Giovedì 15 Novembre 2018
   
Text Size

INTERVISTA A DON MIMMO NATALE

27199_1366895662335_1529996657_30951597_2204922_n

Un Settembre intenso, ricco di attività ed eventi che segnano la conclusione dei progetti estivi parrocchiali, cittadini e diocesani e che, è al tempo stesso programmazione per quelli futuri.

La nostra Redazione per saperne di più ha rivolto qualche domanda a Don Mimmo Natale, parroco di Santa Maria Maggiore e responsabile dell’Ufficio Diocesano del Tempo Libero e  Sport della nostra Diocesi.  L’ XI° Assemblea Diocesana che ci apprestiamo a vivere Sabato 4 Settembre 2010 all’Incoronata di Foggia sarà rispetto alle altre particolare, segnerà una svolta, può delinearci questo cambiamento?Quali gli eventi in cantiere per la nostra città?

L’Assemblea Diocesana di questo anno sacerdotale sarà particolarissima, un evento unico nella storia della nostra Diocesi, il nostro vescovo ufficializzerà il cambiamento di oltre trenta parroci della Diocesi, una ventata di freschezza nelle varie Comunità Parrocchiali.

Un giovane della nostra città, Vincenzo Saracino farà in questa occasione la ‘declaratio’, un impegno di giuramento alla vigilia dell’ordinazione diaconale del 20 Settembre prossimo che lo proietta alla scelta definitiva sacerdotale. Quando dei giovani fanno scelte di vita coraggiose sono sempre un segnale per tutti, Vincenzo poi sarà  in parrocchia a Santa Maria Maggiore il sabato e domenica per darci una mano, qui farà la sua esperienza pastorale.

Con XI° Assemblea diocesana iniziamo poi ufficialmente l’anno del Sinodo (dal 7 dicembre 2010 al 7 Dicembre 2011) e delle Commissioni sinodali che vedrà la nostra Diocesi riunirsi in aula sinodale per affrontare le problematiche del nostro territorio emerse, in questi due anni di preparazione, dai vari questionari, inchieste e laboratori; in questo anno si metteranno le basi del futuro della Chiesa Diocesana del prossimo tempo, è come se fosse un ‘Concilio Vaticano II’ ristretto al territorio della Diocesi, una svolta davvero epocale. Il vescovo consegnerà lo ‘Strumento di Lavoro’, un libretto, emerso in questi due anni di dialogo, ricerca delle varie problematiche e confronto con il territorio; di esso si discuterà in aula sinodale a partire dal 7 dicembre con delegati delle parrocchie, sacerdoti delegati, responsabili della vita sociale della nostra città”.

Le Parrocchie da sempre attente alle esigenze dei giovani e delle famiglie quest’anno con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale e dell’Assessorato ai Servizi Sociali hanno vissuto un’estate di animazione e gioco con il tema dei pirati, diverse le colonie estive organizzate, quali i risultati di questa esperienza? cosa c’è in cantiere nei prossimi giorni?

L’estate è stata per noi molto impegnativa, direi che non abbiamo mai sospeso le nostre attività parrocchiali volendo dare una risposta concreta alle esigenze e alle problematiche del nostro territorio. Non ci sono proposte per i ragazzi durante l’estate. Chi non può permettersi di uscire con la propria famiglia per le vacanze, resta in strada. Da tempo avevamo messo in cantiere iniziative rivolte ai bambini delle elementari,ma anche ai ragazzi della scuola media, ai giovanissimi e ai giovani. Da questo pensare, è venuto fuori un sussidio con la storia dei pirati e delle loro avventure poi accolto da tutte le Comunità di Acquaviva. Un po’ tutte le Parrocchie hanno organizzato quest’anno delle Colonie estive, le forme sono state diverse, ma accomunate dall’utilizzo del Sussidio dei pirati; per questo abbiamo voluto concludere questo evento estivo con una giornata cittadina, posizionandola nel tempo della festa patronale.  Anche questo non è a caso, ma una scelta voluta.

“Pirati, all’arrembaggio… della Vita! È questo il nome della manifestazione che si svolgerà Lunedì 6 Settembre  prossimo. Prevedendo la partecipazione di 600-700 ragazzi, riempiremo 10 piazze del centro storico, promuovendo un grande gioco in forma di squadre e animazione per vivere questa giornata conclusiva della storia dei pirati a misura di ragazzo. In serata, a partire dalle ore 20,30 uno spettacolo musicale per i ragazzi, le famiglie e l’intera comunità con balli, danze, clownerie e cabaret con Giuseppe Guida, uno dei volti storici del Mudù dei primi tempi.

27546_150360398323332_5537_n                                                         41579_133994886637963_1513_n

“Creativamenti Giò” invece, Venerdì 10 e Sabato 11 Settembre pensato per i giovanissimi (terza media 5 superiore). Abbiamo pensato, un po’ sull’onda di quell’entusiasmo di febbraio quando abbiamo fatto un meeting per animatori, catechisti, insegnati, docenti a Santeramo che ha visto la partecipazione di oltre 800 persone, di coinvolgere i giovanissimi con la proposta formativa di Creativ. Usando il metodo della creatività e della animazione, il proprio corpo e la manualità i ragazzi vengono coinvolti e quindi si entusiasmano. Volevamo partire con il nuovo anno con un’esperienza che desse brio e carica ai ragazzi ma che diventasse anche  un momento formativo. La proposta che faremo, è interessante, parte dai quattro colori principali messi su una ipotetica tavolozza da pittore. L’idea  è questa: ad ogni colore corrisponde un talento, una dimensione della propria vita, ogni ragazzo ha a disposizione tanti talenti, tante possibilità deve però imparare a mescolare i colori e con quei colori dipingere la tela della propria vita, tirar fuori il soggetto unico e irripetibile. Tirar fuori le caratteristiche di ognuno, mettere i propri talenti a disposizione degli altri, una tela serve ad essere vista dagli altri, tirar fuori la dimensione sociale, e interrogarsi sulle scelte di vita, chi sono io? Che faccio della mia vita? dove la oriento?, tematiche proprie di quell’età. Useremo sempre la tipologia dell’animazione, del gioco e del laboratorio.

Inizialmente avevamo pensato a Creativamenti Giò per nostra parrocchia, poi la voce si è diffusa, questo ci fa molto piacere,ci sarà una bella partecipazione non solo delle altre parrocchie della città ma anche da fuori (Lecce, Fasano, e Bari). La macchina organizzativa è a pieno ritmo, coordineremo con i tanti volontari l’accoglienza e il pranzo.

Due eventi che fanno partire la Parrocchia di S. M. Maggiore a mille, speriamo di non partire stanchi in questo anno che vuole lanciare segnali particolari”.

Altre iniziative in cantiere? Può darci qualche anticipazione?

La ripresa delle attività di catechesi, poi proseguiremo certamente con gli incontri sociali e politici avviati durante il periodo elettorale rivolti alla cittadinanza, che ci faranno sentire vicini e accompagnare i nostri amministratori, non mancheranno appuntamenti culturali.

Dal punto di vista culturale, per fine ottobre stiamo pensando di proporre un musical con musicisti di fama internazionale a conclusione dell’anno sacerdotale, che mette in scena la vita del Santo Curato D'Ars (SAN GIOVANNI MARIA BATTISTA VIANNEY)”.

 

 

 

Commenti  

 
#1 minat 2010-09-04 22:00
solo per iniziare...
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI