Venerdì 24 Novembre 2017
   
Text Size

Mensa scolastica non ancora partita

Lettera

I genitori della Commissione Mensa: “Non si comprendono i motivi del ritardo”

 

Pubblichiamo di seguito la nota giunta in Redazione. I genitori della Commissione Mensa chiedono all’amministrazione chiarimenti sull’inizio del servizio mensa:

 

“Ad oggi, 26 ottobre 2016, l'amministrazione comunale non ha ancora comunicato la data di inizio del servizio mensa. La vicenda è davvero singolare perché non si comprendono i motivi del ritardo.

Per coloro che non fossero a conoscenza di fatti, si informa che la commissione mensa (composta oltre che dai genitori e dai docenti anche da funzionari amministrativi e dall'assessore all'istruzione) si è riunita più volte durante l'a.s. scorso (verbalizzando la necessità che il servizio potesse partire il prima possibile, entro la metà di ottobre, e comunque determinando per tempo una data certa) e quest'anno sollecitando, per vie informali, che fossero avviati per tempo tutti gli atti amministrativi necessari.

In particolare, nell'ultimo incontro del 14 ottobre, l'Amministrazione ci comunicava che il servizio sarebbe partito tra il 24 e il 27 ottobre. Alle richieste dei genitori sui motivi del ritardo (le attività didattiche sono iniziate il 15 settembre) e dell'incertezza ci è stato risposto, in modo sbrigativo, che era dovuto a "problemi amministrativi". Vaghe e infondate sono state ancora una volta le spiegazioni, a quel punto chieste con più determinazione, da parte dei genitori che hanno il dovere di conoscere i veri motivi del ritardo.

Il mistero rimane perché:

1. la ditta del servizio di somministrazione pasti è, come previsto dal bando di 2 anni fa, la stessa poiché era prevista una proroga per altri 2 anni;

2. la ditta che gestisce la piattaforma dei buoni-pasto è stata individuata l'anno scorso;

3. c'è la disponibilità finanziaria per il cofinanziamento, anzi vi è una determina del dirigente di un minor introito e spesa per l'a.s. scorso relativa ai contributi dei genitori, per un minor numero di pasti somministrati (che evidentemente sottende un risparmio anche del cofinanziamento dell'ente), tant'è che si era proposta anche una riduzione dei costi per i meno abbienti (questa comunque è un'altra storia);

4. i docenti che lavorano con passione e professionalità non attendono altro che l'inizio della mensa poiché allunga il tempo scuola consentendo così lo svolgimento in pieno del programma didattico.

Alla luce di quanto sopra esposto rimane il rammarico per la gestione dell'avvio di questo servizio (al contrario della mensa per l'asilo nido che parte ogni anno puntale al primo giorno di scuola, quest'anno il 15 settembre). Non si è pensato per tempo ad organizzare una conferenza di servizio tra amministrazione e dirigenti scolastici per stabilire l’inizio dell’attività di mensa, e in seguito, un incontro tra i dirigenti e funzionari del Comune per stabilire gli atti necessari propedeutici per la data stabilita.

Auspichiamo che il servizio venga al più presto attivato”.

I genitori della commissione mensa:

Simona Arcano

Silvana Basile

Annalisa Caferra

Domenico Lacorazza

Angela Luiso

Maira Ilenia Petrelli

Raffaele R. Petruzzellis

Nico Vittore

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI