Martedì 13 Novembre 2018
   
Text Size

Presentato “Populus Apuliae” di Nunzio Mastrorocco

Presentazione Populus_Apuliae.2

 

 

L’Atlante demografico della Puglia dal XIII ad oggi

 

Populus Apuliae” è questo il titolo dell’ultima pubblicazione di Nunzio Mastrorocco edita da Suma Editore (novembre, 2013). Si tratta di un atlante che (con oltre 10 mila dati, 350 pagine e 250 fotografie inedite) ripercorre la storia demografica di tutti i 258 Comuni della Puglia dal XIII secolo ad oggi.

Il volume è stato presentato venerdì 29 novembre 2013 presso l’Auditorium dell’oratorio San Domenico Savio. L’incontro ha registrato grande interesse e partecipazione di pubblico, sono intervenuti il sindaco Davide Carlucci, i proff. Nicola Di Cagno (IPRES), Pasquale Cordasco (Università degli Studi di Bari) e il direttore del TG Norba Enzo Magistà. L’evento è stato patrocinato dal Comune di Acquaviva delle Fonti, dall’IPRES e dall’Associazione Culturale Onlus “Oratorio San Domenico Savio.

Nel corso della serata gli illustri relatori hanno ripercorso l’opera offrendo interessanti analisi storico-economiche e provocatori spunti di riflessione.

“Sfogliando le pagine di questo volume – ha detto il professor Cordasco- si ha la possibilità di ripercorrere tutta la vita della nostra Regione […] Ci tengo a sottolineare che la sua è una ricerca minuziosa di dati e notizie lavoro complesso e duraturo che è certamente durato molti anni. Il lavoro, affrontato con pazienza certosina, spiega con la straordinaria passione del nostro autore per il versante storico e demografico, statistico economico. Le trasformazioni di tutti i centri (258 Comuni e 30 frazioni) sono rivissute attraverso la lente di ingrandimento delle cifre e stime, possiamo così conoscere dati attendibili nell’arco di 800 anni. Pagine che si sviluppano su schede molto semplici, chiare ed efficaci basate su una lineare impostazione tipografica, corredate da un supporto corografico gradevole.[…] L’autore ci consegna un significativo contributo che garantisce sicuri approfondimenti per la crescita della nostra Regione e la conoscenza del nostro passato. Vorrei ringraziare Nunzio Mastrorocco con l’auspicio anzi, con la certezza, che il suo impegno possa produrre in futuro altri frutti ugualmente apprezzabili”.

“Il volume inizia con Accadia (FG) e finisce con Zollino (LE)- ha precisato Magistà, proponendo al pubblico una curiosa analisi partendo dalle cifre dei tre capoluoghi pugliesi più popolosi del 2013 (Bari con 313 213 abitanti, Taranto con 198728 abitanti, Foggia con 148573 abitanti) e il paese pugliese più piccolo (Celle S. Vito FG con 167 Ab). […] La Puglia con i suoi 4 milioni e 51 mila abitanti (82 mila dei quali stranieri, il 2% della popolazione) resta una delle Regioni italiane qualitativamente più vivibili. Tre grossi poli di attrazione ben distribuiti sul territorio, lungo la costa adriatica con città della BAT e un riferimento interno nella Murgia Altamura che superano i 50 mila abitanti, per il resto paesi con una media di 20-25 mila abitanti e una miriade di piccolissimi centri: Capitanata (1000 abitanti di media) e Salento (2000 abitanti). La vera fotografia della Puglia è data dagli elementi statistici che ci raccontano dove siamo e dove stiamo andando. Grazie Nunzio alla prossima!”.

“È stato un percorso lungo appassionante e appassionato –ha detto Mastrorocco- e dall’altro lato un senso di appagamento, di soddisfazione, di gioia e felicità probabilmente l’obiettivo è stato in parte raggiunto, l’opera è perfettibile. Questa pubblicazione ha integrato elementi di storia e i caratteri demografia ed economia, con questo volume sono riuscito a fondere la mia professionalità con la passione per la storia. Piace pensare, infatti, che offrire statistiche concernenti l’asettica evoluzione della popolazione dei comuni pugliesi nel corso degli ultimi otto secoli, possa rappresentare un valido strumento per chiunque voglia cimentarsi in approfondimenti, studi ed analisi dei ‘fatti demografici’ (e non solo) che hanno interessato, nel tempo, i comuni di Puglia. Il mio auspicio è fornire uno strumento valido da inserire nella ‘cassetta degli attrezzi’ di chi - per passione, per studio o per professione - voglia approfondire un tassello, piccolo eppure importante, dell’evoluzione dei 258 comuni pugliesi singolarmente osservati. Questo atlante intende rappresentare un nucleo primordiale di un compendio storico, statistico e demografico della Puglia destinato a continue integrazioni”.

La presentazione si è conclusa con i consueti ringraziamenti e un ricco buffet realizzato dal Centro Polivalente Anziani di Acquaviva che ha offerto a tutti i presenti piatti tipici locali.

 

[Tratto da: "La Voce del Paese" anno V n. 47 del 6 dicembre 2013 Edizione acquaviva delle Fonti-Cassano delle Murge-Santeramo in Colle]

Commenti  

 
#1 tony66 2013-12-10 16:34
BRAVO NUNZIO
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI