Sabato 25 Novembre 2017
   
Text Size

Acquaviva partecipa a “Illuminiamo il Futuro”

Illuminiamo il_futuro_naming

Dal 3 al 9 aprile un’intera settimana di mobilitazione per sensibilizzare sul tema della povertà educativa


Al via la seconda edizione della settimana di mobilitazione “Illumiamo il Futuro”, promossa dall’organizzazione non governativa Save the Children. Anche Acquaviva sarà protagonista della settimana di mobilitazione, gestita dal gruppo territoriale di volontari dell’organizzazione nostra città.

L’iniziativa fa parte della più amplia campagna “Illuminiamo il Futuro”, avviata nel 2009 per contrastare la povertà educativa in Italia e sostenere i Punti Luce, spazi dove bambini e adolescenti possono seguire gratuitamente attività educative, ricreative e culturali. La campagna fu avviata dopo la presa di coscienza di un dato drammatico : in Italia oltre 1 milione di bambini e adolescenti vive in povertà assoluta. Questa è una povertà disastrosa, che mina le loro possibilità di crescita di pieno sviluppo di una persona, ma accanto a questa situazione difficile e spaventosa c’è anche un’altro tipo di povertà, ugualmente grave e drammatica: la povertà educativa, ossia la mancanza di opportunità formative per i bambini. Una povertà che li priva della possibilità di costruirsi un futuro. O anche solo di sognarlo. Povertà che si alimentano reciprocamente e si trasmettono di generazione in generazione. Allo stesso tempo, povertà educativa significa anche limitazione delle opportunità di crescere dal punto di vista emotivo, delle relazioni con gli altri, della scoperta di se stessi e del mondo. Il 64% dei minori non accede ad una serie di attività ricreative, sportive, formative e culturali, come leggere un libro, andare a teatro o a un concerto, visitare un museo o un sito archeologico.

Per questo motivo nacque la “Illuminiamo il futuro”, e sempre per gli stessi motivi sull’intero territorio italiano, per sette giorni, dal 3 al 9 aprile, si susseguiranno attività ed eventi simbolici dell’impegno comune nel combattere la povertà educativa. Avvicinamento alla lettura, scuole aperte, iniziative sportive, visite gratuite a musei e siti archeologici, realizzazione di eventi artistici e culturali gratuiti (orchestre giovanili, mostre di opere delle ragazze e dei ragazzi, …) saranno solo alcune delle attività che saranno messe in atto durante i sette giorni di mobilitazione.

Il Gruppo di volontari Save the Children Acquaviva ha aderito alla settimana di mobilitazione, e dopo aver mappato gli enti presenti sul territorio che già lottano per sradicare il fenomeno della povertà educativa, ha proceduto a contattarli e ad organizzare delle attività con loro. Queste iniziative sono state ideate ed organizzate autonomamente o con il supporto dei volontari di Save the Children, dai vari enti contattati, a testimonianza del loro impegno nel contrasto alla povertà educativa, e tali attività serviranno per informare l’opinione pubblica sul fenomeno e sulle azioni di contrasto ad esso.

Il calendario è fitto di attività, organizzate da scuole, associazioni ed enti educativi in autonomia o con il supporto di Save the Children. Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare, anche solo per dare un'occhiata e rendervi conto di quanto si fa concretamente per sconfiggere la povertà educativa, anche se non sempre è facile riconoscere il lavoro e la volontà di migliorare le cose che ci circonda.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI