Lunedì 18 Febbraio 2019
   
Text Size

L'esempio di Azione Cattolica, Zaltini: “Cittadini attivi e partecipi alla vita sociale”

Azione Cattolica_Parrocchia_S._Eustachio_-_Cattedrale

Anno nuovo, Azione Cattolica acquavivese che riparte. - 'La Voce del Paese' (rubrica “Dal Basso”) è con Giacomo Zaltini: coordinatore locale presente attivamente nella Parrocchia di S. Eustachio – Cattedrale; docente di Religione; collaboratore del centro socio-educativo “Granelli di Senape”.

Anche nel 2019, un'esperienza positiva e sempre in movimento. – (Giacomo Zaltini) “L’esperienza dell'Azione Cattolica è un’esperienza associativa che va oltre i confini della propria parrocchia. Resta esperienza di fede, annuncio del Vangelo, e santità: è ciò che i laici di A.C. sono chiamati a vivere attraverso un cammino di formazione sia personale che comunitario. A questa chiamata dobbiamo rispondere con senso di responsabilità: evangelizzando attraverso la testimonianza cristiana ogni ambito della nostra vita; lavoro, famiglia, scuola, amici… E vivendo da cittadini attivi e partecipi della vita sociale e politica della nostra città: facendo sentire la nostra voce a difesa della giustizia”.

Il 2018 vissuto nella testimonianza, nella parrocchia della Chiesa Madre. – “L’impegno educativo è stato certamente il punto di partenza di qualsiasi attività. Dai bambini fino agli 'adultissimi', sono stati vissuti percorsi di fede la cui cura è stata affidata ad educatori adulti e giovani che, in stretta collaborazione con il Parroco Don Domenico Giannuzzi, ne hanno attuato il cammino formativo. Da questi sono scaturite diverse attività sociali, culturali, ricreative e di aggregazione. Penso alla “Festa popolare” organizzata dai giovani, il lunedì della Festa Patronale; l’impegno socio-politico di alcuni tesserati; il volontariato in diverse declinazioni come accoglienza degli immigrati, mensa dei poveri, centro Granelli di Senape”.

Le ultime novità. – “Per il nuovo anno proporremo all’assemblea parrocchiale il tema legato all’immigrazione: partendo dalla riflessione sul decreto sicurezza e immigrazione 840/2018 approvato lo scorso novembre. Altre proposte verranno vagliate dal Consiglio parrocchiale avranno l’obiettivo di riconoscere il desiderio di impegno, di protagonismo, e di costruire il bene, che c’è in tantissimi giovani”.

Sui “Gesti concreti” promossi dalla Diocesi Altamura-Gravina-Acquaviva e sulle iniziative di 'ecologia integrale' e sui 'Nuovi stili di vita' recentemente promossi in città da Adriano Sella. – “Nell’ultimo mese abbiamo festeggiato due eventi in parrocchia vivendo l’eco-festa: ciascuno ha portato il proprio bicchiere in vetro o materiale resistente, sono stati preparati cibi da poter consumare con le mani senza bisogno di utilizzare piatti. Questo per ridurre il consumo della plastica. Un piccolo “gesto concreto” appunto. L’azione Cattolica, così come ciascuno di noi, deve partire dal quotidiano: dai luoghi che viviamo giornalmente, per diventare sempre più discepoli e custodi del creato attraverso le buone pratiche”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI