Martedì 13 Novembre 2018
   
Text Size

Con il giovedì Santo si apre il Triduo Pasquale

images

  

Entrano nel vivo, questa sera, i riti della Settimana santa in preparazione alla Pasqua di Resurrezione.

Con il giovedì Santo (28 marzo 2013) si apre infatti il Triduo Pasquale.

Per la Chiesa cattolica questo è un giorno particolare perché chiude il tempo di Quaresima e ci introduce nel cuore di tutto l’anno liturgico. Con la messa in “Coena Domini” si commemora l’istituzione del sacerdozio ministeriale e dell’Eucarestia, compiuta da Gesù nell’ultima cena. Il tema dominante di questa celebrazione è la “carità”, in tale occasione si inserisce il rito della “lavanda dei piedi”, segno del servizio verso i più poveri e simbolo della “carità senza misura” che trova il suo compimento nella crocifissione. Dopo la comunione il SS. Sacramento viene custodito presso l’altare della Riposizione per essere adorato dai fedeli.

Venerdì Santo, (29 marzo) giorno di digiuno e astinenza.

Il venerdì Santo la Chiesa non celebra l’Eucarestia, ma commemora la morte del Signore attraverso una particolare azione liturgica che prevede la liturgia della Parola, l’adorazione della Croce e la distribuzione dell’Eucarestia consacrata il giorno prima. Particolare attenzione riveste, all’interno della Liturgia della Parola, la preghiera universale con la quale la Chiesa prega per diverse categorie di persone, tra le quali i non cristiani, gli ebrei e gli atei.

Alle ore 19 partirà da piazza dei Martiri la Processione dei Misteri.

Il 30 marzo, sabato Santo la Chiesa “sosta presso il sepolcro di Cristo” in attesa della celebrazione della Veglia Pasquale.

La Veglia comincia con la benedizione del fuoco, dal quale viene acceso il cero pasquale simbolo del Cristo Risorto al quale è dedicato l’antichissimo inno dell’ “Exsultet”. La Liturgia della Parola ci propone l’intera storia della salvezza attraverso i testi dell’Antico Testamento, segue poi la Liturgia Battesimale durante la quale si benedice l’acqua simbolo del passaggio alla vita nuova, in ultimo si ha la Liturgia Eucaristica nella quale si celebra il mistero del Cristo Risorto e vivo in mezzo a noi.

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI