Lunedì 20 Novembre 2017
   
Text Size

Festa Patronale: ecco le misure di sicurezza

madonna di_costantinopoli

In vista della Festa Patronale, il Sindaco di Acquaviva Davide Carlucci e il Vice Presidente delegato del Comitato Festa Patronale Vito Caroli hanno diffuso il seguente comunicato sulla predisposizone delle misure di sicurezza così come previsto dalle recenti norma nazionali.

Con un po’ di buon senso e di elasticità, quest'anno celebreremo la Festa della Madonna nel migliore dei modi, recuperando anzi la dimensione intima e autentica di questa ricorrenza. Facendo di necessità virtù, coniugheremo le esigenze di sicurezza richieste dal Ministero dell’Interno con il nostro desiderio di mantener viva una tradizione che si ripete da secoli. 

Quest'anno la festa della Madonna sarà più raccolta nelle vie del centro, e, come si sta facendo anche negli altri Comuni del circondario, protetta da “New Jersey” o altre barriere nelle principali arterie stradali e, in particolare, nelle vie di accesso al luna park. Agenti della Polizia Locale, Carabinieri, Vigili del Fuoco, steward, volontari della Croce Rossa, di Gioia Soccorso Onlus e di Vigilanza La Fonte saranno presenti per vigilare sulla nostra incolumità, sebbene non ci siano ragioni particolari di preoccupazione. Sono queste solo alcune delle misure predisposte dall’Amministrazione Comunale di concerto con il Comitato Feste Patronali, la Polizia Locale e i Carabinieri sul delicato fronte della sicurezza in vista delle manifestazioni civili e religiose in calendario nell’ambito della festa patronale di settembre. Queste misure,  concordate con la Prefettura per effetto della nuova circolare del Dipartimento della Pubblica Sicurezza che fa seguito a quella del 7 giugno e a quella del Dipartimento Vigili del Fuoco, Soccorso Pubblico e Difesa Civile dell19 giugno, non ci impediranno di vivere serenamente la nostra amata Festa. 

Anzi, sarà l’occasione per vivere questi giorni in maniera ecologica, mettendo un po’ da parte l'auto e preferendo gli spostamenti a piedi o in bicicletta. Saranno necessarie, però, alcune misure di prevenzione: abbiamo l’obbligo di ridurre ogni possibile rischio che possa scaturire dalle situazioni di pericolo che sono inevitabilmente connesse allo svolgimento di alcune manifestazioni, tra cui, in particolare, il corteo storico e il lancio del pallone. 

Le sollecitazioni più insistenti che provengono dalla Prefettura ci invitano, su un fronte, a contenere il più possibile l’estensione delle aree interessate dalle manifestazioni civili e religiose e, sull’altro, a rendere più capillare e rigoroso il controllo dell’afflusso del pubblico alle aree interessate dagli eventi. Il Comitato Feste Patronali, adeguandosi alle misure imposte dal Ministero e recependo le raccomandazioni della Prefettura e della Polizia Locale ha rivisto il percorso del corteo storico eliminandone una parte; ha adottato – più di quanto non abbia fatto già negli ultimi anni – misure di sicurezza stringenti basate su sistemi di filtraggio dell’accesso alle piazze, sulla sorveglianza dei punti nevralgici per la viabilità, sulla creazione di percorsi di evacuazione veloce, sulla predisposizione di barriere antisfondamento in prossimità delle principali vie di accesso alle aree coinvolte dalla festa. Tutto ciò con l’ausilio, naturalmente, di professionisti e volontari in possesso delle necessarie abilitazioni e competenze professionali! 

L’adozione di queste misure peserà in maniera significativa sul già risicato budget a disposizione del Comitato Feste: una parte delle risorse raccolte sarà necessariamente destinata all’adozione delle misure predisposte in ottemperanza alle prescrizioni del Prefetto. Valuteremo, nei prossimi giorni, come riequilibrare la distribuzione delle risorse disponibili limitando, il più possibile, la mortificazione e la cancellazione di eventi programmati inizialmente. 

Il piano della sicurezza in via di predisposizione naturalmente non prescinde dalla collaborazione di tutti i cittadini: Amministrazione Comunale, Comitato Feste Patronali e tutti gli attori impegnati sul fronte della sicurezza e della prevenzione confidano nella disponibilità e nel buon senso dei singoli. Il rispetto delle norme di sicurezza e dei divieti e la segnalazione tempestiva di situazioni di pericolo sono gli elementi indispensabili perché tutto possa svolgersi in serenità e sicurezza. Ci affidiamo quindi alla comprensione, alla pazienza, al buon senso e alla collaborazione di tutti quanti. Nei prossimi giorni forniremo una rappresentazione completa e dettagliata del piano complessivo della sicurezza con l’indicazione dei percorsi di corteo storico e delle processioni, delle aree pedonali, dei presidi di sicurezza e di soccorso e dei numeri utili per ogni evenienza.

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI