denunce.

Si tratta della prima rappresentazione teatrale italiana che ha per tema lo stalking.

Protagonista è una giovane donna, che oggi tutti chiamano la “Serva di Dio”, per la sua infinita devozione, “martire per la dignità femminile” aveva deciso di vivere con coerenza il messaggio evangelico al fianco dei poveri, degli ammalati e degli anziani.

Come riferisce sua sorella Rosa Maria: «Santa era eccezionale nella sua quotidianità».

 

Cenni sulla vita di Santa Scorese

Santa Scorsese nasce a Bari il 6 febbraio 1968, nel rione Libertà. Avviata fin da piccola alla vita cristiana, esprime appieno la consegna di papa Giovanni Paolo II ai Giovani: “Siate il Sale della Terra e la Luce del Mondo”.

Santa era nei pionieri della Croce Rossa Italiana: si occupava dei ragazzi poliomielitici e affetti da distrofia muscolare, era solita recarsi nelle case di riposo a far visita agli anziani soli e negli istituti ai bambini orfani; esemplare in parrocchia era nel coro, nell’Azione Cattolica, catechista e  componente del consiglio pastorale. Conseguita la maturità classica nel 1987, con la famiglia si trasferì a Palo del Colle e si iscrisse alla Facoltà di Pedagogia ottenendo eccellenti risultati. Dal 1984 aderisce alla Milizia presso le Missionarie dell'Immacolata "P. Kolbe" di Palese e contemporaneamente frequenta, come Gen, il Movimento dei Focolari di Chiara Lubich. Santa è piena di interessi che persegue con tenacia ed entusiasmo. Vivere il Vangelo dedicando la vita ai poveri, ai sofferenti, a chi è solo, rendendosi completamente disponibile agli altri, pronta ad aiutare chi era in difficoltà, ad incoraggiare e a consigliare chi attraversava momenti difficili. Divenne ben presto un punto di riferimento per tutti.

Intenta ad interrogarsi sulla volontà di Dio, Santa fu spinta ad intraprendere una appassionata ricerca della sua vera vocazione, per poter fare la sua scelta di vita.
Intanto un giovane squilibrato iniziò ad insidiarla, a perseguitarla e a minacciarla. Per anni non le diede tregua, la seguiva ovunque, tempestandola di telefonate e minacce di morte, le tolse la serenità fino a quando la sera del 15 marzo 1991 la accoltellò crudelmente, stroncando la sua giovane esistenza vissuta all'insegna dell’impegno umano e della testimonianza cristiana.

Santa morì poche ore dopo al Policlinico di Bari perdonando il suo assassino.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.