Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

Contro il cancro mettici la testa. La Banca dei Capelli al Don Milani

banca dei_capelli_al_Don_Milani_il_15_dicembre.2

Ci sono tanti modi per essere vicini ai malati di tumore e l'amministrazione comunale di Acquaviva delle Fonti ne ha inventato uno suo originale e a costo zero: la Banca dei Capelli.

"Contro il cancro mettici la testa" è questo il nome del progetto nato lo scorso anno con lo scopo di raccogliere ciocche di capelli con determinati parametri che vengono date alla Calviclinica, un'azienda di Bari specialista del settore, che mette a disposizione dei pazienti oncologici, che ne facciano richiesta, gratuitamente parrucche inorganiche.

Nella nuova consapevolezza che bisogna curare la persona con la malattia e non soltanto la malattia, l’Amministrazione Comunale di Acquaviva delle Fonti promuove un’iniziativa che vuole rappresentare un approccio alle patologie neoplastiche in termini globali comprendendo la cura del paziente nella sua totalità.

“Lunedì 15 Dicembre all'istituto Don Milani di Acquaviva – ci comunicano dall’Associazione Banca dei Capelli- incontreremo dalle 9.00 alle 13.00 gli studenti per presentare il progetto e tagliare le ciocche dei capelli dei ragazzi che ci daranno la disponibilità”.

Attenzione però: il taglio minimo dovrà essere di 25 centimetri, al di sotto di questa lunghezza non è possibile infatti lavorare i capelli.

Al seguente sito internet: http://www.bancadeicapelli.it/ è possibile trovare tutte le informazioni utili sia ai parrucchieri, che alle amministrazioni che ai pazienti.

Ecco il Vademecum per la perfetta donazione: I capelli o ciocche dovranno essere lunghi almeno 25 cm, ben asciutti, raccolti in trecce o in ciocche bloccati da elastici per evitare che si rovinino. Possono essere Tinti purché siano di un unico colore, non presentino: Meches – Colpi di sole o quant’altro. Ogni ciocca appartenente alla stessa persona va messa in una borsa di plastica separata da altri tipi di capelli.

 

 

fb15DICEMBRE DONMILANI

 

 

 

 

 

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI