Venerdì 24 Novembre 2017
   
Text Size

Presentata l’istituzione DE. C.O. di Acquaviva delle Fonti

presentazione deco.18_ottobre_2015

 

Lo studente Vito Cassia è il vincitore del concorso per la realizzazione del logo

deco.2.2La valorizzazione del territorio in ambito economico, culturale e turistico è da sempre uno tra i punti fondamentali del Comune di Acquaviva, che a questo proposito, nel maggio 2014, ha approvato all’unanimità il Regolamento per “tutelare, valorizzare, rilanciare le attività e le produzioni agro-alimentari, enogastronomiche, artigianali come da tradizioni e culture locali” attraverso l’Istituzione della DE.C.O. Denominazione Comunale di Origine, che mira dunque a valorizzare le attività non solo agro-alimentari, ma anche artigianali locali, per promuovere il territorio di Acquaviva. 

Si è tenuta il giorno 18 ottobre presso la sala Anagrafe del Comune di Acquaviva, proprio in occasione della festa locale del Calzone di Cipolla, la cerimonia di presentazione del modello DE.C.O., nell’ambito del quale è stato anche premiato il vincitore del concorso indetto per la realizzazione del Logo dell’istituzione, seguito dalla consegna del marchio ai produttori che ne hanno fatto richiesta.

Ad aprire la serata è stato il sindaco Davide Carlucci, che ha illustrato le prerogative di questa Denominazione Comunale di Origine, che Acquaviva abbraccia insieme ad altri 40 comuni, paragonandola ad una carta d’identità del prodotto, un elemento che dona garanzia ai consumatori, in quanto “attraverso il rilascio di questo marchio istituzionale di riconoscimento, i comuni danno la certezza che quel prodotto è tipico di quel territorio.”

La serata tuttavia, è stata anche l’occasione per premiare il vincitore del concorso per la realizzazione del Logo DE.C.O., andato a Vito Cassia, neodiplomato presso l’Istituto Professionale Rosa Luxemburg, che ha partecipato al concorso per la realizzazione di questo progetto, seguito dalla sua scuola e dalla Prof.ssa Floriana Sportelli.

 DSC00057.2

Il Logo creato da Vito, che rappresenta una cipolla stilizzata, è stato scelto per rappresentare l’Istituzione DE.C.O. da una commissione composta da Antonia Signorile, Giuseppe Baldassarre e Giovanni Tricarico, tutti estremamente colpiti dal Logo, grazie alla sua “figurazione semplice e fresca”; il progetto vincitore è stato infatti scelto dalla commissione tra i tanti proposti, in quanto, come spiega Antonia Signorile, favorito anche dal “colpo d’occhio sulla cipolla, simbolo evidente di Acquaviva, che ha permesso al logo di rispondere alle esigenze di prodotto”.

 

Tra gli altri interventi dei membri della commissione, Giuseppe Baldassarre ha voluto sottolineare l’importanza della DE.C.O. nella società di oggi, dove si assiste ad un “recupero della cultura locale, con il futuro che guarda alla valorizzazione dei prodotti legati ai luoghi”, di cui l’Expo di Milano ne è un grande ed attuale esempio.

Sull’importanza del ruolo del prodotto con marchio DE.C.O. all’interno del mercato, si sofferma invece Giovanni Tricarico, illustrando come un prodotto con caratterizzazione di un territorio offra qualcosa di diverso e possa quindi essere anche più “appetibile” per raggiungere mercati mai raggiunti, in quanto “la differenza nei mercati è un percorso d’obbligo.”

Soddisfatto invece, il vincitore del concorso e creatore del Logo, Vito Cassia, che da studente di grafica spiega come la sua idea di creare come simbolo una cipolla stilizzata, sia stata un’unione tra il simbolo di Acquaviva e una delle caratteristiche principali della grafica, ossia la sintesi.

 

DSC00055.2A margine della presentazione è stato infine consegnato allo studente il premio per la vittoria nel concorso, consistente in una borsa di studio. Il sindaco Carlucci, ha tenuto a sottolineare come la borsa di studio sia stata offerta dalla famiglia Cassano, spiegando come il professor Giuseppe Cassano, che ha appena compiuto 103 anni e ha attualmente pubblicato un libro dal titolo “Acquaviva e… dintorni. Le parole che il vento disperde”, un’opera interamente dedicata al nostro territorio, abbia fortemente voluto offrire questa borsa di studio “per un’attività che avesse un forte legame con il territorio”.

A conclusione della serata, il sindaco ha consegnato i certificati a marchio DE.C.O. ad alcuni produttori che ne hanno fatto richiesta, dimostrando di produrre prodotti nel territorio di Acquaviva e per questo riconosciuti come locali. Si sono susseguiti coltivatori di frutta, verdura e vino locali, senza tralasciare naturalmente i produttori della cipolla rossa di Acquaviva.

La certificazione è stata consegnata ai produttori dal sindaco sul palco allestito in Piazza Vittorio Emanuele, dove era in corso la 44^ Edizione della Sagra del Calzone, perché dopotutto non c’era migliore occasione per sottolineare l’impegno verso la produzione locale, che durante una sagra folcloristica come quella del Calzone di Acquaviva.

Commenti  

 
#1 Nicole 2015-10-20 14:05
Ma si paga?x far parte del marchio DE.C.O.?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI