Giovedì 23 Novembre 2017
   
Text Size

Vaccinazioni: miti, realtà ed evidenze della rete e della scienza"

seminario vaccini.3

 

Il giorno 9 dicembre alle ore 19 presso la sala anagrafe del comune di Acquaviva delle Fonti l’Associazione per la Ricerca Biomolecolare Onlus terrà un seminario dal titolo "VACCINAZIONI: miti, realtà ed evidenze della rete e della scienza".

Lo scopo dell’incontro è quello di analizzare la dilagante mole di dati, pericolosamente mascherati a volte di scientificità, i quali indicherebbero che i vaccini provochino più danni delle malattie che curano.

Il fenomeno, che ha assunto una portata globale, nasce nel 1988 quando un articolo pubblicato su una prestigiosa rivista scientifica suggerì una correlazione tra la vaccinazione trivalente contro il morbillo, rosolia e parotite e l’autismo. Nonostante lo studio sia stato in seguito ritirato dopo la dimostrazione della manipolazione dei dati e l’autore sia stato radiato dall’ordine dei medici inglese, il mito ha continuato a serpeggiare sui social network.

Numerosi sostenitori dell’”antivaccinismo” ancora oggi rincarano la dose, facendo leva sulla paura e sulla scarsa conoscenza dell’argomento, accusando di complotti a spese della gente comune da parte delle case farmaceutiche, dei medici corrotti e della stampa venduta.

La creazione nella popolazione di una sacca di resistenza alle vaccinazione ad oggi ha avuto, come unico risultato, la ricomparsa di epidemie di morbillo, passati dalle poche centinaia della fine degli anni ’90 ad alcune migliaia negli ultimi anni, e la ricomparsa di alcune patologie quali la difterite.

Nell’ambito del seminario quindi la Dott.ssa Antonella Cappelli, Giornalista de “Il Quotidiano Italiano” di Bari, analizzerà tutti i luoghi comuni le basi di certi miti diffusi dai social network" mentre il professor Prof. Paolo Maggi, dell’ Università degli Studi di Bari "Aldo Moro“, esporrà le evidenze scientifiche ed i dati epidemiologici ad oggi disponibili sull’argomento.

Locandina ARBO_9_12

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI