Venerdì 24 Novembre 2017
   
Text Size

Borghi Autentici: il 15 ottobre “Laboratorio di Comunità”

lab di_comunit.2

 

A partire dalla pubblicazione della L.R. 44/2013, l’Associazione Borghi Autentici d’Italia ha svolto un’intensa iniziativa volta a supportare i borghi associati nella elaborazione e redazione di una programmazione strategica locale e territoriale di carattere integrato, sulla base della quale avanzare candidature sistemiche e d’area vasta sulle opportunità offerte, a livello regionale e nazionale. Ad oggi, la parte sistemica del Programma riguarda, indirettamente, tutti i borghi della rete pugliese (circa 82 comuni) ma, ai fini di una partecipazione ai bandi e dell’accesso alle risorse regionali, circa 40 comuni hanno sviluppato una specifica progettualità, a scala comunale e/o d’ambito, ponendo al centro i bisogni e le vocazioni territoriali, attraverso un percorso di partecipazione e coinvolgimento delle comunità locali. In questo contesto anche la zona del centro barese ha scelto di rispondere attivamente alle sollecitazioni lanciate dalle L.R. 44/2013 e con il supporto tecnico dell’Associazione Borghi Autentici d’Italia, sabato 15 ottobre a partire dalle ore 9.00 presso la sede municipale di ACQUAVIVA DELLE FONTI c/o Palazzo de Mari – sala Colafemmina, organizzano il primo Laboratorio di Comunità dei Borghi Autentici dell’ambito nell’area Centro barese.

I Comuni di ACQUAVIVA DELLE FONTI, CASSANO DELLE MURGE, BITETTO e TURI che fanno parte della rete nazionale dei Borghi Autentici, in attuazione della Legge Regionale 44/2013 “per il recupero, la tutela e la valorizzazione dei borghi più belli d’Italia in Puglia”, stanno redigendo un Programma d’Ambito per la zona del centro barese. Il programma è uno strumento amministrativo che pone la comunità, al centro delle scelte di priorità per uno sviluppo locale auto-sostenibile. Per questo la scelta, di organizzare il laboratorio del 15 ottobre, un momento di progettazione inclusiva, in cui immaginare lo scenario dei Borghi Autentici dell’ambito del centro barese in un arco temporale di 10 anni e individuare le priorità d’azione, per innescare un cambiamento virtuoso verso quello scenario.

Il laboratorio di Scenario Condiviso sarà strutturato secondo il metodo EASW (European Awerness Scenario Workshop), si articola in una sola giornata intensa, basata sulla possibile integrazione di esperienza, prospettive e sensibilità differenti. Il laboratorio è infatti aperto ad un’ampia e rappresentativa tipologia di classi di attori:

amministratori locali;
operatori sociali aderenti al terzo settore locale;
operatori economici locali (imprese, tour operator, proprietari strutture ricettive, cooperative sociali);
operatori tecnici (tecnici progettisti in campo ambientale, territoriale, architettonico, di recupero dei beni culturali, di programmazione strategica e sviluppo locale, nel campo delle ICT, del design, agronomi, forestali, etc…;
operatori culturali (dirigenti scolatici, docenti, gestori beni culturali, giornalisti, artisti, consulenti.

Chiunque volesse partecipare e candidarsi deve solo compilare il form in allegato e spedirlo alla mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. entro venerdì 14 ottobre ore 12.00. Per tutti è importante aver maturato un’esperienza diretta del contesto territoriale, non è essenziale la residenza nei 4 comuni dell’area barese.

 

Laboratorio-comunita

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI