Lunedì 17 Dicembre 2018
   
Text Size

La Cipolla Rossa di Acquaviva a Sanremo

2828433 2b6622_767x534

 

 

Una delegazione porterà le eccellenze regionali nella settimana del Festival della canzone italiana

 

La Puglia sarà protagonista a Sanremo non solo con i cantanti ma anche con le tipicità enogastronomiche. A Casa Sanremo, in particolare, la nostra regione avrà l’onore di organizzare la cena di chiusura con prodotti tipici da far conoscere e gustare nella settimana del Festival della Canzone Italiana.

Ci saranno infatti le mozzarelle di Gioia del Colle, la cipolla rossa di Acquaviva, il cece nero di Cassano delle Murge, il pane di Altamura, l’olio di Torremaggiore e tanti altri prodotti tipici pugliesi a deliziare il palato dei visitatori di Casa Sanremo Vitality’s (73.000 nel 2017), l’area hospitality del Festival della Canzone Italiana, che sarà allestito, come ogni anno, al Palafiori di Sanremo e sarà inaugurato il 4 febbraio dalla conduttrice televisiva Elisa Isoardi, madrina d’eccezione. La Puglia avrà un ruolo di primissimo piano a Casa Sanremo Vitality’s, essendo protagonista della cena (il 10 febbraio) che chiuderà la settimana sanremese. Per la Puglia è il terzo anno consecutivo di presenza, con una delegazione ufficiale, guidata da Elena Brulli, presidente dell’associazione Forme e delegata per la Puglia di Gruppo Eventi, presieduta da Vincenzo Russolillo, patron di Casa Sanremo Vitality’s.

“Le serate all’Ariston sono chiaramente la parte più affascinante del festival, ma vi assicuro che è solo una minima parte di quello che accade a Sanremo in quella settimana - ha spiegato Elena Brulli, affiancata dal vice presidente dell’associazione Forme, Angelo Contaldo, responsabile palco eventi Casa Sanremo - Durante il giorno avviene tutto al Palafiori, tra interviste, live, showcase, workshop, educational, show cooking e tante altre attività. Sono giornate intense, ricche di emozioni. E chiaramente, come in tutti gli eventi che fanno registrare grandi numeri, è anche un’importante occasione di promozione”.

L’iniziativa con la partecipazione della Puglia è stata resa possibile grazie all’Assessorato regionale all’Agricoltura ed in particolare, all’assessore Leonardo di Gioia, concedendo il patrocinio all’iniziativa. Un doveroso ringraziamento va inoltre agli enti e ai partner che, con il loro sostegno, hanno consentito anche quest’anno di poter riservare uno spazio importante alla nostra regione in uno degli eventi più importanti d’Italia”.

Tra gli enti che hanno maggiormente sostenuto la delegazione pugliese a Casa Sanremo c’è la Confcommercio, che promuoverà il progetto “Mangia la Cultura”, ma ci sarà pure l’associazione “Cuore della Puglia”, con i Comuni di Acquaviva delle Fonti, Cassano delle Murge e Cellamare, per promuovere le specialità enogastronomiche e le bellezze del territorio attraverso una canzone: “Noi siamo il Cuore della Puglia”. Il brano, cantato dall'attore barese Paolo Sassanelli, è un inno ai paesi, tesori della Puglia centrale da scoprire.

E poi naturalmente ci sono i cantanti da tifare tra cui Ermal Meta, che sebbene sia albanese di origine e nascita, è barese di adozione e che salirà sul palco dell’Ariston con Fabio Moro ed il brano “Non mi avete fatto niente”, Ron, nome d’arte di Rosalino Cellamare originario di Trani, con il brano “Almeno pensami”, il martinese Renzo Rubino con “Custodire” ed il brindisino Bungaro che parteciperà insieme con Ornella Vanoni e Pacifico.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI