Giovedì 15 Novembre 2018
   
Text Size

Liberi Di: “Acquaviva possa anche ricordare il 10 Febbraio”

francesco lopuzzo

 interno articolo_logo_liberi_di

Oltre la questione Miulli, continuando la questione Miulli:Approfitto, dunque, per esternare la piena e completa disponibilità di questa associazione a collaborare con le istituzioni e chiunque vorrà contribuire all’organizzazione delle celebrazioni per ricordare il 10 Febbraio. Sono le parole del presidente dell’associazione Liberi Di, Francesco Lopuzzo. Classe 1990, studente universitario e giornalista pubblicista. L’associazione Liberi Di ha ancora diversi progetti in cantiere: temi che saranno presto oggetto di discussione fra i giovani soci. Nessuno archivia il tema Miulli nell’interesse degli acquavivesi, dei sindacati, e dei suoi dipendenti. Anzi, è già tempo di studio e promozione del Fund raising a recente firma del dott. Nicola Marotta.

Che peso ha denotato l'assenza di una partecipazione attiva del Sindaco Davide Carlucci all'ultima conferenza dell'Associazione Liberi Di?

“Mi spiace che il Sindaco e tutta l’Amministrazione comunale non abbiano partecipato al dibattito da noi organizzato. Siamo certi che siano stati trattenuti da cause di forza maggiore. Anche perché, del resto, non sapremmo come spiegarci questa mancata partecipazione attiva, specialmente in considerazione della grande attenzione dedicata alla questione “Miulli” da parte della compagine di Governo. Addirittura, abbiamo saputo che alcuni Consiglieri comunali non hanno ricevuto l’invito. Noi abbiamo provveduto a protocollarli in data 4 novembre. Cosa è successo?”

http://www.acquavivanet.it/attualita/4966-liberi-di-questione-miulli-assente-il-mondo-politico-acquavivese.html

Ancora una volta, ha avuto luogo un brillante intervento del prof. Veneto. Entriamo, ora, nel merito: come lo potrebbe analizzare?

“Già nell’incontro del 27 settembre il Prof. Veneto fu autore di un intervento illuminante. Questa volta ha nuovamente dimostrato, non solo con le parole, grande attenzione nei confronti della situazione delicata che l’ospedale sta vivendo: anzitutto, l’appello all’unità delle sigle sindacali mira a porre queste ultime in una situazione di maggiore forza contrattuale; inoltre, l’invito a prendere immediatamente visione del piano industriale, non soltanto di quello finanziario, denota una strategia di comportamento che certamente i sindacalisti, persone molto intelligenti, terranno presente.”

http://www.acquavivanet.it/attualita/4950-miulli-prof-veneto-sindacati-chiedete-ora-piano-industriale-.html

Ha menzionato il Fund raising, promosso dal giovane dott. Nicola Marotta. Cos'è? E' la medicina per salvare il Miulli? 

“Certamente non saremo noi a salvare il Miulli. Non abbiamo le dirette competenze. È chiaro che nei limiti del possibile proviamo a dare una mano, un’idea. Poi, spetterà a chi di dovere valutarla nel merito ed eventualmente prenderla in considerazione. Come il Dott. Nicola Marotta ha dichiarato durante il dibattito dell’11 novembre, sia in una sua intervista, il Fund raising, unitamente ad iniziative di tipo politico, manageriale e sindacale, può costituire una parziale soluzione al problema. Del resto, il reperimento di risorse è quanto serve nell’immediato al Miulli per risanare un debito mostruoso.”

http://www.acquavivanet.it/attualita/4949-liberi-di-nicola-marotta-promuovere-il-fund-raising-per-il-miulli-.html

Quanto sono uniti questi sindacati? E quanto sarebbero vicini alle esigenze dei dipendenti Miulli?

“Da quel che mi risulta, i sindacati hanno vissuto un momento di frattura: da un lato tutte le sigle che hanno sottoscritto il concordato preventivo, dall’altro la CGIL che ha inteso non farlo. Al di là di questa circostanza, però, le sigle sono fortemente unite nel nome di un obiettivo comune, un obiettivo proprio e principale dell’attività sindacale: salvare il Miulli, tutelando al massimo i posti di lavoro e il benessere dei lavoratori.”

http://www.acquavivanet.it/cronaca/4282-miulli-stop-kermesse-elettorali-sindacalisti-pronti-a-presidiare-vendola-.html

 interno articolo_10_febbraio

L'Associazione Liberi Di opera nelle questioni sociali acquavivesi. Le faccio ora un esempio delicato: ad Acquaviva, è presente una piccola minoranza italiana di origini istriane e dalmate... Essa, oggi, vanta pure di discendenti, figli e nipoti. A suo parere, hanno diritto a chiedere al Comune di Acquaviva delle Fonti di ricordare il 10 Febbraio? In città, come nelle scuole?

“Partiamo da un presupposto: non deve chiedere niente nessuno. Esiste una legge dello Stato Italiano (l. 92 del 30 marzo 2004) che istituisce il giorno 10 febbraio come “Giorno del ricordo”. E questo a prescindere dalla presenza o meno in un territorio di italiani di origini dalmate o istriane. Purtroppo non ricordo grande attenzione a questo problema da parte della comunità acquavivese negli anni passati. La qual cosa è, prima ancora che mancato rispetto di una ben precisa disposizione normativa, un’offesa a tanti nostri connazionali uccisi dalla furia di Tito solo perché italiani, vittime dunque di un vero e proprio genocidio. Personalmente ho sempre chiesto, sin dal 2005, quando ancora frequentavo il liceo, il rispetto di questa giornata, il rispetto di queste vittime del fanatismo ideologico, anche nel contesto scolastico. Mi sembra un qualcosa di doveroso. Approfitto, dunque, per esternare la piena e completa disponibilità di questa associazione a collaborare con le istituzioni e chiunque vorrà contribuire all’organizzazione delle celebrazioni per ricordare il 10 Febbraio tanto in città, quanto nelle scuole.”

(GenLocal) http://genlocal.wordpress.com/2013/11/18/liberi-di-acquaviva-deve-ricordare-il-10-febbraio/

 

Profilo Facebook Associazione Liberi Di, aperta la campagna tesseramenti: http://www.facebook.com/pages/Associazione-culturale-LIBERI-Di/259005074229723

Forum GenLocal. Miulli, Care Service, serenità dipendenti: http://genlocal.wordpress.com/2013/10/09/come-si-salva-il-miulli-la-care-service-e-la-serenita-dei-dipendenti/

Opposizione: necessario parlare di albo dei writers. Ai lettori, argomento analogo: http://www.acquavivanet.it/attualita/3008-giovani-acquavivas-got-a-merchandising.html

Commenti  

 
#3 Capitan Harlock 2013-11-25 10:37
MARCIARE PER NON MARCIRE
 
 
#2 forza ragazzi 2013-11-22 22:44
Forza liberi di! Grazie x quello che state facendo x acquaviva
 
 
#1 fabio paparella 2013-11-19 14:17
Noi siamo interessati. Comitato 10 febbraio bari.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI