Lunedì 20 Novembre 2017
   
Text Size

Innovazione istituzionale e governo del territorio

eventi conclusivi.2

Mercoledì 18 novembre alle ore 15 presso Masseria Mofetta ad Acquaviva, si svolgerà il primo dei tre eventi conclusivi del corso di formazione in materia urbanistica denominato INNOVAZIONE ISTITUZIONALE E GOVERNO DEL TERRITORIO e organizzato dall'Ente di formazione MurgiaFor. 

 

L'evento, dal titolo IL PROGETTO SOSTENIBILE, che sarà introdotto dal Sindaco Davide Carlucci e dall'Assessore all'Urbanistica Francesco Bruno, avrà come focus l'applicazione dei principi e dei criteri della progettazione sostenibile negli interventi di riqualificazione urbana e di recupero del patrimonio edilizio esistente, con particolare riferimento all'uso ottimale delle risorse, alla salvaguardia dell'ambiente costruito, al risparmio energetico, al rischio sismico, alla qualità dell'architettura e dell'ambiente urbano.

Il caso di studio analizzato è l'ex-mattatoio di Acquaviva e il quartiere San Domenico, su cui sono stati sviluppati studi e progettualità nell'ambito dei workshop tenuti nelle scorse settimane da parte di docenti e corsisti.

L'iniziativa è aperta a tutti, professioni e cittadini, e, oltre a presentare alle comunità territoriali i casi studio dei workshop, saranno un momento di discussione sulle opportunità e sulle criticità insite nella governance del territorio.


 

il progetto_sostenibile.2

Innovazione istituzionale e governo del territorio: se ne discute con grandi nomi dell’ambito urbanistico in Italia.

Il rischio delle procedure innovative è quello di non riuscire ad accordarsi né con l'ordinaria amministrazione né con gli strumenti di pianificazione  tradizionali, con la conseguenza che, leggi nate per implementare la capacità di programmazione, inneschino invece un corto circuito burocratico; ciò dipende dalla differenza di approccio della programmazione strutturale rispetto alla logica lineare della pianificazione tradizionale e alla preminenza di vincoli e formalismi burocratici.

Ne deriva la necessità di un ripensamento del concetto e delle pratiche di regolazione, che non possono più essere esclusivamente conformative rispetto a norme predefinite e/o distributive rispetto a risorse pre-assegnate; tanto i disastri ambientali quanto la crisi economica rendono urgente uno schema di governo del territorio capace di guidare e comporre gli interessi, di stimolare i processi, di rigenerare risorse, e di attuare politiche pubbliche adeguate, che sappiano riattivare i centri propulsori già presenti nelle comunità e nei nuovi territori della produzione e nei paesaggi della storia.

Se ne discute a conclusione dei Corsi organizzati da Murgiafor , vincitrice dell'Avviso Pubblico n. 7/2015 P.O. Puglia 2007-2013 asse VII Capacità istituzionale "Prassi di innovazione istituzionale e governo del territorio", con il coordinamento scientifico di Mariagiovanna Turturo, proveniente dalle esperienze di rigenerazione urbana dei laboratori partecipati.

Infatti i corsi, sotto la denominazione INNOVAZIONE ISTITUZIONALE E GOVERNO DEL TERRITORIO, sono stati caratterizzati dall'ibridazione scientifica e metodologica tra realtà accademiche, amministrative , professionali, e laboratoriali, per rispondere alla complessità propria delle trasformazioni urbane e territoriali.

In aula si sono succeduti, nell’arco di circa un mese, una serie di docenti di eccellenza. Per l’Ambito 1, (Pratiche di innovazione di governo istituzionale e territorio) Urbani, Stanzione, Favia, Carlone, Migliaccio, Angiuli, Piemonte, Iacovone. Nell’ambito 2 (Interventi ecosistemici e tempi procedurali) Battisti, Hausladen, Tucci, Mobiglia. Per l’Ambito 3 (La rigenerazione urbana tra dinamiche di processo e procedure amministrative) Carta, Stanghellini, Ronsivalle, Badami, Losapio, Martinelli, Satalino, Annese, Lampugnani

Gli eventi finali sono aperti a tutti, professioni e cittadini,  e, oltre a presentare alle comunità territoriali i casi studio dei work shop, saranno un momento di discussione sulle opportunità e sulle criticità insite nella governance del territorio.

I tre eventi sono così calendarizzati:

1. IL PROGETTO SOSTENIBILE (Ambito 2)

18 Novembre, ore 15.00 c/o Masseria Mofetta, Via Sammichele km. 3, ACQUAVIVA DELLE FONTI

con:

Sindaco di Acquaviva delle Fonti, DAVIDE CARLUCCI

Assessore all'urbanistica Francesco Bruno

Report work shop, ALESSANDRA BATTISTI con i corsisti

COFEE BREAK

Seminario: progettazione architettonica orientata alla sostenibilità ambientale

Relatori:

Alessandra Battisti, Università La Sapienza Roma

Gerard Hausladen, TUM Politecnico di Monaco

Massimo Mobilia, SUPSI scuola universitaria della svizzera italiana

Modera:

Mariagiovanna Turturo

Descrizione: Project work per imparare ad applicare i principi e i criteri della progettazione sostenibile negli interventi di riqualificazione urbana e di recupero del patrimonio edilizio esistente, con particolare riferimento all'uso ottimale delle risorse, alla salvaguardia dell'ambiente costruito, al risparmio energetico, al rischio sismico, alla qualità dell'architettura e dell'ambiente urbano.

CASO STUDIO:

ACQUAVIVA, ex-mattatoio e quartiere San Domenico

2. NUOVE ALLEANZE TRA PUBBLICO E PRIVATO NELLA RIGENERAZIONE URBANA E TERRITORIALE (Ambito 3)

25 Novenbre, ore 15.00 c/o I Giardini di Melody, S.P. 1, BITETTO

con:

Maurizio Carta (Presidente della Scuola Politecnica di Palermo)

Stefano Stanghellini (Ordinario in Estimo c/o IUAV)

Paolo Urbani (Ordinario in Diritto Urbanistico c/o LUISS)

modera: GIOVANNA IACOVONE, associata di diritto urbanistico presso DICEM UniBas

Conclusioni:

FIORENZA PASCAZIO, Sindaco di Bitetto

ANNA MARIA CURCURUTO, Assessore Regionale all'assetto del territorio

Descrizione: Questo Project work proverà a immaginare un'esperienza di rigenerazione urbana con l'innesto di soluzioni “smart”, alla ricerca di sempre maggiore sostenibilità ambientale e della determinazione di adeguati livelli di integrazione e valorizzazione dei diversi attori economici. Per cui si punterà su modalità di intervento e di realizzazione collocate all’interno di un partenariato  tra la dimensione pubblica e quella privata.

CASO STUDIO:

BITETTO: Parco Mater Domini

3. OLTRE IL PERIMETRO, DALLA TUTELA ALLA COSTRUZIONE CONDIVISA DEL PAESAGGIO (Ambito 1)

26 novembre, ore 9.00, Antica Masseria dell'Alta Murgia, S.P. 27 "La tarantina" Km 5, ALTAMURA

con:

Introduzione : dalla tutela alla costruzione condivisa del paesaggio

Presidente Parco Lama Balice, MARIA MAUGERI

Presidente Parco dell'Alta Murgia, CESARE VERONICO

Report work shop "Oltre il perimetro", Tonio Giordano e Giovanni Pugliese

Coffee Break

Governance Territoriale: il PPTR Pugliese

Relazione introduttiva :

ALBERTO MAGNAGHI, coordinatore scientifico del PPTR

Confronto : Opportunità e criticità del PPTR

ne discutono

Annamaria Angiuli, Ordinario di diritto amministrativo UniBA

Giovanna Iacovone , consulente giuridico NTA del PPTR

Maria Valeria Mininni, Coordinatrice Assistenza tecnica PPTR

Descrizione:  “Un piano è innanzitutto un evento culturale, in quanto le trasformazioni che esso è in grado di indurre non si misurano solo con la sua cogenza tecnico-normativa (…), ma anche con la capacità di trasformazione delle culture degli attori che quotidianamente producono il territorio e il paesaggio.” incipit della relazione generale del PPTR

CASI STUDIO:

1.            Parco dell'Alta Murgia :

Seminario: PIANO DI GESTIONE DEL PARCO

2.            Parco Lama Balice:

Work shop: PROCEDURA DI APPROVAZIONE DEL PIANO DI GESTIONE DEL PARCO

3.            Lama San Giorgio, Progetto Macro Habitat:

Work shop: COSTRUZIONE SOCIALE DEL PAESAGGIO, LE MAPPE DI COMUNITA'

info: Murgiafor - Consorzio Murgia Formazione

Largo Nitti, 68 - Altamura

tel 080314517 Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. www.murgiafor.it

 

 

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI