Lunedì 20 Novembre 2017
   
Text Size

Reddito di dignità, il Comune invita a presentare progetti

reddito-dignit-1

Stamattina il sindaco Davide Carlucci e l'assessore ai Servizi sociali Tina Capozzo hanno organizzato un primo incontro con i rappresentanti delle associazioni e delle parrocchie convocati per presentare progetti per il Reddito di Dignità della Regione Puglia.
Hanno partecipato i coordinatori della Croce Rossa, dell'Osservatorio Civico, dell'associazione Amici dell'Ambiente e della Cattedrale. Nei prossimi giorni saranno organizzati altri incontri con le altre organizzazioni. 
Il Comune - si legge in una nota dello stesso - sta stimolando le proposte di associazioni, cooperative, aziende, ditte individuali, organizzazioni del Terzo Settore, enti religiosi, organizzazioni sindacali, istituti scolastici privati, organizzazioni di volontariato, parrocchie e altri soggetti pubblici e privati.
Tutte queste realtà potranno presentare da giovedì 21 luglio progetti di tirocinio formativo e inclusione sociali.
Potranno essere inseriti in questi tirocini uomini e donne con Isee inferiore ai 3000 euro che potranno beneficiare di integrazioni al reddito da 200 a 600 euro. Costoro potranno fare domanda direttamente sul sito della Regione "Sistema Puglia" oppure attraverso  la Pua (Porta Unica di Accesso ubicata negli uffici dei Servizi sociali del Comune di Acquaviva) o attraverso i Caf. 
"Invitiamo tutte le organizzazioni che ne hanno titolo a presentare progetti nel più breve tempo possibile",è l'esortazione del sindaco. Le attività di utilità pubblica e sociale che i tirocinanti dovranno realizzare possono essere varie: dalla piantumazione dei fiori al supporto agli eventi culturali, dal ripristino dei muretti a secco alla cura delle persone in difficoltà.
Nei prossimi giorni saranno organizzati altri incontri per coordinare le progettualità di tutte le associazioni che a settembre saranno vagliate dagli uffici regionali. 
 

Commenti  

 
#3 Nicole 2016-07-30 15:27
Bravo,Michele Natale.
 
 
#2 Michele Natale 2016-07-27 15:38
Associazioni, cooperative, aziende, ditte individuali, organizzazioni del Terzo Settore, enti religiosi, organizzazioni sindacali, istituti scolastici privati, organizzazioni di volontariato, parrocchie e altri soggetti pubblici e privati potranno presentare entro il 21 luglio progetti di tirocinio formativo. A questi tirocini dovranno partecipare (lavorare) i fruitori del "reddito di dignità" per una ricompensa (paga) da 200 a 600 euro al mese (non è dato sapere per quante ore giornaliere di lavoro gratuito). Questo è lo schiavismo di Emiliano, di cui il sindaco Carlucci e l'assessore Capozzo si fanno portavoce. Lavoro sottopagato e super sfruttamento in cambio di una presunta dignità che dopo un anno svanirà e si ripiomberà nella "indegnità" precedente. Scambiare questo per un servizio sociale è davvero troppo. L'unico risultato di questa squallida operazione e che per un anno l'indice statistico della disoccupazione scenderà e Renzi si potrà vantare che grazie alle sue riforme la ripresa è vicina, ma non arriva mai.
 
 
#1 ANTONIO D 2016-07-20 11:47
QUALI ASSOCIAZIONI INVITATE? LA NOSTRA ASSOCIAZIONE NON E' STATA MAI INVITATA, NE' HA RICEVUTO UNA COMUNICAZIONE EPPURE SIAMO ISCRITTI NEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI DEL COMUNE OLTRE CHE ALLA REGIONE. E' MAI POSSIBILE CHE LE ASSOCIAZIONI COME LA NOSTRA APPRENDE QUESTE NOTIZIE SOLO ATTRAVERSO I NETWORK? IN TUTTI GLI ANNI DI ISCRIZIONE MAI UN INVITO. ESISTIAMO OPPURE NO? LA NOSTRA ASSOCIAZIONE E' "ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO LIBERAMENTE" PER ESSERE TRASPARENTI. CI RIMANE SOLO LA DELUSIONE DI NON ESSERE MAI CONSIDERATI. GRAZIE
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI