Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

LA PROPOSTA DEL MIEAC PER COMBATTERE IL BULLISMO

mieac_28_maggio_de_amicis

 

Nell’Aula Magna della scuola “Edmondo De Amicis” si è concluso venerdì 28 maggio il corso per educatori organizzato dal Mieac (Movimento di Impegno Educativo di Azione Cattolica); quest’ultimo incontro ha avuto per titolo “emergenza ragazzi difficili” e ha riguardato l’attuale e complesso tema del bullismo dentro e fuori dalle scuole.

Attraverso l’attivo coinvolgimento degli educatori presenti in sala invitati a riferire di esperienze in merito al tema, la Dott.ssa Rosa Pinto ha precisato che per combattere fenomeni di questo tipo è necessaria la creazione di una rete sinergica fra diverse figure (insegnanti e collaboratori scolastici, assistenti sociali, genitori e associazioni di volontari) per poter intervenire tempestivamente e in modo mirato sul problema. Questo lavoro di rete territoriale, infatti, dovrebbe puntare ad approfondire la conoscenza delle situazioni a rischio per prevederne una soluzione che passi per la famiglia, la scuola ed il quartiere.

L’obiettivo è quello di ripristinare il senso dell’autorità perduto da chi perpetra atti reiterati di intimidazione, attraverso un comportamento condiviso e coerente fra coloro che sono chiamati ad arginare il fenomeno. Ecco quindi spiegata l’utilità di un corso di formazione aperto ai responsabili del settore educativo. Il convegno previsto dal 22 al 25 luglio a Prato dal titolo “Comunità possibili. Nodi e snodi dell’esperienza educativa” e i prossimi appuntamenti che riprenderanno ad Acquaviva da settembre serviranno a porre le basi per “illuminare il tema dell’educazione” e per aiutare tutti i soggetti coinvolti ad uscire dal silenzio e dall’isolamento.

Per ulteriori informazioni circa il progetto e le date dei prossimi incontri visitate il sito nazionale: www.impegnoeducativo.it.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI