Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

Banca dei Capelli: "Contro il Cancro mettici la testa"

foto campagna

 La Banca_dei_Capelli

Ci sono tanti modi per essere vicini ai malati di tumore e l'amministrazione comunale di Acquaviva delle Fonti ne ha inventato uno suo originale e a costo zero.

Il progetto della ”Banca dei Capelli”, nato da un’idea di Yvette Portelli, moglie del sindaco Carlucci, è stato importato da Malta, sua città natale, vede il diretto coinvolgimento dei parrucchieri invitati a spronare i propri clienti a sposare la causa donando le loro ciocche di capelli.

Contro il cancro mettici la testa” è questo lo slogan scelto dalla Banca dei capelli per promuovere l’iniziativa che da gennaio scorso ha visto il coinvolgimento di diverse comunità tanto da essere trasposto anche a livello nazionale.

Donare una parrucca alle pazienti oncologiche che non hanno la possibilità di acquistarne una, tenendo conto che la più economica ha un costo di circa 350 euro, questo in sintesi l’obiettivo del progetto.

IMG 6648_1024x768.2

Lunedì scorso nel Salone delle Feste di Palazzo De Mari la Banca dei Capelli ha incontrato i parrucchieri della città per fare il punto della situazione su quanto fatto, presentare il vademecum per la perfetta donazione e illustrare le iniziative future.

La fondatrice, Yvette ha voluto precisare che la Banca dei Capelli non ha colore politico, è costituita da un gruppo informale di amici, tutti volontari: avv. Angela Attollino, consulente legale, Roberto Cosmo webmaster, Ilaria Colacicco Pr, Lella Passiatore e Pina Losacco coordinatrici.

“La garanzia di privacy e la continuità del progetto nel tempo – puntualizza l’assessore ai Servizi Sociali Annamaria Vavalle –sono garantiti dalle Istituzioni rappresentate dalle assistenti sociali e dai dirigenti del Comune. 800 grammi di capelli vengono “ripagati” con una parrucca inorganica di alta qualità che la “Calviclinica” di Bari provvede a fornire a chi ne fa richiesta, personalizzandola. Finora abbiamo donato ben tre parrucche ad altrettante donne che ne hanno fatto richiesta tramite i Servizi Sociali. Chi è interessato alla parrucca può chiamare lo 080 3065237-2388”.

new parrucchieri_2014_copia

“Quindici giorni fa- ha detto il neo presidente della Banca dei Capelli Pino Chiechi- mi hanno coinvolto in questo progetto, stiamo studiando insieme diverse iniziative. Il taglio dei capelli è di per se un gesto banale e simbolico di intimità e solidarietà per chi è nella sofferenza della chemioterapia. Stiamo mettendo in campo una sensibilità in un periodo di abbandono dei valoro umani”.

“Per chi è malato- prosegue Yvette- significa non sentirsi solo, c’è qualcuno che ti sta aiutando e che si interessa alla causa”.

Apprendiamo che ‘La Banca dei Capelli’ ha avviato una  puntuale campagna di comunicazione.

Tra le tante iniziative messe in campo l’apertura del sito web www.bancadeicapelli.it “La  prossima locandina pubblicitaria vedrà il coinvolgimento dell’acquavivese Maria Selena Filippo, Miss Puglia 2013. “Maria Selena-ci dice Chiechi- si è mostrata molto disponibile, a breve realizzeremo anche il calendario della solidarietà 2015”. Inoltre abbiamo contattato anche il fotografo barese Fabio Ingegno, inviato lo scorso agosto come artista delegato del Comune di Acquaviva delle Fonti al Mellieha ‘Night Festival di Malta’. Wearing make-up not as mask, but as a form of exaltation of an inner beauty that has to resurface in the everyday routine of life (Il trucco non come maschera ma come forma di esaltazione di una bellezza intrinseca che deve tornare ad emergere nella quotidianità di una qualunque giornata) è questo il claim del progetto“Inferno Purgatorio Paradiso” di Ingegno un lavoro di eccezionale sensibilità evocativa sul Cancro che racconta la figura della beauty recover. 

Tra i parrucchieri aderenti all’iniziativa sarà sorteggiato un vincitore che avrà la possibilità di andare in agosto a Malta. Prosegue la collaborazione con il Miulli attraverso l’oncologo dr Giuseppe Nettis dell’ANT e la psiconcologa Angela Turchiano.

Ecco il Vademecum per la perfetta donazione:

I coiffeur aderenti all'iniziativa dovranno esporre la locandina in un punto ben visibile della vetrina e spronare i clienti a donare le loro ciocche di capelli. I capelli o le ciocche dovranno essere:

  • lunghi almeno 25 cm
  • ben asciutti
  • raccolti in trecce o in ciocche bloccate da elastici per evitare che si rovinino

Possono essere tinti purché siano di un unico colore e non presentino meches, colpi di sole o quant’altro. Ogni ciocca appartenente alla stessa persona va messa in una borsa di plastica separata da altri tipi di capelli.

Per info rivolgersi a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. cell: 320.7880004, 34533886883

Cosa aspetti? Dona anche tu una ciocca di almeno 25 cm e contribuisci alla creazione di una parrucca per pazienti oncologici.

Chiedi al tuo parrucchiere come partecipare. Info line: 339 661 14 67.

 

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI