Venerdì 24 Novembre 2017
   
Text Size

"Un Mare di Sì per fermare le Trivelle"

un mare_di_si_per_fermare_le_trivelle.2.2

 EventoTrivellediocesano

Il prossimo 8 aprile 2016 alle 19,00 presso il Teatro Mercadante di Altamura avrà luogo un incontro informativo in vista del Referendum con cui si vuole mettere un freno alle trivellazioni petrolifere nei nostri mari. Interverranno: la prof.ssa Albina Colella (ordinario di geologia – Università della Basilicata), l'avv. Loretta Moramarco (dott. Diritto ed Economia dell'Ambiente – Università di Bari), la dott.ssa Angela Gentile (pastorale sociale e lavoro Taranto), Federico Cuscito (coord. No Triv Terra di Bari). Coordina Anna Larato (giornalista Gazzetta del Mezzogiorno) ed introduce S.E. Mons. Giovanni Ricchiuti.

Questo Referendum rappresenta un passaggio cruciale per la salvaguardia del nostro territorio, è stato promosso da 9 regioni tra cui la Puglia e si voterà domenica 17 aprile 2016.

Il nostro SI al quesito referendario servirà ad opporsi ad un modello economico rischioso per l’ecosistema marino, ma soprattutto rappresenta la richiesta forte di una diversa politica energetica che promuova sempre più le fonti rinnovabili e superi il ricatto lavoro-salute.

Partecipando tutti al referendum avremo la possibilità di affermare la priorità del diritto alla salute e all’ambiente sull’interesse economico di pochi, di un'economia sana (pesca, turismo naturalistico, culturale e gastronomico) su un'economia “malata” legata ad una idea vecchia di sviluppo.

Il referendum è valido se voterà il 50% + 1 degli aventi diritto: una sfida importante. Papa Francesco nella sua ultima enciclica “LAUDATO SI” invita tutti gli uomini a salvaguardare il creato: “la sfida comune di proteggere la nostra casa comune comprende la preoccupazione di unire tutta la famiglia umana nella ricerca di uno sviluppo sostenibile e integrale, poiché sappiamo che le cose possono cambiare” (13).

Ognuno è chiamato a fare la propria parte. L’appuntamento del 17 aprile è il primo di una stagione referendaria per la democrazia, che passa per il referendum sulle riforme costituzionali del prossimo autunno, arriva a quelli per la difesa della scuola pubblica, i rifiuti zero e “Trivelle zero” per i quali presto inizierà la raccolta firme.

Ecco perché nelle scorse settimane è nato ReteRENDUM Murgia (reterendum.org): cittadini attivi, associazioni e comitati dei comuni di Altamura, Gravina, Acquaviva e Santeramo che vogliono sperimentare un percorso di aggregazione, un laboratorio di cittadinanza per la partecipazione attiva per i nuovi referendum, con uno sguardo ai referendum sull'acqua del 2011. La Diocesi ha voluto sostenere questo progetto promuovendo l'incontro pubblico dell' 8 Aprile ad Altamura.

Diamoci da fare tutti /e, credenti e non, partecipando alla consultazione elettorale, ed esprimendo al Referendum un mare di Sì per proteggere la nostra Casa comune.

 

Pastorale Sociale e del Lavoro

Diocesi di Altamura- Gravina-Acquaviva delle Fonti

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI