Martedì 16 Ottobre 2018
   
Text Size

Borghi Antichi. Pensa Globale- Mangia Locale

image2

Il 30 settembre si è svolta la terza giornata nazionale dei borghi autentici d’Italia, avente come tema comune il cibo. Acquaviva ha ospitato questa iniziativa nella bellissima e storica piazza dei martiri 1799. I visitatori, i passanti, i cittadini interessati hanno avuto l’occasione di interfacciarsi in una pluralità di stand. All’iniziativa hanno partecipano gli istituti scolastici “ISS Colamonico-Chiarulli” e “ILSS Rosa Luxemburg” i quali sulla base del loro indirizzo di specializzazione hanno realizzato dei giochi o percorsi interattivi al fine di valorizzare il consumo di prodotti locali e genuini. C’è stata anche la partecipazione di numerose aziende e cooperative, come “Semi di vita”, “Amici dell’ambiente”, “Spicchio verde”, “Genghi’s”, “Agri-Culture” e “Produttori agricoli e associati”, c’erano anche i giovani imprenditori appartenenti alla birreria “SBAM”, ma anche Archeoclub d’Italia “Sante Zirioni” ed infine, naturalmente, non poteva mancare la rappresentanza del “Consorzio cipolla rossa” ormai prodotto identificativo della nostra terra a livello nazionale. L’evento Borgo antico tenutosi ad Acquaviva delle Fonti, non ha concentrato l’esperienza esclusivamente all’ambito culinario, in quanto l’esperienza è stata ulteriormente caratterizzata dai giovani artisti provenienti dalla compagnia di canto di Natalizia Carone; loro hanno regalato agli spettatori delle recitazioni relative ad aneddoti, curiosità, ricette acquavivesi. La serata del 30 settembre si è conclusa con l’esibizione delle danze storiche dell’Ottocento a cura dell’Università della terza età.

Nella giornata del 30 settembre Piazza dei Martiri ha vissuto momenti di condivisione e integrazione finalizzati alla sensibilizzazione dei prodotti Bio, alla valorizzazione dei prodotti tipici e soprattutto all’utilizzo della spesa a Km0. Queste sono forme di difesa da adottare per tutelare la propria salute, ma anche il benessere dell’economia locale.

L’uomo odierno, bisogna riconoscerlo, è cittadino del mondo, siamo tutti cittadini del mondo; ci basta un semplice click per essere trasportati in altre realtà, perché la tecnologia ci permette di varcare i limiti spazio-temporali, questo ha naturalmente i suoi aspetti positivi, ma non possiamo permettere che le regole del mercato globale vadano a distruggere le nostre radici, non possiamo permetterci di dimenticare e rimuovere i caratteri identificativi delle nostre origini. Un esempio concreto è dato ogni volta che, recandoci in un centro commerciale, veniamo sommersi da cibi confezionati provenienti da ogni dove, e acquistando in massa prodotti di massa incrementiamo la crisi dei localismi. Quindi l’evento “Borghi antichi” tenutosi ad Acquaviva, ha permesso ai partecipati di vivere una riscoperta dei prodotti locali incontrando la filosofia del consumo ecosostenibile, creando un contatto con le realtà associative che combattono la produzione di cibi massificati e globalizzati, al fine di ottenere un avvicinamento a ciò che di base ci è già vicino, cioè i prodotti che crescono dalle nostre terre.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI