Venerdì 21 Settembre 2018
   
Text Size

Le Reliquie della Beata Antonia Maria Verna presso le Sr. Cirielli

madrefondatrice

suor antonia_verna 

La Comunità delle Suore d’Ivrea, meglio conosciute in Acquaviva come le Suor Cirielli, sono liete di comunicare la Peregrinatio delle reliquie della loro Fondatrice: la Beata Antonia Maria Verna.

Dal 4 al 7 novembre, presso la sede delle Suore, in via Roma sarà possibile venerare le reliquie nei tempo e nei modi che ognuno ritiene opportuno. Alle 20.00 ogni sera c’è la preghiera comunitaria.

Di seguito riportiamo qualche traccia della vita di questa Beata.

La fondatrice delle Suore della Carità dell’Immacolata Concezione di Ivrea, nacque a Pasquaro una frazione di Rivarolo Canavese (TO) il 12 giugno 1773. Precocemente sentì la chiamata alla vita religiosa, già a 15 anni lasciò la famiglia andandosi ad appartare in un luogo non meglio identificato, dopo un anno nel 1789, ritornò alla casa paterna, dando inizio al suo apostolato tra i fanciulli della frazione, che proseguì fino al 1796-97, quando si trasferì definitivamente a Rivarolo Canavese dando seguito alla sua attività di apostolato.  Nel 1806 si unì ad un gruppo di compagne, per espletare quell’apostolato di insegnamento ai fanciulli, istruzione catechistica e assistenza domiciliare agli ammalati, che da sola ormai non riusciva più a far fronte; gettava così le basi a Rivarolo di una nuova Istituzione, che però andò a rilento nella sua realizzazione a causa delle difficoltà e cavilli frapposti dalle autorità civili.  Nel 1819 riuscì ad aprire una casa, finché dopo ventidue anni di continue lotte e speranze, con decreto del 7 marzo 1828, il re Carlo Felice, diede la tanto attesa approvazione sovrana, seguita il 10 giugno dello stesso anno, ad opera del vescovo di Ivrea, dalla vestizione e professione religiosa della fondatrice, madre Antonia Maria Verna e delle prime “Figlie della Carità dell’Immacolata Concezione” nome assunto dalla nuova Congregazione, poi denominata d’Ivrea.  Ne venne confermata superiora e dovette ancora lottare negli anni successivi, in difesa dell’esistenza della sua fondazione, specie negli anni 1834 e 1835. La “passione del Regno di Dio” fu la padrona del suo animo, sin da quando era fanciulla e il mondo intorno a lei si affannava alla ricerca di un equilibrio che voleva fare a meno di Dio e delle sue leggi; questa passione fu l’unica legge della sua vita. 
Sfinita dalle lotte ma con l’animo sereno, dopo breve malattia morì a Rivarolo Canavese il 25 dicembre 1838 e tumulata nel sotterraneo della chiesa parrocchiale. 
La fama di santità, continuata per più di un secolo, ha fatto iniziare nel 1937 la causa di beatificazione. L'iter processuale ha raggiunto il suo culmine il 2 ottobre 2011, vedendo Madre Antonia ascritta nell'Albo dei Beati.

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI