Giovedì 15 Novembre 2018
   
Text Size

FORMAZIONE TECNICA FUTURO DELL'ITALIA

foto-gruppo-itis-gioia

Grazie ai fondi europei ogni istituto può individuare e proporre, sulla base di un’accurata analisi dei propri bisogni e punti di forza, progetti mirati al raggiungimento di punte di eccellenza, di cui tanto la scuola ha necessita.

L’Istituto Tecnico Industriale “G. Galilei” di Gioia del Colle nell’anno scolastico 2009-2010 ha realizzato diversi progetti di formazione rivolti agli alunni, ai docenti e agli adulti, con il contributo del Fondo Sociale Europeo (F.S.E.). Inoltre, ha potenziato e aggiornato le dotazioni tecnologiche con il finanziamento del Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale (F.E.S.R.).

Obiettivo prioritario: rinvigorire le competenze di base degli alunni.

Obiettivi non meno importanti: il prezioso apporto didattico, il confronto con docenti esperti nei settori progettuali e il rinnovamento dei macchinari in uso, un rinnovamento tanto più utile quanto necessario per sperimentare percorsi innovativi di eccellenza (è il caso dell’Autocad 3D) e “sostenere” nell’immediato l’istituzione scolastica, date le difficoltà nel reperire risorse da investire in apparecchiature che sostituiscano quelle obsolete o malfunzionanti.

Nella passata annualità grazie ai FSE si sono avviati progetti volti a migliorare i livelli di conoscenza e competenza dei giovani.

Ne ricordiamo alcuni: “Tetraktys: alle origini dell’aritmo-geometria, “Una è la luna; parole in gioco”, “Fill in the gaps”, “E-sperimentare alla ricerca dei principi di scienza”, “Il CAD 3D”, “A scuola in azienda” e “Inform@tica Itis”.

Con i FESR sono stati avviati laboratori: elettrico/elettronico, di sistemi di elettronica nelle comunicazioni, linguistico e scientifico.

Per l’anno 2010/2011 si annuncia un’offerta ancora più entusiasmante: “Da Gutemberg a Google” riservato al personale della scuola e docente e per gli studenti: “Il disegno 2D”, “L’oggetto tridimensionale”, “L’energia alternativa”, “La solitudine dei numeri”, “Penso, dunque scrivo”, “Improve your english”, “Dalla fabbrica del sapere alla fabbrica saper fare”, “Usare il computer” e “Il computer e il disegno”.

Oggi, un Istituto tecnico all’avanguardia come il Galilei può offrire competenze e preparazione preziose per l’accesso al mondo del lavoro, in cui “produrre” all’insegna dell’innovazione tecnologica può rivelarsi fondamentale per la ripresa economica del paese.

Investire nella formazione tecnica non è una scelta da poco, può davvero dare gli strumenti per “costruire” il futuro dei giovani e dell’Italia.

Commenti  

 
#4 LILLI 2010-09-09 20:43
VORREI CONDIVIDERE I COMPLIMENTI FATTI DA RINO ALLA REDAZIONE E ALLO STAFF, SIETE UN FARO DI LUCE NEL MARE IMPETUOSO.
 
 
#3 lilli 2010-09-09 17:03
E' questo il futuro su cui investire.La rendita e' garantita.
 
 
#2 lilli 2010-09-09 17:01
lodi, lodi, lodi, ammirevole progetto.
 
 
#1 rino 2010-09-09 16:58
i miei complimenti innanzitutto per la redazione di questo network, e i suoi responsabili, per le informazioni che date e mi complimento per questo articolo e per il progetto che e' veramente un esempio da copiare, poiche' si riscopre che qualcuno almeno, ha capito qual'e' la rotta da segiure.
grazie
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI